Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Spazi ai spetacui in lenghe

............

Al somee propit che la propueste di un Teatri stabil furlan e sedi deventade une comedie cence fin, viodût che dopo plui di trente agns di propuestis, cun imburidis entusiastis e zirucaments a cessecûl, no si sin ancjemò sclaudâts dal pont di partence. No cate lis promessis di inizi mandât di bande de gnove aministrazion dal Comun di Udin, di fat, la situazion e pareve jessisi impastanade sot di un grum di cjartis, tant di scunî fintremai Bepi Agostinis, partidant salt e cence padin che al à metude la sô vite al servizi di chê che e jere une volontât di Nico Pepe e che passe 10 agns indaûr al veve rivât a cjapâ sù ben 4500 firmis pe petizion presentade al Consei regjonâl.
La gnove formazion dal consei di aministrazion de Fondazion Teatri Gnûf Zuan di Udin, dut câs, e fâs ben sperâ, viodût che la Zonte Fontanini e à fat i nons di esponents une vore familiârs al Teatron (daûr dal Statût de Fondazion, che al è stât modificât di resint par vie de sopression des Provinciis, dai 5 components dal Cda, trê conseîrs a vegnin nomenâts dal Comun di Udin e chei altris doi de Regjon). A part Paolo Foramitti, di fat, Claudia Giorgiutti e Giovanni Nistri a vevin za fat part dal Cda par doi mandâts, dal 2009 al 2014. Nistri, in particolâr, al jere stât vicepresident in dutis dôs lis ocasions: une buine scuele par chel che, a tacâ dai 3 di Dicembar stâts, al è deventât il gnûf president de Fondazion.
La sielte e cole ben, viodût che Giovanni Nistri nol è di prin pêl, cuant che si fevele di teatri, e no dome pe esperience fate tal consei di aministrazion, ma ancje pal so passât e presint di atôr, prime cun Federico Esposito tai agns Sessante, dopo cun Rodolfo Castiglione e cul Piccolo Teatro Città di Udine, cumò cui amatoriâi di Baraban. Ducj chescj agns parsore e ator dai palcs lu fasin il candidât ideâl par tignî lis brenis de Fondazion, ancje par chel che al tocje la lenghe furlane, che al à doprade cetantis voltis in sene (un dai siei riferiments al è Luigi Candoni) e che al è un teme che i sta a cûr ae Zonte udinese.
Jenfri lis primis declarazions, cun di fat, e salte al voli la intenzion di inviâ la produzion di spetacui par furlan, cuntune atenzion ae contemporaneitât e aes gnovis formis di espression, magari in colaborazion cun altris realtâts locâls. Biadelore, il dât al è stât tirât di gnûf, ma al è ancjemò masse adore par capî cuâi numars che a podaran saltâ fûr. La produzion teatrâl, dut câs, no sarà dade in man ae Fondazion in maniere direte: tai mês a vignî si darà dongje une associazion di pueste, cun ents e sogjets che a lavorin bielzà tal mont dal spetacul e de culture furlane. Daspò, i tocjarà a chest comitât di sielzi modalitâts e ideis par puartâ indenant il progjet.
Il tendon al è ancjemò sbassât, duncje, ma di là des cuintis i tecnics a son daûr a lavorâ: di bande nestre, o tignarìn stazade la situazion par jessi pronts a cjapâ puest a pene che lis primis lûs a tacaran a impiâsi. (s.f.) ❚

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +