Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Un jutori aes piçulis buteghis di mont

Piero Cargnelutti

Cuant che lis piçulis buteghis di paîs in mont a puedin dâ il lôr contribût par inviâ gnovis formis di benstâ comunitari. Al è l’obietîf dal progjet “Innovalp Experiences: nuove forme di welfare comunitario”, promovût de cooperative Cramârs di Tumieç e sostignût de Fondazione Friuli. Cun cheste propueste, Cramârs e ponte a tirâ dongje e a contâ ce che intant de emergjence dal Covid a àn gjenerât lis piçulis comunitâts di mont, in particolâr se i negozis inmò operatîfs ta chês zonis a puedin deventâ erogadôrs di servizis di welfare pe comunitât locâl. «Tal moment che – e fâs savê Cramârs – une piçule buteghe e devente un volan che al ufrìs servizis ae comunitât di riferiment, il lûc si trasforme: di riferiment comerciâl al devente un “hub di comunitât” dulà che, dongje dal valorizâsi miôr cu lis sôs ativitâts tipichis, e rive a coinvolzi ancje ducj i components dal paîs, lant a gjenerâ altri valôr zontât». In chest moment il progjet finanziât de Fondazione Friuli al à sierât la part des intervistis in Cjargne e tal Tarvisian: cumò si tachin a intervistâ lis piçulis realtâts des valadis des Dolomitis furlanis. Ae fin, dopo altris intervistis di aprofondiment che si laran a fâ tes realtâts plui dinamichis, e saltarà fûr une relazion finâl dal progjet cuntun pâr di indicazions di lâur daûr, dentri di Març dal 2021.
◆ Tal prontâ il progjet, Cramârs si è domandade ce che si intint par “welfare di prossimitât” e in ce relazion che al ven vivût il “welfare istituzionâl” : «Tal meti jù il progjet – a spieghin i referents de cooperative cjargnele – si sin basâts su la concezion che il welfare di prossimitât al è la realizazion di un benstâ di vicinance a integrazion dal benstâ istituzionâl che al è identificât tant che “welfare di distance”. Il welfare di prossimitât al è un welfare di vicinance parcè che al cree une relazion cul utent che al è viodût tant che coprotagonist tal fâ sù la rispueste aes dibisugnis. Al previôt il coinvolziment di une schirie di atôrs come ents publics, altris organizazions e impresis, fameis e rêt relazionâl dai beneficiaris. La vicinance e garantìs capacitât di scolte e e devente gjeneradore di prossimitât a personalizazion alte». ❚

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +