Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Robis di chest e di chel altri mont

............

Poesiis, contis, riflessions dutis cuinçadis cun chel spirt rustic furlan che a àn di simpri travanât il so vivi, a puedin jessi viodûts tant che “no robe di predis” al scrîf Livio Rieppi te prefazion dal libri “Robis di chest e di chel altri mont” di pre Rizieri De Tina (editôr L’Orto della cultura di Pasian di Prat, UD www.ortodellacultura.com). Ma pal bonsignôr di Nimis, dut al è divin e ancje l’om cu lis sôs vicendis umanis nol è altri che la espression dal Parieterni.
La opare si compon di 22 contribûts presentâts sot forme di prose, poesie, interviste. De Tina al cjape ispirazion dai fats de vite cuotidiane dividintju in trê cjapitui: robis di cumò, robis di une volte e robis di simpri. Lis pagjinis a corin scletis e si cjate conferme di un passaç che si lei te presentazion dal autôr: si sint fuart che pre Rizieri “se gjolt a cjalâ la int, sigûr che ogni persone e à alc ce dî e di dâ che nissun altri al à. E la vite che al à ator di se, secont lui, e je il plui biel e il plui grant libri che i oms, cul Parieterno, a son daûr a scrivi. Baste leilu”.
E tal lei chest libri si cjatin insegnaments che a àn chê fuarce e chê savietât che dome la nature sclete de int di paîs e à: il scrit “I Furlans e la vuere” si siere cu lis peraulis di Pieri di Mie “Bisugnarès che la vuere le fasessin chei che le declarin e alore no saressin plui vueris!”.
L’autôr al conferme duncje il so spirit di pastôr, di om di glesie, ma prin di dut om tra i oms cence picis di cariere che dispès a slontanin la jerarchie da la sô vere mission, ven a dî jessi cu la int.
Il libri al è insiorât dai acuerei di Annamaria Fanzutto di Buie che e “fotografe” ogni intervent cuntune sô piture ispirade dai contignûts. A Milvia Zuttion e Renzo Lorenzini a son stadis afidadis lis traduzions par talian che a dan un supuart a cui che nol mastie il furlan, che però za tai scrits dal autôr si presente cuntune fuarce tâl di rivâ drete ancje a cui che nol è di chenti.
✒ Redazion

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +