Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

UN BLANC E UN NERI. 4e pontade. Tirâ il lavôr

............

Cun gno pari no ai mai cjacarât tant, soredut di mulet. No che no lessin dacuardi, dome che la comunicazion verbâl no jere il nestri fuart. In compens, mi menave a cjace, a foncs e naturalmentri a vore. Simpri robis dulà che si cjacarave pôc o nuie, ma intant si faseve alc insiemi. A vore – sedi tai lavôrs di cjase e de braide, sedi in cantîr – i moments plui biei che jo o ricuardi a jerin cuant che no cjacaravin propit, parcè che la comunion tra nô doi e il lavôr e jere cussì perfete che jo, manoâl, o servivi il so lavôr prevignint lis sôs dibisugnis, come che si leiessin tal pinsîr. Al pues someâ strani, ma chel stâ insiemi trê o cuatri oris, lavorant a cidin, passantsi imprescj e scambiantsi in dut mieze cjaçade di peraulis, a son tra i moments plui intims che o ricuardi cun gno pari.

Mi è capitât di pensâ al lavôr cun gno pari, soredut chel di muredôr dilunc l’Istât, cuant che mi soi cjatât a fâ il tutor ai miei lavoradôrs volontaris. Chescj lavôrs a son un strument di integrazion, un servizi che al ven ufiert a chei che a àn domandât asîl e il gno rûl al è propit chel di doprâ il lavôr, che po al è lavôr manuâl, par creâ un leam. Un leam tra me e lôr, prime, ma soredut un leam tra lôr e il teritori, doprant no lis cjacaris ma une ativitât condividude. Imparâ e insegnâ fasint.

Lui al veve une piçule imprese edîl e ancje se al è in pension di agns mi capite ancjemò che cualchi so vecjo muredôr mi cjati te ostarie e mi pai di bevi, tacant la solfe che gno pari al è stât il miôr paron che al vedi mai vût. E in efiets, o crôt che in passe 30 agns di ativitât nol vedi mai licenziât nissun e no mi impensi nancje di vêlu viodût a vosâi a un dipendent. Insome, po stâi cualchi porcon ogni tant (ma o sin in Friûl) e di solit il destinatari o jeri jo, no i dipendents. E pûr, intant che tai agns 90 chês altris impresis, grandis e piçulis, a sieravis par vie che la ricostruzion e finive, la sô e à tignût bot e chest par un sempliç fat: lui al tirave il lavôr come ce. In cantîr al coreve, e chei altris a vevin di stâi daur. Nol domandave mai nuie ai dipendents che lui nol fasès miôr e plui di corse, e se al jere un lavôr pericolôs o rognôs, lu faseve lui. In pocjis peraulis: al dave l’esempli.

E in pocjis peraulis, fasint il tutor, o cîr soredut di dâ un esempli ai miei gnûfs borghesans. Se al è di passâ il seejerbe te plombe dal soreli, o voi jo. Se al è di tirâ vie il ricuart di cualchi cjochele incontinent intun parcament, lu fâs jo. Se mi disin che un lavôr al strache o no si rive a fâ, ur al fâs jo. Spes si ofindin, e al sucêt che mi disin “no, o fâs jo” e mi cjolin l’imprest di man. In sumis, o cîr di mostrâur cemût fâ, invezit di predicjâlu e vonde.

Ve mo. O pensi che i furlans cui forescj a vedin ducj di considerâ la impuartance di dâ il bon esempli. Invezit di cjacarâ di amôr pe patrie, fermâle di butâ il pachet di zigarets vueits par tiere. Invezit di pretindi rispiet pes tradizions, studiâle pardabon la storie (e no dome chê che e comude). Invezit di difindi lis nestris feminis dai forescj, tacâ a rispietâlis nô (e magari fermâle di clamâlis “nestris”). Invezit di violentâ la tiere cui confins, provâ a tratâle dute cun plui rispiet. Invezit di domandâ a lôr “parcè sêso scjampâts cence scombati” (la ultime monade di chei che a fasin la resistence cu la piel di chei altris), tacâ a fâ cori i talebans nostrans e a scombati noaltris di plui sul puest di lavôr, tai borcs e tas placis devant dai palaçs, invezit di lamentâsi sot de nape o, piês, su internet.

✒ Igor Londero

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +