Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Pal furlan la emergjence e je la indiference

Fabian Ros

Za lu savevin, ma al è intai câs di emergjence che si evidenzie cun plui fuarce, trop grant che al è il nivel di considerazion che ur ven dât ae nestre comunitât. Lu vin za dit e lu vin constatât in altris ocasions ma al è juste apont in chescj moments di crisi che si viôt trop che lis istituzions regjonâls, dongje di mostrâ une totâl mancjance di sensibilitât, a rispietin dirits e leçs che a varessin di tutelâ un popul e la sô lenghe. Cundut che la comunitât furlanofone e rapresente la maiorance de popolazion regjonâl cheste si è viodude scancelade.
In cheste fase critiche – e cundut che al è previodût des leçs di tutele – no si è viodût nancje un cartel, no si è sintût nancje un comunicât informatîf scrit e pandût inte nestre lenghe.
◆ Fat dal dut ininfluent? Aspiet secondari rispiet aes problematichis in cors? Cuistion di ses dai agnui, intant che il mont al va sui paradôrs? A son altris prioritâts, vere?
Salacor al sarès il câs e il moment di fâ une riflession che e va un tic plui inlà di une reazion emotive e di piel.
Parcè che al è propit in chestis situazions di crisi che si misure il pês e il valôr che e à la autonomie di une comunitât. Al è li, in chei câs achì che si pues valutâ trop che al conte il Friûl e trop che al è in stât di fâ valê i siei dirits e in ducj i setôrs. Parcè che se e je vere che il mont al è daûr a mudâ (e no dome par colpe di un virus, intindìnsi) po ben, cence une autonomie di manovre, cence unitât o sin (e soredut, voaltris i sorestants di chenti, o sês) destinâts a sparî. Sì, parcè che chei che, cun bocje di ridi e cu la ande di chei che le san lungje, a pensin e a contindin che la cuistion de lenghe e sedi un fat secondari, par no dî nul, e che lis robis plui impuartantis a son altris, po ben che si ricrodin e che un doman no si dedin di maravee se a scugnaran domandâ il permès sul ce fâ e su cemût fâlu. Che no si dedin di maravee se a scugnaran lâ a Triest, a Rome o inaltrò cul cjapiel in man par domandâ par plasê intervents intai setôrs che ur competin. Parcè che cuant che si fâs di mancul de sô identitât no si à plui ni muse ni cjâf e al è juste par chel che il cjapiel si  scugne tignîlu in man. O vino di spietâ di viodi la espression che o fasarês cuant che si sintarês a dî che “a son altris prioritâts”?
◆ E duncje i “indiferents”, chei che a pretindin di “rapresentânus”, i sorestants di palaçs e chei di curtîl, chei che a san dut ma che a capissin pôc, al è miôr che si dedin une sveade e che a mudin ande, estri e filosofie. Parcè che a fuarce di ridi si finìs cu la bocje stuarte. ❚

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +