Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

SAN SIMON. Cronache “tafaziane” tra polemichis e concors

............

Tal paîs di Tafazie (une nazion che e veve cjapât il non in memorie di chel so grant eroi che par abitudin si dave pachis sui atribûts) no si podeve fâ un dibatit di sest. Se cualchidun al diseve che in chel dì nol veve cjatât la brovade in buteghe, si jevave sù un coro che al diseve che la brovade aromai e jere stade abandonade dai tafazians; se cualchidun al diseve che nol jere rivât a mangjâ un frico a Tafazie Doc, si metevin cetancj a pontificâ che il frico al jere stât abandonât dai miôr cogos; se cualchidun al domandave un tocai al bar e i rispuindevin che nol si clamave plui cussì, une sdrume di int e tacave a contindi che aromai dut il vin blanc a Tafazie si jere butât in asêt. Insumis, dutis lis robis che a caraterizavin Tafazie a deventavin pai tafazians robis di dâi di mangjâ ai purcits. Pensait che une volte, intun paîs de culine tafaziane, dulà che si stagjonave un persut preseât in dut il mont, un tafazian intune degustazion al bruntulà parcè che i vevin fat un grissin cuntune fete di persut masse gruesse. No lu ves mai dit! E tacà dute une discussion incirche dal fat che aromai non si faseve plui il persut di une volte e che si veve di lassâ pierdi, e che i tafazians no jerin bogns di stagjonâ il persut e vie discorint. E daûr il coro, come te cjançon di Dario Fo: ah, beh, sì, beh! Ah, beh, sì, beh!
Fin che un dì, un tafazian che al jere in jurie di un premi leterari par romançs in lenghe tafaziane, al disè che il premi no lu vevin assegnât a nissun dai concorincj parcè che i lavôrs presentâts no lu meretavin. Bon, finide culì, cuissà l’an che al ven magari al sarà cualchidun che… Scherzaiso? Si jevà sù un coro di int che e tacà a dî che aromai la leterature par tafazian e jere muarte incantesemade, che nissun si sarès plui metût a scrivi par tafazian, che lis contis ai frutins lis varessin contadis par triestin, che se e veve di esisti une epiche al jere miôr scrivile par vinizian… Ah, beh, sì, beh! Ah, beh, sì, beh! Cuant che un al fasè rimarcjâ che des piçulis lenghis europeanis, il tafazian al jere chel che al veve produsût romançs plui di dutis chês altris, il coro si fasè plui fuart ancjemò. Cui che al fevelà di tradiment, cui che al disè che e jere colpe des istituzions, cui che si lamentà de Universitât di Tafazie, simpri plui lontane dal teritori. E ducj: Ah, beh, sì, beh! Ah, beh, sì, beh!
Fin che un ciertun di Parme (un che al veve scrit un libri intune altre lenghe dulà che al veve metût Pasolini a zuiâ di balon), al cjatâ la clâf par interpretâ il fat che in chê edizion dal premi nissun al veve vinçût. Dut seriôs al disè che si tratave di une fin fisiologjiche. Filologjiche? Al domandà cualchidun. No, fisiologjiche, al ripetè un altri. Nissun al veve capît (cemût? Il tafazian lu fevelavin in sîs cent mîl!) ma daurman al tacà il coro: Ah, beh, sì, beh! Ah, beh, sì, beh! Il ciertun di Parme al continuà disint che aromai i tafazians a sintivin la lôr lenghe plui pes comunicazion di famee, ma mai par scrivi romançs. Cuant che il fi di Melie dal Borc di Sot al disè a sô mari “passami il sale”, jê si segnâ – pari, fi e spirt sant – e dopo i disè al frut che tes comunicazions di famee si veve di doprâ il tafazians, che chês altris lenghis a podevin jessi dopradis par contâ la storie dai tafazians, la vite dai tafazians, i strangois dai tafazians, ma mai e po mai pes comunicazions di famee. Culì si veve di doprâ il tafazian. Il frut al restà avonde mâl e a scuele, a la prime ocasion, al fasè un saç sul frico in calabrês. Il so compagn di banc al scrivè la ricjerce su la famose joibe grasse dal 1511 in triestin (che in chê volte nancje nol esisteve). Insumis, la cuistion de lenghe e deventà la cuistion di stât. Cui che si la cjapà cul president de jurie dal premi, cui cul assessôr che al veve inmaneât il concors, cui cu la Provincie che no veve prontât i bêçs, cui cuntun avocat in pension che al veve presentât un romanç, ma che nol jere plasût a nissun. E ducj: Ah, beh, sì, beh! Ah, beh, sì, beh!
Nissun si la cjapà cun chel di Parme che al veve dit che si tratave di une cuistion fisiologjiche. Anzit, un professôr de Universitât di Tafazie al disè che se si tratave di une cuistion fisiologjiche, al coventave cjatâ un bagn libar e cussì, cuntune buine pissade, il probleme si sarès gjavât fûr. No lu ves mai dit! E tacà dute une discussion incirche dal fat che aromai non si cjatave un bagn libar in dute Tafazie e che al jere chel il probleme de lenghe! Sigûr: se nissun al podeve plui gjoldi di un moment di pâs, sentât tal bagn a lei romançs intant che si liberave des sôs necessitâs fisiologjichis, cemût varessial mai fat a scrivi romançs, se nol si documentave?! E ducj: Ah, beh, sì, beh! Ah, beh, sì, beh!
Parfin une impuartante studiose dal tafazian, che e veve curât la publicazion di un libri incirche de poesie tafaziane cuntune cjase editorie dal Gales, e spesseà a domandâ che a ritirassin dutis lis copiis, o almancul che a tradusessin in lavôr intune lenghe vive come il basc o l’ocitan, opûr, come che al diseve chel ciertun di Parme, stant che dut aromai si traduseve par talian, che ancje lis poesiis tafazianis si scrivessin dret par dret in cheste lenghe che aromai e dominave la Europe. ❚
Franco Marchetta

L’EDITORIÂL / Jù lis mans dal Tiliment

Walter Tomada
Traviersis, cassis di espansion, puints e viadots autostradâi, potenziament dal idroeletric: al mancje dome di metisi a sgjavâ cu lis trivelis par cirî gas o petroli! Ma parcè il Tiliment, che tancj studiôs a stimin jessi l’ultin flum salvadi de Europe, isal sot di dutis chestis menacis, invezit di jessi tutelât e protet cemût che […] lei di plui +

(L)Int Autonomiste / Cui aial pôre de “Cuistion furlane”?

Dree Valcic
✽✽ No ven plui nomenade, sparide dai radars dal dibatiment politic e culturâl. Di “Cuistion furlane” no si ’nt fevele plui. Di cent agns incà e esist chê meridionâl, cjare a Gramsci, e su chê miârs e miârs di students a àn fat tesis di lauree, a son stadis fatis ancjetantis cunvignis, ogjet di ogni […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La “bufule meloniane” e la autonomie inte glacere

Walter Tomada
“Si sin indurmidîts furlans, si sin sveâts melonians”: cun chestis peraulis un cjâr amì al à strent intun sproc sintetic il sens des elezions politichis che pardut a àn viodût a vinci fûr par fûr ancje chenti Fratelli d’Italia, il partît di Giorgia Meloni. Di storic i ai rispuindût che 100 agns fa une dì […] lei di plui +

La anteprime / Cors di furlan par gjornaliscj: consegnâts i atestâts

Redazion
Ai 27 di Setembar, te sede di Udin de Regjon Autonome Friûl-Vignesie Julie, a son stâts consegnâts i atestâts ai vincj gjornaliscj che a àn partecipât al prin cors di lenghe furlane inmaneât de ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e dal Ordin regjonâl dai gjornaliscj. La consegne dal document ai professioniscj de comunicazion […] lei di plui +