Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Sul eletrodot si à inmò di “fâ lûs” su tancj ponts: la posizion dal Comitât pe vite dal Friûl rurâl

............

“E veve presse di firmâ, al è evident” al sbufe Aldevis Tibaldi, dal Comitât pe vite dal  Friûl rurâl. Al sbufe e al proteste: “La president dal Friûl-VJ e veve presse di firmâ la convenzion-cuadri cun Terna Rete Italia spa, robe che e à fat ai 11 di Otubar, par vie che se si vegnive a savê prime che si podeve meti sot tiere, alore la int e i comitâts a varessin domandât spiegazions. A un ciert pont, a firme za fate, o vin savût di un altri eletrodot di passaç pal Friûl. Chest – che al sarà lunc 200 chilometris e de Slovenie al si sburtarà fintremai a Salgareda, Trevîs – al sarà metût sot tiere. Alore si lu sin domandât: parcè la stesse soluzion no podevie jessi doprade ancje pe Redipuglia – Udin Ovest?”.
La firme uficiâl, al palaç de Regjon di vie Sabbadini, denant di telecjamaris e stampe, dal acuardi su cheste gnove linie (40 chilometris di eletrodot a 380kV) al torne a vierzi la lungje liste des mega-struturis che a passaran sul nestri teritori. “La president – al dîs Tibaldi – e veve stabilît timp trê mês par sclarî cierts aspiets su chest progjet e cumò la cuestion e je stade sierade in 30 dîs. Di nô crodi”. Tibaldi al zonte che “cheste struture no fâs altri che confermâ che cheste energjie no covente a nô, al nestri teritori, ma al rest de Italie. Nô o sin viodûts dome tant che un “hub”, un puest di smistament e di passaç”.
In chei 30 dîs, la Regjon e à tornât a negoziâ e a riviodi cualchi pont dal stampon deliberât dal Guvier regjonâl precedent. In struc, a saressin: maiôrs compensazions a pro dai comuns, timps plui curts pe dimissions des vielis rêts, semplificazion des proceduris tal câs di dams tant dai lavôrs e po ûs di pâi a bas impat ambientâl. E a saressin i famôs “pâi a gjambe uniche”, che varessin di fânus dismenteâ la idee dal traliç, cussì cemût che la vin tal cjâf. Tibaldi al comente che se si va a lei ben il test, si capìs che chescj “no-traliçs” che a varessin di jessi a pâl unic e cence consumâ masse teren e a saran plantâts “dulà che al è pussibil”, ven a stâ dulà che la fuarce dal aiar e sarà al massim di 65 chilometris oraris, parametri par cui che a son stâts progjetâts. “E si ju imagjinaiso chescj “pâi a gjambe uniche” a Lauzzà, dulà che doi agns za fa, si rivà a tocjâ ancje i 200 km/oraris di aiar? Ae fin, varin dome traliçs tradizionâi. Po dopo a nus disin ancje che par jessi mancul invisibii, ju scugnaran ancje piturâ, senò a van a sbati i avions… insome dulà isal chest mancul impat?”.
Traliçs tant che foncs? “Si è vierte une puarte. Cumò al varc e je la linie Okroglo-  Udin Ovest, che e je compagne di chê de Redipuglia-Udin Ovest e che e covente dome par justificâ il sdoplament de centrâl di Krsko e duncje a servirà par puartâ che energjie produsude in plui. Po dopo al è chel de Cjargne, che al è proponût di privâts. E po al è chest gnûf che al rive a Salgareda, che no cognossin ancjemò la mape ma che al è facil al cori sot de Lagune. Se no deventin une crosere di liniis lant indevant cussì!”, al sosten Tibaldi.
Cuintri la firme jenfri Terna Rete Italia Spa e Regjon Friûl-VJ, il Comitât pe vite dal Friûl rurâl al anticipe che nol fasarà nissune azion eclatante, ni di violence: “Si rimetìn ae decision dal Tar dal Lazio che al à prometût di deliberâ e di decidi dentri dal 17 di Zenâr. E tal stes timp o fasìn in mût che i comuns che a saran pocâts a firmâ une convenzion-cuadri ancje lôr, su la scorte di chê firmade di Terna e Regjon, a spietedin. Ur domandadìn di nô firmâ subite, ma di sclarî prime cierts ponts di chel acuardi, par esempli chei su la cuistion dai pâi a gjambe uniche”. ❚
Oscar Puntel

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +