Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

I PROTAGONISCJ – La storie di Fortunazian, Patriarcje di famee africane

Diego Navarria

Fortunazian (Fortunatianus) al è stât vescul di Aquilee dal 342 al 357. Nassût forsit a Cividât di pari e mari di divignince africane. Al è il tierç vescul dopo di Teodôr, chel che al veve tirade sù la basiliche e i siei mosaics. Dopo di lui a saran S. Valerian e S. Cromazi, duncje il timp di grande incressite teologjiche e culturâl di Aquilee, che le consacre tant che centri di evangjelizazion dal Nord e dal Est de Europe. Fortunazian al à mani in chest disvilup. Fin a pôcs agns indaûr al jere cognossût dome pe sô partecipazion al concili di Sardica (Sofie di Bulgarie) dal 343 cuintri de eresie ariane, dulà che al jere de bande di Atanasi,  patriarcje di Alessandrie. Il stes Atanasi al passà la Pasche dal 345 a Aquilee cun Fortunazian e cul imperadôr Costant. Al jere ancje famôs, massime in Friûl, parcè che tal Liber de viris illustribus di Sant Jaroni (“Libri dai oms innomenâts”) si conte pe prime volte che il vescul di Aquilee al veve scrit lis predicjis sui vanzelis doprant il rustico locâl, un latin no classic ma fevelât dal popul contadin di Aquilee, une sorte di furlan arcaic. Di là di chest e di une vore di riviei jenfri arians e fedêi al concili di Nicee, no savaressin altri se, dome tal 2017, il prof. Lukas J. Dorfbauer nol ves publicât i coments dai vanzelis di Fortunazian che al veve discuviert te biblioteche dal domo di Colonie. Chei tescj a disvelin une esegjesi siore e a dan un contribût biel grant su la autentiche tradizion teologjiche e liturgjiche di Aquilee e su la sô origjinalitât. Dome par fâ un esempli, o vignìn culì a savê che il simbul de acuile, che par ducj al rapresente l’evangjelist Zuan, a Aquilee (almancul di Fortunazian a Paulin II), al jere il simbul di S. Marc, considerât fondadôr de Mari Glesie. Si pues alore presumi che la acuile de bandiere de Patrie no sedi di divignince dome de Ete di Mieç ma fintremai dai prins secui de Aquilee cristiane. ❚

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +