Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT – I Madracs di Martignà

............

Ator pe Italie ju clamin “Màdracs” cul acent su la “a”, parcè che a pensin che e sedi une peraule americane. Ma lôr ju corezin simpri: «O sin Madràcs, come chei sarpints che si cjatin dispès tal ort». Un non singolâr, sigûr, ma che al à un motîf. Tal hockey su la carocele i zuiadôrs a zigzetin in sù e in jù dal cjamp, propit cui stes moviments dai madracs. Di chi, chest non e la marcje, une mace cul cjâf di un sarpint.
I “Madracs” a son la prime, e uniche, scuadre di hockey su carocele eletriche dal Friûl. Une formazion zovine, nassude cualchi mês fa e che e à debutât a Fevrâr tal campionât nazionâl. «Par cumò no sta lant tant ben – e spieghe Donata Gregoris, une des dirigjentis e mari di une atlete – ma plui che dai risultâts, nus interesse la positivitât che chest zûc al da a ducj». Sì, parcè che i components dal grup a àn patologjiis neuromuscolârs, come distrofiis, amiotrofiis e spine bifide. «Personis che tal 99% dai câs si movin dome cu la carocele eletriche», e conte Donata. Tai Madracs a ‘nd è sedi oms che feminis, dai 7 ai 39 agns. «Soredut par chei plui dispatussâts, al è impuartant vê une ativitât di fâ insieme di altre int – e dîs – ancje parcè che, di solit, no si movin di cjase se no par là a viodi un cine o a mangjâ une pize une volte ogni muart di pape». Cumò, invezit, si alenin ogni domenie tal palaçut dal sport di Martignà e a partecipin al campionât talian insieme al Modena, al Parma e al Bolzan. «Lis regulis dal zûc a son plui o mancul compagnis di chês dal hockey su glace – e precise Donata –, dome che i atletis cun plui dificoltâts e che no rivin a tignî la mace in man a podin doprâ un baston che si clame “stick” e che al è un supuart a forme di crôs che si fisse ae base de sente».
E fâ il Madrac al è dut fûr che sempliç: «Bisugne jessi svelts, atents, nol è par nuie facil. Lôr si strachin ma no viodin la ore di tornâ a zuiâ». In scuadre, par cumò, a son in 11. Ducj de provincie di Udin, fûr che un gurizan e un pordenonês.
Valentina Pagani

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +