Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Il fari e compositôr Alessandro Orologio a 470 agns de nassite

Alessio Screm
Alessandro Orologio
Alessandro Orologio

Al esist un biel libri, publicât tal 2008 de Union des Societâts Corâls dal Friûl-Vignesie Julie, che al è il risultât de cunvigne internazionâl di studis dal 2004 dedicade al polistrumentist e compositôr che chest an si festezin i 470 agns de nassite. Une rie di numars, tant par scomençâ, juste par ricuardâ trop che a son impuartants i inovâi e lis ricorencis, che nus judin a riconsiderâ il passât, a riscuvierzilu, a viodi intune altre maniere il presint e a imagjinâ il futûr in manieris diferentis.
◆ Nassût a Dograve di San Zorç da la Richinvelde ai 14 di Zenâr dal 1551, e muart a Viene intune zornade imprecisade di Otubar dal 1633, di Alessandro – cognossût ancje par latin tant che Alexander Horologius – no si sa trop e anzit, masse pocjis a son lis notiziis su di lui che nus rivin de storie. L’impuartant al è lâ indenant a cirî, che tant al pues tornâ dal passât, e si spere di podê recuperâ altris informazions sul so cont.
◆ Istès, al conte cetant il libri che o disevi in viertidure e che si intitule “Alessandro Orologio (1551-1633), musico friulano e il suo tempo” (Pizzicato edizioni musicali): dentri al è in pratiche dut ce che si sa di lui, o cuasi, cun diviers contribûts ancje di ordin propit storic, di bande di professôrs, ricercjadôrs e musicolics di nivel, des universitâts di Udin, Triest, Vignesie, Padue, Parme, Ferare, Cremone, Varsavie, Cambridge e Lubiane. Un biel grup di specialiscj che a àn ufiert i lôr studis e indagjins sul teme, sot de cure di Franco Colussi.
◆ Al è tra lis vicendis sociâls e politichis de Patrie dal Friûl tra Cinc e Sîscent – aes dipendencis de Serenissime di Vignesie – che si davuelç la vite e la cariere di Alessandro musicist, o miôr polistrumentist, compositôr, e fintremai – prime ancjemò – fari. Un om di mont, che dal Friûl al à savût fâsi stimâ a nivel mitteleuropean, rivant a jessi di popolan a mestri in corts impuartantis di fameis reâls.
◆ E pensâ che al à tacât tant che fari e responsabil dal funzionament e de manutenzion dai orlois publics di Udin, includût chel de Tor dal Orloi di Place Libertât, za Place Contarene o Place dal vin, cussì si le clamave di chei timps. Chê dal fari e je stade, dutun cu la musiche, la sô prime ocupazion, davuelte par un periodi insiemi cul pari che al veve ereditât de famee chest mistîr. Brâf a manezâ fiers e mecanisims, come pûr a sunâ diviers aerofons tant che trombis, cuarnetis, pifars, e ancje altris struments a cuarde, tal 1573 al risulte scriturât tant che musicist inte Compagnie Strumentâl Udinese, cul oblic  di davuelzi esecuzions tant di ordin civîl che religjôs, sedi pe Glesie che pe Patrie. Al è chest il moment indulà che e ven fûr la sô vene compositive, tant che autôr di jentradis, motets, madrigâi, cjançonetis, che al scrivarà par dute la vite cun dedichis a personaçs di nomee. Tal 1581, ma forsit ancje prime, si pense za tal 1578, al lasse la Compagnie par lâ a servizi dal Imperadôr Ridolf II a Praghe, in gracie di amiciziis cun personaçs impuartants dal gurizan che a àn di vê fate cualchi buine, e meretade, racomandazion.
◆ Al lavore come trombonist e intant al scrîf musichis gnovis, tant di deventâ tal 1603 vice mestri de Cort di Praghe. Tal 1594-95 al risulte ancje al servizi dal langravi Moritz von Hessen a Kassel, e intant al viaze e si interesse des sôs publicazions, diviersis di chês publicadis dal editôr venezian Angelo Gargano. Al va ancje ator pe Italie a comprâ struments musicâi par volê dal langravi, e al regjistre intune letare ce che al coventarès: violis di gjambe, di braç, flauts di variis misuris e estensions, liris, cuarnamusis, cuarnets e ce che lui al nomene tant che “strumenti stravaganti per intrade, se si trovano…”, scrit par todesc però, e tal so va e ven si lu si cjate ingaiât ancje a Dresde.
◆ Dal 1620 cirche si stabilìs a Viene, indulà che nol somee che al vivi tant ben, par vie di stipendis no ricevûts dilunc de sô cariere di musicist di cort, e che al tente cun variis letaris di recuperâ, ma al tire dongje ben pôc. Tal 1633 al dete il so testament, cence fîs, famee, femine, nomenant eredis universâi Pietro Verdina, mestri di capele dal re di Ongjarie e Boemie, e Giovanni Sansone, music di cjamare de Maestât Cesaree, in plui di donazions a diviersis confraternitis, di bon catolic che al jere. ❚

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +