Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

AI 32 DI MAI. Lis oparis di caritât tal parcament dal stadi

............

Lis cognossês ducj no, lis siet oparis di misericordie corporâls? Dâ di mangjâ a cui che al à fam, dâ di bevi a cui che al à sêt, vistî chei che a son crots, dâ di durmî a chei che a no àn une cjase, e chei altris doi che un si dismentee simpri. Alore: se tu fasis chês robis li, plui o mancul, o tu sês il paron di un albierc, o tu fasis volontariât. E il furlan, che al è un om di cûr e timorât di Diu, cuant che si fevele di volontariât no si tire sigûr indaûr.
Par resons che no soi mai rivade a capî però, il furlan al tint a visâsi dome lis primis dôs, di chês oparis di misericordie li. Al sarà che i grups di siet elements a son simpri une fadie pal çurviel (si visaiso, voaltris, i nons di ducj i siet i nanui di Blancjenêf, o ducj i siet i colôrs dal arc di sant Marc, o dutis siet lis maraveis dal mont?); al sarà che il furlan nol à timp di pierdi e cuant che al va a dutrine nol sta li a studiâ, ma di li no si scjampe: i furlans a son simpri pronts a dâ di mangjâ a cui che al à fam e a dâ di bevi a cui che al à sêt, e pal rest nol impuarte.
Il furlan però, che a lis regulis de religjon i sta daûr – ma cemût che i va ben – chei principis li ju cjape ae letare. Cussì «chei che a àn fam» no son par fuarce i puars e i bisugnôs, ma cualsisei cristian che al rivi dongje a ore di gustâ. «Chei che a àn sêt» invezit, a son cualsisei cristian e vonde, a cualsisei ore dal di, parcè che par fâ cerçâ un tai de ultime vendeme al è simpri il moment just.
La prove plui clare di cheste vocazion al volontariât enogastronomic dai furlans si le cjate fûr dal stadi Friuli dopo che al à zuiât l’Udin. I tifôs di chês altris scuadris, dopo di une partide, a van ator cu lis bandieris par strade, i piês di lôr par cirî di tirâ dongje la barufe cui aversaris, i miôr par fâ fieste e vonde. I furlans no. I furlans si cjatin tal parcament a nord, a vierzin il baûl de machine e in doi e doi cuatri a metin sù une sagre: taulins di pic-nic, pan, formadi e salâts a manete. E come ducj chei che a fasin volontariât, il tifôs furlan nol va tant pal minût e no si domande mai cui che al è chel che al sta judant: baste che un al vedi fam o sêt, e lui a lu contente.
Va ben: forsit chel chi nol sarà une sorte di volontariât che al puarte ae santitât, ma al è simpri un biel mût di sbrocâ fûr la energjie de partide, no? In sumis: se e je vere che ducj i tifôs a àn la fisse dai curtìs, almancul tal câs dai furlans l’unic che si fâs mâl al è il salam.
BETE DI SPERE

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +