Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Ancje il mâr al è un furlan tal cûr

BETE DI SPERE

Prin di scomençâ a fevelâ di mâr, o ai di sclarî une robe: il Friûl al à un mâr. Lu dîs tal câs che cualchidun di chei che a lei nol fos furlan (ancje se a viodi ben al sarès impussibil, dal moment che o scrîf par furlan…), parcè che – no rivi a capî la reson – ator pe Italie in tancj a son convints che noaltris furlans no vin nancje un metri di splaze. A dîle dute, tancj a pensin che no vin nancje culinis o planure: “Tu che tu vegnis jù dai monts”, o ben “Ma tu tu sarâs usade a viodi la nêf”, mi disin chi a Rome. Dopo a son ancje chei che “Ma tu tu sês dongje di Turin, no mo?”, ma chei a son propite câs no recuperabii.
Invezit un mâr al è, e stant a ce che a disin lis analisis, al è ancje biel net, di podê lâ a nadâ dentri cence problemis cuant che al è cjalt (fûr dai todescs, che a son bogns di fâlu ancje a Fevrâr). Al è che il mâr furlan al à un pôc il stes caratar dai furlans. Un furlan al è difident par nature e nol scomence mai a contâti des sôs robis la dì stesse che ti à cognossût. Ben, ancje il so mâr al è cussì: tu podis cognossilu, ma nome un toc a la volte.
Cuant che tu jentris tal mâr, tu âs almancul cinc-sîs metris di fâ prime che la aghe ti rivi tai zenoi. Cussì intant che tu cjaminis tu scomencis a cognossilu un pôc. Ma cuant che tu sês rivât tai zenoi, il mâr furlan al dîs: “Spiete! Cui isal chel chi? Nol varà migo cjapât masse confidence dut tun colp?”, e alore al va jù une altre volte, e tu ti cjatis cu la aghe tal cuel dal pît e tu âs di scomençâ dut dal principi.
Però, come che al sucêt cun ducj i furlans, une volte che tu lu âs cognossût, tu podis fidâti di lui, che no ti tradìs di sigûr: ancje se tu vâs di chê altre bande dal cartel di “confin aghis siguris” la robe plui pericolose che ti pues sucedi e je di dâ dentri a un frut che al sta cjalant jù cu la mascare di sub. Ce che al varà di cjalâ, po, no soi mai rivade a capîlu, dal moment che sot da la aghe, sul font, tu cjatis nome savalon, e scuasit ducj i dîs al è talmentri tant savalon ancje ta la aghe che no tu rivis a viodi nancje il savalon tal font. E su chê robe lì lis lengonatis si son inventadis che il mâr furlan al è cragnôs. Se cui che al tabaie cussì si fermàs a pensâ a cemût che a son fats i furlans al capirès a colp: se no si pues viodi dut in trasparence fin in font la colpe no dipent da la cragne, ma nome da la discrezion.

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +