Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Il re al è crot

Enos Costantin
–

E dopo cheste sdrondenade, tra sant Dismentie e sante Scugne viodìn di metisi in dove
Bon, o vin cjapade une biele sdrondenade. Un sflicut di RNA fat sù a suste intune crigne taronde cun tancj pocs, 600 voltis plui piçul di un cjaveli, sui cent nanometris e alc (un nanometri al è un miliardesim di metri), al à molât une biele stomblade ai furlans e al rest dai umans.
Ma, e la sience dulà ise? E la tecnologjie?
◆ Lavaitsi lis mans, no stait a starnudâ su pe muse di chei altris e no stait a lâ a torzeon, dut ce che a san a dî. Lis robis che si saveve in chê volte de gjandusse e ancje in chê volte de spagnole. Vadì che chestis normis lis cognossin ancje i orangutan e, di sigûr, i gjats si netin plui di nô.
E alore? E alore il re al è crot.
Il virolic plui onest al dîs ‘no savìn nuie’.
Il re al è crot.
La sience e la tecnologjie: un re crot.
◆ Sì, o vin vût Luîs Pasteur e Luîs Chiozza; il prin al è stât ancje in Friûl par studiâ une malatie dai cavalîrs. Ma o vin vût ancje Fritz Haber (premi Nobel) e Enrico Fermi (premi Nobel).
Insome, se di une bande tu âs int di sience che e fâs il ben dai umans, di chê altre tu âs int di sience che e fâs il pussibil par copâ i umans.
◆ Baste viodi: di un virus no savìn nuie, ma o sin lâts su pe lune (mê ave no capive a ce fâ) e o vin fat la atomiche (in Friûl o vin plene la tieze).
◆ Al vûl dî che i bêçs pe sience a van de bande di cui che al cope, e dome cualchi fregul de bande di cui che al salve vitis.
E po, no si stufìn mai di rompi i cits a atoms, protons, eletrons e bosons, ma no savìn cemût che al funzione un bosc, un palût, un riul. E se lu savìn, si voltìn di chê altre bande parcè che o sin daûr a copâju.
◆ La sience, si diseve. In Friûl, scusait in FVG, o vin universitâts par ogni cjanton; Triest, po, al à une concentrazion di sience che no ‘nd è di compagnis in dut il mont.
◆ Risultât? Lavaitsi lis mans!
Almancul dopo dal taramot si sintive fevelâ di Friûl, di lenghe, di culture, di economie: prime lis fabrichis e lis stalis!
Cumò nuie. Il Friûl nol esist plui e no dome parcè che al è deventât FVG. No je une concezion dal Friûl tant che entitât storiche e culturâl. Ma nancje tant che ecoregjon, tal sens di ecologjie e di economie.
Dut ce che si sint a dî di chê che e varès di jessi la “classe dirigjente” (talian oblige) al è di fâ la autostrade Glemone – Pordenon e di meti Draghi president dal consei a Rome. E dut ce che a san fâ al è un picje e dispicje di cjamaris di cumierç e di associazions di industriâi.
Di rive sù nissun sant al jude
E dopo cheste sdrondenade? Dut come prime. Dut come prime se lis robis si comedin daurman. Le viodarìn peloche se lis robis no si comedin.
Tal prin câs, al jentre sant Dismentie, un sant che al rive dopo ogni vuere come dopo ogni mâl di panze.
◆ Tal secont câs e jentrarà sante Scugne, une grande sante, la plui grande di dutis. Ma se e sta lontane al è miôr.
E po a son chei che a fevelin di sperance, che no je nancje une sante; o soi parfin stuf di sintî poesiis su la sperance. I salams no si cjatin picjâts, sacrabolt. E i furlans, chei di prime dal FVG, a disevin che “san Fos, san Ves, e san Sarès a son trê sants che no judin”.
◆ Viodìn, mo. Tai ultins agns o vin pierdût il sens di ce che al è util (o indispensabil) e di ce che al è di soreplui. Se tu compris freulis a Nadâl al è un soreplui, come il gadget, o il cuarantesim cuart pâr di mudantis firmadis, e il tè dal supermarket invezit di fâtal a cjase. A son dutis robis che a mandin il planet a patràs, e il Friûl al è su chest planet. E chest al vûl dî tornâ “come prime”.
Fâ une fertaie cui ûfs des tôs gjalinis al è util, comprâ lis vitaminis des carotis al è indispensabil. Di chi indevant, tignî sù la economie locâl al sarà indispensabil. E alore lis vitaminis tu lis compris dal ortolan di Surisins, o di Cerneglons, o di Domanins. Insome, il Friûl al va viodût come une bioregjon e une ecoregjon.
◆ Esistial un progjet? No.
Cualchidun si nicial a pensâ il Friûl che o volìn ca di dîs agns? No.
Un Friûl che al deti di mangjâ ai furlans, par esempli.
Vêso sintût un sindic, un assessôr, un president di alc, un parlamentâr, un industriâl, un gjornalist a vê une idee? Jo no.
◆ Dut ce che si à sintût al è “comprait FVG”, insome comprait un acronim. Pôre, eh, di dî “comprait furlan”!
Cumò, plui che no dopo dal taramot, al sarès il moment di capî che o sin sui paradôrs. Che intune piçule regjon une politiche economiche cun ideis fuartis e pues dâ daurman un risultât.
Lu sai che il mont al è cambiât, che lis istituzions e i guviers no àn plui chel comant. Al è facil cjatâ un politic, e no dome un politic, che al fevele mâl dai neris; no ai mai sintût un politic, un om des istituzions, un macaco cualsisedi a fevelâ de Nestlé, o de Cargill, par dî nome dôs. E pûr, ce che a mangjin i furlans al ven di li, mighe di Cerneglons.
◆ Insome, volìno fâ farinis par mirindutis o brocui pes vitaminis? Blave par purcits lontans o par salams furlans?
E covente fate une sielte, cuntun progjet di politiche economiche e di economie politiche, dulà che a jentrin la salût e il vivi dai nestris paîs.
◆ Se no si sielç, altris a sielzaran par nô. E alore mandi lenghe, culture, storie, fasûi, marcundelis, carotis e vitaminis.
De Patrie dal Friûl al FVG des mirindutis.
No sarà colpe di un RNA nanometric, e sarà colpe dal cjâf dai ex furlans, nanometric ancje chel. ❚

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +