Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Laboratori di scriture cu la Bottega Errante li di Onde Furlane

............

Al tacarà ai 17 di Otubar il laboratori di scriture narative in lenghe furlane inmaneât di Bottega Errante cu la poie de Arlef. Sedis oris di lezion, là di Onde Furlane, che a varan come obietîf no tant chel di insegnâ a scrivi par furlan, ma chel di mostrâ e passâ struments e ideis par scrivi contis e romançs par furlan. Nissun puest dulà che si dopre une lenghe minoritarie al à mai fat tant pe narative come il Friûl (concors par contis, par zâi, par romanç che a van indenant di plui di trente agns come il San Simon), ben savint che propit la narative e je chê che e conte la nature di un popul, la sô storie, i siei secrets e, soredut, ch’e conte dulà che chel popul al à voie di lâ. Il romanç al è il teritori dulà che nissun al à la veretât in sachete, al è une forme artistiche che e disvilupe un so specific che altris espressions artistichis no puedin fâ. La narative in lenghe furlane e à vût grancj scritôr tal passât e tancj a ‘nd à in dì di vuê, cun cetantis cjasis editoris che a publichin in volum o su rivistis romanç e contis di valôr. Il laboratori di Bottega Errante al vûl intervignî par miorâ simpri di plui la produzion di contis e romançs in marilenghe, ma ancje par judâ, sapontâ e incoragjâ cui che al volarès misurâsi intune operazion di narative. Par fâ chest Bottega Errante e à clamât trê dai plui impuartants personaçs de culture furlane: Maurizio Mattiuzza, poete e scritôr, che al lavorarà sui aspiets principâi de scriture narative come il pont di viste, la descrizion, la costruzion dai personaçs, l’incipit, il finâl, il dialic e vie discorint; doi nestris colaboradôrs, Walter Tomada, critic e gjornalist, che al scrutinarà la storie de narative in marilenghe passant dai scritôrs di une volte a chei in dì di vuê, e Franco Marchetta, romanzîr che al à fat de inovazion la sô cifre, che al lavorarà su la relazion cu la contemporaneitât, sul rapuart fra il mont furlan e chel european e su la necessitât di doprâ stroments di comunicazion multimediâl. Il laboratori nol sarà dome un percors teoric o di tecniche di scriture, ma ancje un moment di confront e di produzion di tescj, cun trasmission finâl su Onde Furlane. Si spere che la domande che tancj si fasin incirche dal parcè che a varessin di scrivi par furlan (e no par talian o par inglês) e salti fûr sclete e che la rispueste e sedi la plui convincente: parcè che la identitât locâl si costruìs partint dal dì di vuê, cu la memorie ma cence nostalgjie; parcè che bisugne metisi in viaç tai teritoris dal presint; parcè che la identitât e je simpri une forme di sintesi des molteplicitâts culturâls. ❚
✒ Redazion

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +