Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

AI 32 DI MAI. Lis oparis di caritât tal parcament dal stadi

............

Lis cognossês ducj no, lis siet oparis di misericordie corporâls? Dâ di mangjâ a cui che al à fam, dâ di bevi a cui che al à sêt, vistî chei che a son crots, dâ di durmî a chei che a no àn une cjase, e chei altris doi che un si dismentee simpri. Alore: se tu fasis chês robis li, plui o mancul, o tu sês il paron di un albierc, o tu fasis volontariât. E il furlan, che al è un om di cûr e timorât di Diu, cuant che si fevele di volontariât no si tire sigûr indaûr.
Par resons che no soi mai rivade a capî però, il furlan al tint a visâsi dome lis primis dôs, di chês oparis di misericordie li. Al sarà che i grups di siet elements a son simpri une fadie pal çurviel (si visaiso, voaltris, i nons di ducj i siet i nanui di Blancjenêf, o ducj i siet i colôrs dal arc di sant Marc, o dutis siet lis maraveis dal mont?); al sarà che il furlan nol à timp di pierdi e cuant che al va a dutrine nol sta li a studiâ, ma di li no si scjampe: i furlans a son simpri pronts a dâ di mangjâ a cui che al à fam e a dâ di bevi a cui che al à sêt, e pal rest nol impuarte.
Il furlan però, che a lis regulis de religjon i sta daûr – ma cemût che i va ben – chei principis li ju cjape ae letare. Cussì «chei che a àn fam» no son par fuarce i puars e i bisugnôs, ma cualsisei cristian che al rivi dongje a ore di gustâ. «Chei che a àn sêt» invezit, a son cualsisei cristian e vonde, a cualsisei ore dal di, parcè che par fâ cerçâ un tai de ultime vendeme al è simpri il moment just.
La prove plui clare di cheste vocazion al volontariât enogastronomic dai furlans si le cjate fûr dal stadi Friuli dopo che al à zuiât l’Udin. I tifôs di chês altris scuadris, dopo di une partide, a van ator cu lis bandieris par strade, i piês di lôr par cirî di tirâ dongje la barufe cui aversaris, i miôr par fâ fieste e vonde. I furlans no. I furlans si cjatin tal parcament a nord, a vierzin il baûl de machine e in doi e doi cuatri a metin sù une sagre: taulins di pic-nic, pan, formadi e salâts a manete. E come ducj chei che a fasin volontariât, il tifôs furlan nol va tant pal minût e no si domande mai cui che al è chel che al sta judant: baste che un al vedi fam o sêt, e lui a lu contente.
Va ben: forsit chel chi nol sarà une sorte di volontariât che al puarte ae santitât, ma al è simpri un biel mût di sbrocâ fûr la energjie de partide, no? In sumis: se e je vere che ducj i tifôs a àn la fisse dai curtìs, almancul tal câs dai furlans l’unic che si fâs mâl al è il salam.
BETE DI SPERE

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +