Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

UN BLANC E UN NERI. 3e pontade. Un tutôr Lanfur

............


Tal forest, das bandis di Triest, i emigrants furlans ju clamin “lanfur”. Dal rest, a clamin “neri” il cafè, e “capo” il capucin, si che duncje nuie di maraveâsi. Traficant cu la Universitât e altris ents di ricercje di là jù, o ai scugnût deventâ ancje jo un lanfur come gno nono, che al è un di chei muredôrs furlans che tai agns ‘50 a àn tirât sù mieze Triest.
Il vinars però o torni a cjase. La cjase fate di gno pari, muredôr ancje lui, te “Catele”, il broili di famee in Gôt, a Glemone, dongje de fontane di Silans, che e bute la aghe plui buine dal marimont (chê di cjase tô).
Tornâ a Glemone in tren o in autostrade al è un grum biel, par me simpri emozionant, cun cheste citadine che e slache jù fra il Cjampon e il Glemine, lis primis monts dopo de plane furlane. E o soi simpri content come une pasche cuant che o jentri tal gno borc, passant il cartel maron cun parsore scrit “Gôt”.
In cheste civiltât motorizade, e internetizade, e je però un robe che e mancje: la int. Cjatâ cualchidun a pît pe strade di saludâ e scambiâ dôs cjacaris par furlan (dopo une setemane di “dime”, “te ga” e coniuntîfs a câs) al è râr, e fintremai lis ostariis a son sieradis.
Par chest, mi impensi ben un vinars dal Istât passât. Tornant a cjase dilunc vie Gôt, al solit vueide di int e di vite, o passi propit denant dal “Albergo-trattoria Agli Amici” (che par nô al è “Li di Jeur”) e su la terace a son siet – vot personis che a cognossin la mê machine di lontan e che a tachin a ridimi e a saludâmi cu lis mans, contentis di viodimi.
Chest al è stât il plui biel “ben tornât a cjase” che mi sedi mai capitât. No mal àn dit par furlan, viodût che a cjacarin pashtun, urdu e un tic talian, cui plui cui mancul, ma intant a dî “mandi” ur vin insegnât, e pal rest i stin lavorant parsore.
A son rivâts tal Jugn dal 2016, sburtâts in chest cjanton di mont di events plui grancj di lôr e in spiete che il Stât talian al decidi su la lôr domande di asîl politic. Ce puedial savê il Stât talian di ce che al sucêt te zone tribâl dal nord dal Pakistan cuant che sì e no si impense dulà che al è il Friûl, no stait a domandâmal a mi.
I puescj a disposizion Li di Jeur a son 18 ma il numar al dipent dal iter de domande di asîl di ognidun: cualchidun al è bielzà lât vie, cualchidun al è a pene rivât.
Chi di nô, ce che al sucêt tal borc al à a ce fâ cun dut il borc. Cussì, intant che cualchidun al bruntulave, altris a àn dit “anìn a viodi”. O vin cjapât contat cu la Crôs Rosse che e guvierne il puest e o vin domandât di podê jentrâ, di cognossi chescj gnûfs borghesans, di viodi di lôr.
A Glemone al è un biel zîr di int che e fâs volontariât o che e je usade a tirâsi sù lis maniis cuant che al covente, e tancj si son fats indenant, cui proponintsi tant che professôr di talian, cui tirant fûr ideis par gjitis e fiestis, cui cu la voie di cognossiju lant a fâ di mangjâ cun lôr. O vin metût sù un bon Coordenament di Acet.
Si che duncje, cuant che e je vignude fûr la disponibilitât dal Comun di Glemone di tacâ i lavôrs volontaris e che al coventave un tutôr che al tignìs i contats tra lis istituzions coinvoltis (CRI, Caritas, Comun di Glemone), la comunitât e i nestris gnûfs borghesans, al è stât fat il gno non. E o crôt che al sedi simpri un ben cuant che i nons a vegnin sburtâts sù dal bas, invezit che fas colâ dal alt come che al sucêt di norme.
Cussì cumò, dal lunis ae joibe, o netin stradis, trois e placis. Il lavôr plui biel dal mont, par me, considerant che lu passi a rindi plui biele la mê tiere, e a contâ di jê a forescj che par lôr ancje soflâ sore lis semencis svoladiis des rosis di tale e je une scuvierte.
✒ Igor Londero

A torzeon pal Friûl / “Der Voschank”, il spetacul des mascaris sauranis

Sara Traunero
La tradizion dal “Kheirar” e dal “Rölar” e cjape dentri dut il paîs Mascaris bielis e mascaris brutis, cun musis intaiadis intal len e cu lis liniis plui diferentis, a son lis protagonistis assoludis di une ricorence tant curiose che antighe: al è il Carnevâl di Sauris, intal dialet sauran locâl cognossût ancje tant che “Der Voschank”.L’aspiet […] lei di plui +

A torzeon pal Friûl / La maravee di scuvierzi il Carnevâl rosean

Diego Navarria
Cuatri amîs inmagâts de origjinalitât di lenghe, musiche e bai dal Cjanâl incjantonât jenfri lis Musis e la mont Cjanine In ce aventure che mi soi butât! Dut par lâ daûr di mê madone! Cumò, aes trê dopomisdì, achì in machine o sin in cuatri: jo, Mario Dean, 46 agns, professôr di talian tal Marinelli, […] lei di plui +

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +