Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Sants Ermacure e Fortunât tra liende, storie e leiende

............

O premet che no soi un storic, però mi plâs lei e cognossi la storie.
O ai let su la Vite Catoliche dai 17 di Lui che il gardenâl Beniamino Stella, te omelie de messe in onôr dai Sants Ermacure e Fortunât fate a Aquilee ai 12 di Lui, invidant i fedêi a tornâ a lis risultivis de prime evangjelizazion vignude in Friûl “secondo la leggenda, addirittura per opera di san Marco che avrebbe convertito il futuro vescovo Ermagora… Non importa l’esattezza storica del dato, perché esso induce a guardare alle radici della fede…”.
O sai che une omelie no je une lezion di storie, però mi somee che il continuâ a bati su lis liendis che a san di flabe, di storiute inventade cui sa a ce fin, personalmentri no mi plâs. Si continue a bati che la Glesie di Aquilee e je nassude intune ete une vore tarde rispiet a chês altris Glesiis, no prime de metât dal tierç secul. Chest al vûl dî che si continue a tignî taponade la storie de Glesie di Aquilee come che al è stât fat par secui; si continue a no tignî cont dai studis plui resints, di ce che a vevin intuît Biasutti, Ernetti e po Pressacco, Cacitti, Jacumin, Pelizzari… Chescj, ognun tal so setôr di studi, a àn puartade indenant la origjin gjudeu-cristiane de nestre Glesie, cun provis e argoments, mi pâr vonde seris e di valôr.
Jo no rivi a capî cemût che se e fos nassude cussì tarde a metât tierç secul, za sul scomençâ dal cuart secul la Basiliche e podessi vantâ un mosaic di chê fate tant te aule sud che te aule nord. Juste par fâ un esempli. Ce sens si daial a la peraule tradizion, il sens di “leggenda” o di “legenda”?
La tradizion o leiende e à un so sens etimologjic profont, tant a dî che il fat si à di savê leilu e che no si trate di une sflocje. Uti tradunt maiores nostri… Come che nus contin i nestris vons… Cheste fede che e je chê di Rome, di Alessandrie e de nestre Aquilee e che a predicjin ancje in Gjerusalem… sono sflocjis, “leggende”?
Il Patriarcje Denêl Dolfin tal 1749, un pâr di agns prime de sopressions dal patriarcjât, no i aial scrit al pape Benedet XIV che i patriarcjis a son i “soli, e legittimi Pastori e capi della Diocesi tutta di Aquileja, ovunque essa si dilati, e s’estenda sino a questo gjorno, e’ vuol dire per diecisette e più secoli, quanti ne conta la medesima Santa Sede”, ch’al voleve dî che Rome e Aquilee a vevin la stesse etât, a jerin coetaniis.
O torni a dî che no pretint lezions di storie tes omeliis, ma almancul che si tegni cont dal dât storic e de tradizion, come tramandâ une veretât, un fat. E la Glesie e je fondade ancje su la Tradizion. ❚
pre Roman Michelotti

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +