Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

La cooperazion in Cjargne no je dome Coopca: chês che a funzionin

............

Par solit si use dî che nol va butât vie il frut cu la aghe sporcje. E propit par chest che in Cjargne la cuistion des cooperativis e dal moviment cooperativistic locâl e va frontade doprant il cjâf par evitâ che la brute storie di Coopca e ledi a ruvinâ ce che di bon al è stât fat in chescj agns. Cemût? Metint in lûs cui che al sta continuant a fâ dal ben midiant chel model di imprese che al ten adun mutualitât, solidarietât e profit condividût.
ENERGJIE CHE E RINT
Plui voltis ancje su La Patrie o vin contât de Secab, la Cooperative energjetiche de Val de Bût, leader tal so ambit di ativitât a nivel regjonâl, fuarte di une produzion energjetiche che ae fin dal 2014 e à fat segnâ il record storic di 64 milions di kW/h, un util net di passe 1,6 milions di euros, servint cuasi 5.500 utents di sîs comuns (Çurçuvint, Liussûl, Paluce, Ravasclêt, Sudri, Trep), dant lavôr a 24 personis e ufrint ai propit socis (plui o mancul trê mil) un prestit sociâl di 7,86 milions di euros ma soredut boletis de lûs che a son ancje dal 56% plui bassis rispiet ai distributôrs concorints. Sul stes stamp e funzione la cooperative idroeletriche di For Disore, un model che si spere che al vegni slargjât a dut il teritori de mont.
IL CREDIT
Une altre realtât impuartante si clame Bancje di Cjargne e dal Glemonàs – Credit Cooperatîf – erede des gloriosis Cassis Rurâls e Artesanis – fuarte di plui di 3 mil e 400 socis.
Il risultât economic dal ultin belanç al fevele di un milion e 261 mil euros di util, une cressite dai volums di racuelte direte dal 13%, cussì come dal implei dai sparagns pal 4,3% e il jutori gratuit a 107 realtâts dal teritori. In chest câs al sarà di tignî controlât che dut chest patrimoni e chescj conts in salût no finissin a cuvierzi il malstâ di altis bancjis dentri chel dissen di unificazion des Bcc regjonâls che planc a planc si sta delineant.
MÂL DAL MODON
Tal setôr de edilizie e resist la cooperative “l’Unione” di Denemonç, nassude tal lontan 1946, inmaneade di 18 socis, impegnâts tes costruzions di cjasis e stradis, ricualificazions di fabricâts e sgjâfs: une realtât che come dutis chês che a lavorin tal stes ambit e trapee par colpe de crisi dai cantîrs.
LA SPERANCE
Forsit però la esperience che plui e fâs tornâ sperance dopo il colàs di Coopca e je che che al sta puartant indenant Stefano Adami e la sô CIC, Cooperativa Indotto Carnia, screade tal 1987 a Vile Santine come imprese pe produzion di coletôrs par brusadôrs cun 30 dipendents e tai ultins agns slargjade ancje al cumierç alimentâr al detai. Cheste cooperative e je rivade a salvâ il piçul spaç di Denemonç che al stave par sierâ, po dopo ancje chel di Lauc, vignût a patî la stesse situazion. Planc a planc il model si rive a fâlu funzionâ, e ae semplice buteghe si zontin diviers servizis, dal wi-fi ae spese a domicili, dal fax a paiament des boletis fintremai aes bombulis dal gas.
Cumò la CIC e je pronte a cressi e e rivarà a tornâ a vierzi l’alimentâr di Liariis di Davâr e a cjapâ in gjestion chel di Cjavaç, dimostrant che si pues continuâ a garantî un servizi primari pe int dai piçui paîs, soredut pai plui anzians.
Une scomesse che e volarès vinci tal stes mût il For Cooperatîf Alto But di Paluce che al sta provant a mandâ fûr un Pat cooperatîf di valade, in colaborazion cui comuns, il distret sanitari e lis associazions dal teritori, di mût di garantî un servizi ae int, puartantjur par esempli i vistîts lavâts, la spese, lis medisinis o adiriture il past za pront. ❚
David Zanirato

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +