Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

TERITORIS – INTERNAZIONÂL. Cul gaelic si lavore miôr

............

Intal mont dal lavôr, par solit, cognossi e fevelâ plui lenghis al jude. No par nuie, in dì di vuê, si bat par che i fruts a imparin ben l’inglês e si cjale cuntun interès simpri plui marcât al cinês. Ma il resonament valial dome pes grandis lenghis internazionâls? Tancj di lôr, convints di jessi pratics, a disaran di sì. Intai fats, però, la cuestion e je une vore mancul scontade.
Par esempli, cui che al fevele par gaelic si ricjate tune posizion di vantaç intal marcjât dal lavôr irlandês rispiet a cui che no lu fevele. A dîlu e je la prime ricercje sul rapuart jenfri lenghe fevelade e situazion ocupazionâl in Irlande che e je stade publicade sul ultin numar de riviste “The Economic and Social Review”. Il studi, che al partìs dai dâts dal censiment dal 2006, al è stât metût adun dal professôr Vani Borooah de Universitât dal Ulster cul jutori di doi ricercjadôrs de Universitât di Luimneach / Limerick.
Cundut che il gaelic al è fevelât di une minorance di irlandês e che si pues vivi cence problemis in Irlande ancje cence cognossilu, la ricercje e mostre a clâr che dispès cui che al fevele cheste lenghe al à un puest di vore di nivel plui alt. Par esempli, il 42% di chei che a son bogns di fevelâ par irlandês al à un lavôr di dirigjent, di professionist o di alt profîl, cuintri dal 27% di chei che no cognossin cheste lenghe. Cun di plui, par solit, cui che al fevele par gaelic al à ancje un nivel di studi plui alt e si mostre in stât di svilupâ “rêts sociâls” miôr di chei altris.
Ce che al ven fûr de ricercje, in realtât, al è che il vantaç intal mont dal lavôr nol diven tant de cognossince de lenghe, ma dal percors fat par imparâle. Di une bande a son i stimui in plui che a rivin di un percors di studi pardabon plurilengâl, di chê altre – cemût che al sucêt par solit cu lis lenghis minorizadis – il personâl al è plui motivât e i fruts a imbastissin un leam plui fuart che inaltrò, a formin une rêt sociâl plui salde. Ducj elements che a judin a dâ un vantaç competitîf a cui che al studie intes scuelis gaelichis. Une gnove conferme, duncje, pai dâts che za a rivavin di altris comunitâts di lenghe minorizade. Une lezion, però, che in Friûl cualchidun nol vûl ancjemò imparâ.
CARLI PUP

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +