Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

CULTURE. Mandi Tito

............

Si cjatavin dispès in vie Culugne: lui in biciclete e jo che mi fermavi par fâ cualchi spese lant a cjase a Pagnà e o tabaiavin a dilunc di politiche, dal partît, di leterature, di scuele. Di Invier al rivave cul so colbac di pêl grîs cilestrin, intonât cun chei siei voi clârs che ti cjalavin drets in muse e a pandevin il so pinsîr parie che cu lis peraulis. “Dasvidanie tovarisch/mandi compagn” i disevi dispès e i voi i lusivin. No crôt che al fos ancjemò il “berretto di pelliccia di montone della vecchia Armata Rossa” (Mestri di mont, 2007) che al veve cjolt a dimprest dal nono, dièduska, di Borc dai Capucins, a Udin, par parâsi dal frêt cuant che al leve, a pît, a fâ scuele a Muiesse in Cjargne. No vin mai cjacarât par furlan jo e Tito ma di robis scritis in tantis lenghis: citazions che o controlavin insiemit, soredut di autôrs inglês.. Al veve une cognossince straordenarie di autôrs di ogni paîs dal mont e che a mi, laureade in lenghis e leteraturis forestis, mi faseve vignî indiment altris grancj “mestris” che o vevi vût la furtune di cognossi e che mi vevin simpri incantesemade pe lôr grande culture e pal plasê che a mostravin di spartîle cun te: Charles Haines, Nereo Perini, Alessandro Ivanov e, plui di resint, Tullio De Mauro.
O vevi vût il plasê di colaborâ cun Tito in cetantis iniziativis dal partît comunist cuant che, lassâts i incarics istituzionâi, o fasevin part ducj i doi di un grup di lavôr che al tratave di culture e di universitât e o cirivin stradis gnovis par tirâ fûr la citât di Udin de danazion di jessi dome une capitâl mercantîl indulà che la vôs plui gruesse le fasin i marcjadants e par fâ cressi la nestre universitât no pleade dome intune contemplazion nostalgjiche di un mont passât ma par che a deventàs un puint par tirâ fûr il Friûl, soredut i zovins, di une storiche condizion di sotanance, di “ultins” dismenteâts intune periferie de Italie e dal mont.
O vevin discutût a dilunc suntun progjet par inviâ un cors di lauree DAMS (Dissiplinis des Arts, Musiche e Spetacul), ma al jere stât refudât dai caporions dal partît di Rome. Cun Arnalt Baracêt, Gianni Gregoricchio, Pierino Donada e altris, o vevin presentât un altri progjet, chel de creazion di un Centri Pier Pauli Pasolini, une associazion culturâl che a spielàs cheste crosere di popui e des sôs culturis fondativis, la gjermaniche, la latine e la slave, come lûc di incuintris e di contaminazions, di sapience creative e rivoluzionarie par trasformâ il Friûl intune autentiche scune di civiltât. O vevin tirât dongje cuasit un cinccent adesions ma la rivalitât tra lis provinciis di Udin e di Pordenon e veve fat murî la iniziative.
Come cuant che pe prime volte, tal 1956, e jere jentrade in crisi dute la sô culture politiche, leterarie, artistiche e pedagogjiche, cjatantsi a vê di insegnâ il talian no lant daûr a la grande lezion dal lenghist Graziadio Isaia Ascoli che al sostignive che la lingua materna poteva essere ben insegnata ai ragazzi, perché una ragazzo bilingue aveva più chances, progetto che il manzonismo unificante degli stenterelli aveva rifiutato imponendosi come dottrina di Stato (cfr. Mestri di mont, 2007, p.59) e al veve sielt di bandonâ la tiritere nozionistiche par praticâ un anarchismo pedagogico, l’incuintri cu la lenghe dal puest, a Dotris, tes istâts dal 2006 e 2007, al fasè vignî a flôr il so furlan – il mio mediocre friulano udinese, poco praticato come che lu pensave e lu definive lui ma che cheste volte cjatantsi “siarât a Oltris fra la buse dal Lumiei e lis trê cimis des Sisilis”, visitât dal spirt dal lûc, e spissule spontanie come une risultive e nus consegne une racuelte di poesiis scritis pe prime volte par furlan (cfr. Oltris, 2009, Circolo Culturale Menocchio).
Silvana Schiavi Fachin

L’EDITORIÂL / Jù lis mans dal Tiliment

Walter Tomada
Traviersis, cassis di espansion, puints e viadots autostradâi, potenziament dal idroeletric: al mancje dome di metisi a sgjavâ cu lis trivelis par cirî gas o petroli! Ma parcè il Tiliment, che tancj studiôs a stimin jessi l’ultin flum salvadi de Europe, isal sot di dutis chestis menacis, invezit di jessi tutelât e protet cemût che […] lei di plui +

(L)Int Autonomiste / Cui aial pôre de “Cuistion furlane”?

Dree Valcic
✽✽ No ven plui nomenade, sparide dai radars dal dibatiment politic e culturâl. Di “Cuistion furlane” no si ’nt fevele plui. Di cent agns incà e esist chê meridionâl, cjare a Gramsci, e su chê miârs e miârs di students a àn fat tesis di lauree, a son stadis fatis ancjetantis cunvignis, ogjet di ogni […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La “bufule meloniane” e la autonomie inte glacere

Walter Tomada
“Si sin indurmidîts furlans, si sin sveâts melonians”: cun chestis peraulis un cjâr amì al à strent intun sproc sintetic il sens des elezions politichis che pardut a àn viodût a vinci fûr par fûr ancje chenti Fratelli d’Italia, il partît di Giorgia Meloni. Di storic i ai rispuindût che 100 agns fa une dì […] lei di plui +

La anteprime / Cors di furlan par gjornaliscj: consegnâts i atestâts

Redazion
Ai 27 di Setembar, te sede di Udin de Regjon Autonome Friûl-Vignesie Julie, a son stâts consegnâts i atestâts ai vincj gjornaliscj che a àn partecipât al prin cors di lenghe furlane inmaneât de ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e dal Ordin regjonâl dai gjornaliscj. La consegne dal document ai professioniscj de comunicazion […] lei di plui +