Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

La Universitât dal Friûl che i covente al Friûl

............

“Conoscenza in Festa”, une altre ocasion pierdude
A noaltris nus plâs clamâle Universitât dal Friûl, ma magari cussì no nus tocje ameti che masse dispès chel Ateneu, nassût in graciis des lotis dai furlans, nol merete chê che e sarès la sô denominazion juste e naturâl. Nol pues jessi clamât cussì parcè che masse dispès nol è e nol fâs la Universitât dal Friûl e salacor al stente ancje a jessi – e a fâ – la Universitât di Udin. Si pues dî che al rive a jessi, plui o mancul, dome “Università di Udine”, ven a dî une universitât taliane (e talianone?) in Friûl.
Stant che al somee che tant che centri dal savê e de cognossince e mostri masse dispès di no cognossi la sô storie e il puest dulà che e je, al ven di domandâsi se chê che e varès di jessi la Universitât dal Friûl e pense di cjatâsi culì par câs. O ben, piês ancjemò, chê stesse situazion e fâs nassi un altri dubi: forsit no je vere che no sa dulà che e je e ce che al è il Friûl; lu sa ancje masse ben, ma propit par chel e lavore, in maniere sù par jù compagne di chê di altris istituzions di chenti (o ben: che si cjatin chenti…), cul intindiment di alienâlu e di disfurlanizâlu…
Dubis e riflessions di cheste fate a cjatin lis lôr resons in tantis des robis che al fâs – e che nol fâs – l’Ateneu. Par masse timp e in masse ocasions ce che al è previodût de norme che e istituìs chê che e varès di jessi la Universitât dal Friûl – l’articul 26 de leç statâl 546 dal 1977 che i da il compit «di contribuî al progrès civîl, sociâl e ae rinassite economiche dal Friûl e di deventâ strument organic di disvilup e di rinovament dai filons origjinaris de culture, de lenghe, des tradizions e de storie dal Friûl» – al è restât dome scrit su la cjarte. Cun di plui, la norme dal Statût dal Ateneu in cont de sô mission specifiche (la declinazion ae furlane e par furlan de “Universitas”) e je stade tornade a scrivi intune maniere plui flape e smamide tal 2011. E in chê volte nol jere retôr chel che lu clamin “Felice ma no furlan”, ma o vevin une retore che in principi a tancj di nô nus veve dât un grum di sperance parcè che – cemût che al marcave un nestri coleghe gjornalist – e jere «biele, brave e cjargnele».
Cussì al è dificil no cjatâsi in cunvigne cu lis valutazions critichis e costrutivis fatis indenant sul nestri gjornâl tal mês di Mai de professore Silvana Schiavi Fachin, intervistade di Walter Tomada. E al è facil visâsi di plui di cualchi iniziative puartade indenant dal Ateneu che, cjalantlu cuntun voli furlan e universâl, al palese chel che o podaressin clamâlu (almancul) un ciert disorientament, a tacâ di chel scandai, imbastît tal web in ocasion di une edizion passade di Vicino/Lontano, dal titul “InMyLand. Indagine su un friulano al di sopra di ogni sospetto”, là che za tes rispuestis sieradis proponudis tal cuistionari in rêt si vualmave la scjarse cognossince de dimension storiche e gjeografiche dal Friûl de bande dai siei curadôrs.
Par no fevelâ di cetant pôc che lis lenghis dal Friûl, e in particolâr la lenghe furlane, a vegnin dopradis te comunicazion istituzionâl dal Ateneu, in gjenerâl e tal câs specific di events speciâi tant che “Conoscenza in Festa”, che – se si gjave in part il video dai Carnicats lançât te sô prime edizion e cualchi piçule conference par furlan metude dentri tal program di chest an – al sarès compagn se al fos inmaneât de Universitât “della Tuscia”, di chê “di Brescia” o di chê de Calabrie.
Cundut achel, no pierdìn la nestre ande positive e o cirìn di viodi almancul cualchi aspiet positîf, a tacâ dal fat che il Cirf, che cumò si clame Centri interdipartimentâl pal disvilup de lenghe e de culture dal Friûl, al somee in cundizions miôr che tal passât. Par chel, o provìn a tornâ a domandâi al Ateneu che si movi e che al scomenci pardabon a jessi almancul un pôc la Universitât dal Friûl.
In ce maniere? Par esempli cul doprâ la lenghe furlane e chês altris lenghis dal Friûl te sô segnaletiche e te sô comunicazion istituzionâl, cul meti dentri de sô ufierte ancje cors di lenghe furlane e cors di cualchi materie fats par furlan e magari ancje cul indotâsi di un Plan speciâl di politiche linguistiche. Al fasarès dome che ben e al pararès ancje bon. Finalmentri. ❚
Farcut de Farcadice

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +