Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Elio Bartolini, ‘Cansonetutis’ Vicenze, 1999

............

“In pose al conven vê chê sicuresse / fengile almancul tal câs che a non ‘n sedi / il tant dal lamp che al sbreghe / l’ombre pengie dal sé e la sô pore. // E alore decoro e dignitât / il vistît chel apene screât / li mans insachetadis / opur sul schenâl de cjadrèe pojadis / saldis / come che saldo al à di jessi il voli / cuintre chêi che doman ti cjalaràn, / e subite declarâsi: /anni settantacinque / mestiere o professione pensionato / stato civile coniugato / che a son chistis li’ robis che a interessin”.
E je za dute culì, in chescj viers, la cifare stilistiche di Elio Bartolini, poete furlan. Un poete, si podares dî, ‘fì prodig’ dal Friûl. Che al è lât vie, per un biel toc di timp. Lât vie ancje intal sens di dineâ il Friûl e la sô lenghe (ur veve vût dit a Novella Cantarutti e a Pier Pauli Pasolini di no pierdi timp cul furlan…). Ma che al è tornât, plui tart, intai agns otante, a svizinâsi a la lenghe, fin a produsi racueltis di poesie tant che Cansonetutis, Poesiis protestantis, Amour e dîs di vore, Sot sere, di sigûr nivel artistic. E chest percors lu à ancje vût descrit intune liriche che e dîs: “Friûl Friûl / Cuantis voltis che ti ai sirût / E mai che tu ti vedis volût rindi (….) / Uè che j soi un clap / Butimi pûr di bande cu ‘ne pedade / Ma no sta dîmi che no ti ai sirût”.
Pe poesie di Bartolini i critics a àn vût fevelât di ‘incuintri e sciuntri jenfri il timp circolâr e il timp lineâr’ e di denunzie dai ‘delits cuintri une culture e une civiltât’. E naturalmentri chestis a son deduzions che a vegnin di une analisi aprofondide dai tescj dal poete.
Ma la sensazion plui inmediade e je chê di une ironie che e tocje plusôrs aspiets de vite di cumò (per esempli la innomenade Intal Friû dai ‘coltivatori diretti’, che, però, no fâs part di cheste racuelte) e che e cjape drenti ancje il poete stes, come inte liriche che o vin citade in esordi. E cheste autoironie e ven fûr ancje in altris componiments: Intal curtilùt di une ostarie de Basse, Cjampanutis de sabide sere e altris. E e si tenç di un vêl di malincunie cuant che al tocje temis ben plui dramatics, sicu i ricuats di vuere. Inte bielissime Aghis dal Ghebo (e Il Ghebo al è il titul di un romanç di Bartolini), il poete al samee domandâi al flum il parcè des delusions dal daspò vuere. Ma lis aghis a corin vie, cence voltâsi.
La poesie di un om che al si cjale in daûr cun voli atent. Vere poesie.
✒ Laurin Zuan Nardin

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +