Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Il Teatri Stabil Furlan, tra Siro Angeli e Carlo Michelstaedter

Alessio Screm

Il Teatri Stabil Furlan, cu la direzion artistiche di Massimo Somaglino, al torne in Avost cun doi apontaments di no pierdi, ospit di rassegnis impuartantis che si tegnin tal nestri Friûl. La prime di ricuardâ e je ai 22 di Avost, dì de muart dal dramaturc e poete Siro Angeli, personalitât che il TSF al à onorât dedicant propit a lui il so licôf, tal mês di Mai passât, cu la rapresentazion “La Cjase. Lagrimis di aiar e soreli”, sot de regjie di Carlotta Del Bianco.
◆ A Cesclans duncje, in ocasion dai memoreaments pai 30 agns de muart dal poete cjargnel, e propit tal inovâl dai 22 di Avost,  tacant des 18.30, e larà in “sene” – si fâs par dî – une gnove version de opare che e à inaugurât il Teatri stabil. L’event al varà la poie dal Comun di Cjavaç, e al sarà in colaborazion cul Tsf, “Teatri nei Luoghi” e “Prospettiva T associazione per la musica e la prosa”. E sarà la ocasion par un viaç a tapis tal curtîl, inte cjase di Siro Angeli, intes stradis dal borc, fin su la plêf di Sant Stiefin, cu la ripropueste – in forme gnove – des senis plui significativis de opare teatrâl. Un spetacul itinerant, cu la partecipazion dal cast de prime rapresentazion: regjie di Carlotta Del Bianco, Elsa Martin in Madalene, Caterina Bernardi in Mie, Manuel Buttus in Toni, Caterina Comingio in Rose, Alessandro Maione in Pieri, Paolo Mutti in Just, Marta Riservato assistente ae regjie, e costums a firme Sart’è.
◆ Il secont apontament dal TSF, ancje chest di no pierdi, al è chel cul Festival Mittelfest di Cividât, il prin e il 2 di Setembar, cuant che – tacant des 17 – inte glesie di Sante Marie di Cort, al larà in sene il prin studi di une produzion che il TSF al sviluparà tal 2022, lavôr che al varà il titul “Michelstaedter, la grande trasgression”. Il studi pal Mittelfest si intitule invezit “Carlo e Nadia” e al conte, par talian e furlan, une liende incentrade sul zovin pensadôr, individualist, poete inmagant, filosof, leterât gurizan, e Nadia Baraden, profughe russe, bielone, elegante, cosmopolite. Dut al è ambientât inte Florence dal 1906, indulà che e cjape forme une storie tra i doi che e merete di jessi cognossude. Ideazion e scriture di Antonio Devetag, regjie di Claudio de Maglio. Dutis lis informazions su: mittelfest.org. ❚

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +