Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Pre Bepo Marchet fotograf: lis sôs 12 mil fotografiis a saran a disposizion di ducj dentri di un an

............

Dentri di un an, sul sît Internet dal Ipac, l’Istitût regjonâl pal patrimoni culturâl dal Friûl-Vignesie Julie, ognidune de sôs 12 mil fotografiis si podarà viodile e e varà la sô schede di presentazion.

Il materiâl al è chel di pre Josef Marchet, storiograf, linguist, leterât e storic de la art, che al fo protagonist dal dibatit culturâl in Friûl dilunc la metât dal Nûfcent. Convint che il Friûl al ves dut par pretindi une sô autonomie, Marchet tra lis preziosis oparis di studiôs al à lassât lis voris tant che storic da la art, su lis gleseutis votivis dal Friûl (Le chiesette votive del Friuli, saltât fûr tal 1971) e su la sculture in len furlane La scultura lignea in Friuli, 1956 cun G. Nicoletti. Si trate di publicazions che lis à insioradis cu lis fotografiis che lui al lave ator a fâ. O cui dissens che al faseve a partî des sôs fotografiis, cuant che chestis i pareve che no rivassin a rindi pardabon ben la opare che al veve viodût.

Po ben, dut chest patrimoni, che al è conservât alì de Fototeche dai Civics Museus di Udin, cumò al è ogjet di un progjet di ricercje e di valorizazion dal Dipartiment di studis umanistics e dal patrimoni culturâl de Universitât di Udin.

In gracie di finanziaments de Provincie di Udin e, soredut, de Regjon, al è stât pussibil un assegn di ricercje par Martina Lorenzoni che e catalogarà dutis lis fotografiis e lis diapositivis (che no son ancjemò contadis) di Marchet, sot dal coordenament di Martina Visentin che e je responsabile dal Laboratori informatic pe documentazion storiche artistiche dal Dipartiment dal Ateneu furlan.

A son plusôrs i motîfs che a rindin particolarmentri interessant l’archivi di pre Marchet, nassût a Glemone tal 1902 e muart a Udin tal 1966. «Intant, al è cetant impuartant che dutis chestis fotografiis si sedin mantignudis tant che corpus unitari e no sedin stadis dividudis – e rimarche Visentin -, ancje par vie che Marchet lis veve organizadis par paîs e frazions di riferiment dulà che la glesie o la opare si cjatavin». Po, e va indevant la esperte, «la sô vore e je straordenarie par vie che cumò buine part di ce che al à fotografât al è lât pierdût, par colpe dal taramot e de azion dal timp. Cun di plui, tantis sculturis no si cjatin plui dulà che a jerin, par vie che a son stadis puartadis tal sigûr tal museu diocesan».

Plui in gjenerâl, chestis fotografiis che no son di valôr in se ma che a àn valôr tant che imprest di vore, “a son la testemoneance che in Friûl Marchet al è stât il prin a doprâ lis fotografiis tant che imprest di osservazion e di documentazion dal storic da la art”, e sotlinee ancjemò Visentin. Cun di plui, «Marchet par prin al à metude la atenzion su oparis che a jerin consideradis no di grant valôr artistic e al è fotografât e descrit, valorizantju, altârs e sculturis di len che no jerin fats di artiscj di divignince venite. Par dî – e siere -, al è stât il prin a meti la lûs su la produzion dai slovens».

Marchet su ogni fotografie al à scrit dulà che le à fate e cuant. Al à zontât ancje un so pinsîr e ipotesi di lavôr. Dutis osservazions che a vignaran cjapadis dentri tes schedis di catalogazion. Par intant, si pues tacâ a viodi la vore de Universitât dal Friûl e lis primis fotografiis di Marchet sul sît http://edvara2.uniud.it/marchetti/. ❚
✒ Antonella Lanfrit

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +