Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

I PROTAGONISCJ – La storie di Fortunazian, Patriarcje di famee africane

Diego Navarria

Fortunazian (Fortunatianus) al è stât vescul di Aquilee dal 342 al 357. Nassût forsit a Cividât di pari e mari di divignince africane. Al è il tierç vescul dopo di Teodôr, chel che al veve tirade sù la basiliche e i siei mosaics. Dopo di lui a saran S. Valerian e S. Cromazi, duncje il timp di grande incressite teologjiche e culturâl di Aquilee, che le consacre tant che centri di evangjelizazion dal Nord e dal Est de Europe. Fortunazian al à mani in chest disvilup. Fin a pôcs agns indaûr al jere cognossût dome pe sô partecipazion al concili di Sardica (Sofie di Bulgarie) dal 343 cuintri de eresie ariane, dulà che al jere de bande di Atanasi,  patriarcje di Alessandrie. Il stes Atanasi al passà la Pasche dal 345 a Aquilee cun Fortunazian e cul imperadôr Costant. Al jere ancje famôs, massime in Friûl, parcè che tal Liber de viris illustribus di Sant Jaroni (“Libri dai oms innomenâts”) si conte pe prime volte che il vescul di Aquilee al veve scrit lis predicjis sui vanzelis doprant il rustico locâl, un latin no classic ma fevelât dal popul contadin di Aquilee, une sorte di furlan arcaic. Di là di chest e di une vore di riviei jenfri arians e fedêi al concili di Nicee, no savaressin altri se, dome tal 2017, il prof. Lukas J. Dorfbauer nol ves publicât i coments dai vanzelis di Fortunazian che al veve discuviert te biblioteche dal domo di Colonie. Chei tescj a disvelin une esegjesi siore e a dan un contribût biel grant su la autentiche tradizion teologjiche e liturgjiche di Aquilee e su la sô origjinalitât. Dome par fâ un esempli, o vignìn culì a savê che il simbul de acuile, che par ducj al rapresente l’evangjelist Zuan, a Aquilee (almancul di Fortunazian a Paulin II), al jere il simbul di S. Marc, considerât fondadôr de Mari Glesie. Si pues alore presumi che la acuile de bandiere de Patrie no sedi di divignince dome de Ete di Mieç ma fintremai dai prins secui de Aquilee cristiane. ❚

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +