Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

SPETACUI. Siet siums par piturâ il Friûl

............

Screât cun sucès di public e di critiche – in prime assolude propit pe viertidure di Mittelfest 2012 – “Siums” al è il secont spetacul teatrâl di produzion de Farie Teatrâl Furlane, la cuardade di cutuardis ents che si son dâts adun sot de gjestion operative de ARLeF – Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane cun chê di dâ continuitât ae produzion di tescj e spetacui teatrâls professionâls in lenghe furlane.
La opare, ben direzude di Gigi Dall’Aglio, regjist e autôr di Parme che al cognòs une vore ben il Friûl (indulà che al à par esempli bielzà firmât la regjie di un altri grant spetacul che al veve debutât a Mittelfest, ven a stâi “Bigatis” di Bartolini e Patui), e met un daûr chel altri siet “siums” che a poin su cetantis ispirazions gjavadis di oparis di Elio Bartolini, pre Antoni Beline, Novella Cantarutti, Carlo Ginzburg, Sergio Maldini, Pier Paolo Pasolini e Carlo Sgorlon. Dute cheste materie leterarie e je deventade il troi pe scriture di siet autôrs dal Friûl di vuê: Andrea Collavino, Claudio De Maglio, Paolo Patui, Massimo Somaglino, Giovanni Battista Storti, Federico Tavan, Teatrino del Rifo, Teatro Incerto e Carlo Tolazzi.
Une vore inmagant il prin dai siet siums, propit chel indulà Dall’Aglio al lavore ancje tant che autôr, svilupant la metafore pasoliniane de acuile simbul di apartignince e identitât (dal film “Uccellacci e uccellini”), in contrast cu la uniformazion ae societât e al atrat dal esercizi dal podê. Ancje il secont “sium”, al è scrit e interpretât in maniere convincente di bande dal Teatro Incerto: in sene trê predis cu la panze tant che feminis incintis – “Fasêtsi dongje di nô – a disin ae fin – parcè che finalmentri, fasint un frut, o sin tornâts a jessi oms” – che a cirin di vierzi la puarte di une cjase, metafore dal sium di pre Antoni Beline di une Glesie vierte a ducj i furlans.
Dai trê predis tal vignâl a trê feminis intune glesie: il sium di Massimo Somaglino al interprete une conte di Novella Cantarutti – Tre giovini’ – e al met a confront diviersis gjenerazions, intun sconfondimint temporâl e di sintiments (une vore ben interpretât) denant ae muart di une persone di cjase.
Simpri la muart, la incredulitât di un pari denant a un frut che al mûr cuant che al vierç i voi pe prime volte al mont, e je la protagoniste dal sium scrit di Andrea Collavino su la fonde de tradizion popolâr de miraculose Madone di Trava che e varès risussitât i fruts muarts e che e veve bielzà colpît Elio Bartolini.
Plui incjalçânt il ritmi dai siums dedicâts ai benandants (di Claudio de Maglio) e chel che al conte il passaç ae vite adulte di doi zovins che a son daûr a maridâsi intune atmosfere oniriche, intun paisaç furlan cence timp e plen di events inmagants (La gnoce strucje di Giovanni Battista Storti e Paolo Patui).
La schirie di Siums si siere cuntune vision sarcastiche sul Friûl di vuê: il Teatrino del Rifo al fâs fevelâ il poete Federico Tavan sore di dut, sore dai personaçs che a vosin dome di bêçs, ereditâts, robis: al è lui che al ricuarde che “and’è muarz che i no voleva lasciâ ce che i veva” ae fin di un divertent, ironic e amâr sipariut che si ispire liberementri a “Novante rôsis rossis”, a Navarons, il paîs vueit di Novella Cantarutti. ■
REDAZION

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +