Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

SIMPRI BOGNS. AA.VV. “Nome chê lenga chì a ne permet da fevelâ. Federico Tavan dai timps di Usmis e dal CSA al infinît.” Udin-San Zorç di Noiâr, 2014

............

“’E à di sparî la persone par ch’al resti dome el poete, ancje se son le stesse robe’al scriveve di se stes Federico intune letare a une professoresse, e chistis peraulis si incrosavin tal me cjâf cun chês plui innomenadis di Pasolini: ‘È la morte che compie il fulmineo montaggio del film della nostra vita, solo grazie alla morte la nostra vita ci serve ad esprimerci’, fûr da glesie di Andreis, il dì dal so funerâl”
Nol vûl dismenteâ Federico il coletîf Chialtres di S. Zorç. E nancje nol vûl sierâ la sô figure dentri intun cliché che al finirès par distudâle. E cussì, daspò di vê inmaneât l’incuintri comemoratîf dal Prin di Dicembar dal 2013, al à editât chest libri di 136 pagjinis, stampât in propi e fûr di cumierç. Za des primis riis de jentrade, si capìs che nol è un libri di routine. La analisi de situazion de culture furlane in rapuart al pinsîr e a la opare di Tavan e je cence rimission, polemiche fin a deventâ une acuse a dute la societât dal spetacul, al supermarcjât culturâl. Cun tant di nons e di cognons. E cun Federico di bessôl a sberlâ fin che al à podût la sô asse cuintri chel mont. Cu lis sôs poesiis (il libri a’nt ripuarte une vincjne) e ancje culis letaris: clarissimis e plenis di marum lis peraulis di p. 108; e particolarmentri comovinte la letare a Alessandra (pp. 70-74).
Altris vôs a intervegnin a fevelâ dal poete di Andreis: il poete Antonio De Biasio (in poesie), il critic Marc Tibaldi, che al analize la opare di F. T. dal pont di viste leterari, Raff BB Lazzara e un utent dal centri di salût mentâl di Manià (e vignarès voie di no crodi a ce che nus conte…).
E po o vin i doi articui di Garlini che a son a la origin des riflessions polemichis de jentrade.
Il volum al è completât di une cronologjie des perfomancis di Federico e des traduzions par talian di dutis lis paginis furlanis. E in plui une schirie di dîs fotografiis che a àn ancje la funzion di separâ une sezion di chê altre dal libri.
Un libri che al scjasse, che al vûl scjassâ. Al sarès biel sintî il pont di viste des personis clamadis in cause inte jentrade. E, se al ves di inviâsi un dibatit vivarôs, jo o butarès lì, ancje jo, une citazion e simpri di Pasolini: “(…) la cultura piccolo-borghese (…) è qualcosa che porta sempre della corruzione, delle impurezze, mentre un analfabeta, uno che ha fatto solo i primi anni delle elementari, ha sempre una certa grazia che poi va perduta attraverso la cultura. Poi la si ritrova ad un altissimo grado di cultura, ma la cultura media è sempre corruttrice”.
A mi mi par che Federico al ves conservade chê grazie de tierce o cuarte elementâr e, intal stes timp, che al fos rivât a altissin grât di culture. Ce pensino su chest cont e su chest libri, ducj i inteletuâi che, intal 2008, a àn vût il mert di spindisi par fâi otignî a Tavan i beneficis de leç Bacchelli? ❚
Laurin Zuan Nardin

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +