Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT – La comunicazion come clâf pe vere cognossince

............

Cuviertine dal libri "Il Pastore ad Aquileia" di Gabriele Pelizzari
Cuviertine dal libri "Il Pastore ad Aquileia" di Gabriele Pelizzari

Za te introduzion al volum ” Il pastore ad Aquileia”, editât di Glesie Furlane, l’autôr Gabriele Pelizzari al riclame la peraule clâf pe leture di cheste opare tant monumentâl che impuartantone: la comunicazion.
Al è di fat partint di chi che o cjatìn il spont di riflession par lei e capî lis figuris sacris de basiliche di Aquilee, dome viodintlis tun sisteme plui larc e prestabilît che la opare di Pelizzari nus met ben in evidence. Come che al à spiegât l’autôr, dilunc de presentazion dal volum li de Universitât dal Friûl ai 17 di Jugn, o vin di pensâ a ce che chescj simbui a significavin tune epoche, chê tor dal III secul dopo di Crist, dulà che plui dal 90% de popolazion e jere analfabete: lis figuris, lis imagjins a jerin fondamentâls pe comunicazion e pe difusion de peraule dal Vanzeli dilunc di une epoche segnade di cetancj moviments politics e culturâi. Se si rive a capî chest si pues duncje dâ une interpretazion plui juste ai messaçs dai mosaics aquileiês, documents straordenaris di une pagjine cetant impuartante dal cristianesim antîc, testemoneance de fede de plui antighe comunitât cristiane pene jentrade tune fase di cambiaments storics. Il studi dal Pelizzari di fat al partìs de volontât di inserî la storie dal cristianesim aquileiês tal just contest des origjins, de voie di capî cemût che il messaç cristian al veve cjapât cuarp ta cheste part cussì decentrade dal Imperi.
CUI JERIAL IL PASTÔR DI ERMA?_Secont i studis dal Pelizzari Erma al jere un aquileiês, fradi di Pio deventât vescul di Rome, che al scrivè cheste opare considerade un dai tescj plui antîcs dal cristianesim che al à vude une circolazion une vore grande te antichitât come strument catechetic. Se cheste opare e ve duncje un rivoc di cheste fate, si scuen ancje confermâ il rûl une vore impuartant de citât furlane tai prins secui dal cristianesim, che e jere tignude in grande considerazion tal mont imperiâl. Ve chi alore che e ven subit in lûs la figure di Aquilee come lûc strategjic pe comunicazion tra il mont italic e chel di là dai confins naturâi, puest fondamentâl pe partence dal dialic cui popui che a saressin deventâts cristians ricognossint propit Aquilee come
Glesie mari.
I RELATÔRS_ Dilunc de presentazion dal volum di Pelizzari a son intervignûts ancje il professôr Remo Cacitti de Universitât di Milan – che o vin za vût l’onôr di intervistâ dôs voltis pe nestre riviste – che tal so intervent al à preseât il lavôr imponent dal so zovin student e colaboradôr, il professôr Nicola Gasbarro dal Dipartiment di Siencis filosofichis e storic sociâls de Universitât dal Friûl, Maria Silvia Lusuardi Siena dal Istitût di archeologjie de Universitât Catoliche dal Sacro Cuore di Milan e la preside de Facoltât di Lenghis e leteraturis forestis de Universitât dal Friûl Antonella Riem. Di cheste o volìn ricuardâ l’intervent, che si è concentrât propit sul significât de comunicazion, pont fondamentâl de opare dal Pelizzari.
Estrat dal mosaic pavimentâl di Aquilee cul Buon Pastore
Estrat dal mosaic pavimentâl di Aquilee cul Buon Pastore

AQUILEE E IL FRIÛL, LÛC DI COMUNICAZION TRA POPUI_Insegnante di lenghis forestis la professore Antonella Riem e à volût ricuardâ la sô atenzion pe tutele di dutis lis lenghis e culturis dal mont che e definìs come «ricjecis de nestre societât simpri plui pandude viers la globalizazion»; al è propit in chest moment di fat che al è plui impuartant «prudelâ dut ce che al è locâl, lis lenghis, lis culturis e lis tradizions, come chê nestre furlane, simpri stade presinte e partecipe al dialic cui monts che nus stan dongje o a chei che nus traviersin».
«Il furlan – e continue la professore Riem – al è, come la plui part des lenghis esistentis, une lenghe minoritarie o – come che jê e definìs in maniere plui delicade – lenghis plui piçulis par numar di fevelants, e dutis chestis a àn di dialogâ tra di lôr e cun chês altris lenghis clamadis “dominantis”; dome midiant la cognossince reciproche e je la vere comunicazion, la uniche strade di fâ par un dialic di pâs».
Venusia Dominici

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +