Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Une zoie di Nadâl

............

Storie di un cjant furlan pes fiestis

«Une sorte di idili che si cjante in cualchi glesie di campagne dal Friûl orientâl», al scrîf l’Arboit. «Al ven cjantât intes cjasis di Cjargne biel che si prepare la vilie di Nadâl», al scrîf l’Ostermann. «Sintût cjantâ in malghe, di Istât, daspò dal rosari, a Liussûl», e scrîf la Adaiewsky. «A Çurçuvint si recite il test inte Novene di Nadâl, a Cleulis invezit al ven intonât di bande des fantatis intal Ofertori de Messe di miezegnot», al ripuarte Fabiani. La mari dal editôr Brusin, come che al conte, e veve di recitâ il test ogni Nadâl, par ben cincuantenûf voltis di file, a sô none. Noliani invezit al conte che a Dael, i fruts a recitavin il test devant dal presepi, cun dute la famee, e inmò la Ciceri e dîs che «a Scluse, il test al jere inserît inte secuence dai cjants natalizis di cercje, cjantâts intal corteu de Stele».

Cui che lu clame “canzion”, come inte tradizion gurizane, cui “discors”, cui “orazion” come che al recite il secont viers in diviersis edizions, cui “pastorâl, cui “cjant di cercje”, cui semplicementri “preiere”. Dut câs, chel che al è stât definît, come che al dîs il Chiurlo «il miôr dai cjants natalizis florîts in Italie», o «zoie musicâl» de Adaiewsky, al conserve intat il so grant valôr estetic e spirituâl, superant i secui e dutis lis impuartantis discussions che si son tignudis su la sô origjin e su lis sôs funzions. Chest a dispiet o par afiet des cetantis variantis che a son stadis cjapadis e trascritis di bande di studiôs preseâts, soredut dal Votcent e dal secul passât, ancje se al è un pecjât no sintîlu plui cjantâ plui di tant, a di part in cualchi ocasion di bande di cui che nol vûl che al vegni dismenteât.

“Atents ducj cuants, stait a sintî”, o “E lusive la lune”, “Sunìn, sunìn di violin” o ancje dome “La cjançon de gnot di Nadâl”, che nus rive inte sô prime testemoneance scrite, par cumò, in gracie di Ranieri Mario Cossar che al à cjatât un codiç dal Sietcent di aree gurizane e di ambient jesuitic, che al dinee la teorie che a scrivi il componiment al sedi stât il poete Ermes di Colorêt, dant ae opare une derivazion culte che invezit no à. Ancje Chiurlo al à metût dal so, formant une tierce version di so man, artificiâl, publicade inte “Antologjie de leterature furlane” dal 1927. Dut câs, si contin ben une trentine di variantis di cheste poesie in musiche dedicade al grant misteri dal Nadâl.

Si stente a crodi che il componiment al vedi un leam antîc cu la tradizion patriarchine dai “dramis sacris”, o cu lis azions dramatichis dal teatri religjôs, ancje parcè che nol risulte che intes lidrîs dal cjant a fossin stadis senis rituâls rispiet ai diviers episodis de conte. A son invezit framentaris i contescj indulà che al vignive eseguît, dal ambient privât des cjasis, al ambient sacri des funzions paraliturgjichis, tant che lis processions, a variis altris situazions.

Chest cjant al è soredut un “presepi in musiche”, dulà che si animin di un scûr a chel altri diviersis figuris, tant che i nemâi, i pastôrs, Zanut, Lenart, Macôr, Simon, lis feminis in vore e lis figuris santis: l’arcagnul Gabriêl, la Madone, Jesù Bambin.

Come che al conte ben Gian Paolo Gri intun saç dal 1985 su “Metodi e Ricerche 2”, indulà che al fâs un biel struc de storie e des liendis peadis a chest cjant, se tal cors dal Sietcent e dal Votcent al risultave trascrit tai libruts di preieris stampadis par furlan, magari cussì no, cul lâ dal timp al à pierdût chest spazi e al è tornât a poiâsi plui che altri su la trasmission orâl, simpri mancul vivarose. “La cjançon da gnot di Nadâl” e continue a sorevivi in gracie des regjistrazions discografichis e des tantis publicazions, datadis e di plui gnovis, dulà che diviers musiciscj e compositôrs, sedi di stamp popolâr, sedi studiâts o ben de gnove musiche, a àn vistût e a vistissin cheste poesie natalizie di colôrs gnûfs. Scoltait e cjantait cheste orazion, par no dismenteâ. ❚

Alessio Screm

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +