Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Elsa Martin e Stefano Battaglia: omaç a Pierluigi Cappello

Alessio Screm

“Al centro delle cose”, il gnûf album
al sarà presentât ai 21 di Avost a Udin


La cjantante e compositore cjargnele Elsa Martin e scree il gnûf album scrit e interpretât cun Stefano Battaglia, pianist e compositôr innomenât de sene internazionâl. Si clame “Al centro delle cose”, un lavôr rafinât tra rileturis e riscrituris di poesie profonde, regjistrât e produsût tai studis Artesuono di Stefano Amerio, la perle des salis di regjistrazion in Friûl e tal forest, cun cooperazions e ricognossiments artistics in dut il mont. Un album duncje cun dutis lis cualitâts,  artistichis e tecnichis, di nivel alt, tant che omaç otim e benvignût al grant poete Pierluigi Cappello, che nus à lassâts aromai za trê agns indaûr. Ma nus à lassât ancje une schirie di peraulis, viers, contis e poesiis di une bielece incredibile e cence paragons, par un patrimoni inestimabil che al reste e che al merete di jessi pandût e condividût. Une riscuvierte continue, come che al fâs il lavôr di Martin e Battaglia, che al met in grande lûs e intune forme dute origjinâl l’atrat e la fuarce espressive de musiche e de poesie insiemi.
◆ Il titul dal album, che al sarà presentât pe prime volte ai 21 di Avost in Place Libertât a Udin dentri dal festival “Nei suoni dei Luoghi”, al cjape ispirazion de liriche “Stato di quiete”, racuelte intes “Poesie 2010-2016” editis di Rizzoli. A son dîs poesiis in musiche, cjapadis di diviersis oparis che a componin l’album, dulà che il poete origjinari di Scluse si armonize cu lis creazions sonoris di Elsa Martin, ae vôs e ai live electronics, e di Stefano Battaglia, al piano e aes percussions, stant che ducj i doi, in plui che sunâ, a àn componût lis partiduris, dulà che no macjin moments estemporaniis di improvisazion e di ricercje. Tra tescj par furlan e par talian, ducj componiments dulà che il Friûl si sint che al respire dentri, i tocs in marilenghe si intitulin “Scluse”, che al vierç l’album, “Cîl tal cîl”, “Mont” e “Inniò”.
◆ Come che al scrîf intes notis dal disc il scritôr Angelo Floramo, «Chest secont volum (il prin, fat insiemi, e simpri produsût di Artesuono, al è “Sfueâi” dal 2019, ndr), al insist cun coraç su la valorizazion de poesie furlane contemporanie, e si à come la impression che i percors sonôrs a tocjin une maturitât di introspezion pardabon uniche. Cussì, il zûc di sfumaduris che a metin in consonance la peraule scrite, chê cjantade e i dialics che si instrecin cu la urdidure musicâl, si fâs ricercje profonde di significâts gnûfs e simpri diviers».
O vin domandât a Elsa Martin ce che al vûl dî par jê Pierluigi Cappello: «O ai vût il gran regâl di jentrâ in contat cui poetis de mê tiere, in particolâr propit cun Pierluigi Cappello, e midiant di lui o ai percepît cemût che, par mieç de peraule, tante bielece e ven fûr daspò di un lavôr lunc di artesans, di cesel. Ancje chest al significhe Pierluigi Cappello. Par une sintesi finâl di significâts e sensazions che a fasin in mût, come par esempli la peraule “jerbe”, di dâ a chê peraule dut l’odôr dal Friûl. Cappello al met in vibrazion ciertis mês cuardis dal profont de anime, e lis imagjins che al conte intes sôs riis, o rivi come a tocjâlis cu lis mans. Ogni viaç mi maravei de magjie di chest om, in plui che poete, un grant e sensibil pensadôr dal nestri Friûl. Musicâ i siei viers, al vûl jessi prime di dut un dî graciis pe bielece che nus à regalât. Un mot di ricognossince».
◆ No je la prime volte che Martin e Battaglia si fasin ispirâ di Cappello e za in lavôrs precedents, sedi in studi che in concierts dal vîf, a àn dât sunôrs ae sô poesie. O domandi a Elsa Martin se “Al centro delle cose” al met insiemi un percors che al va indenant. «O vin sielzût chest titul propit par dâ il sens di un moviment che al partìs dal centri, un viaç al incontrari dal viers, de peraule singule, al foneme, al cidinôr, bande il centri des robis. Il pont dulà che si rive al è la essenzialitât di ce che o sin. Forsit al è chest il sens, il fîl di chest lavôr. Musicalmentri, a nivel di ricercje, o vin fat il stes percors, disfant lis peraulis e i suns tant che elements de nestre narazion». Si consolide ancje la colaborazion cun Stefano Battaglia, che al è tant leât e inamorât dal Friûl. Ce vuelial dî par te lavorâ cun lui?
◆ «Un privileç. Al vûl dî jentrâ intune bole dulà che si disfin i limits dal timp e dal spazi. Al vûl dî fondâ lis lidrîs dentri de tiere, i ramaçs viers il cîl. Al vûl dî lei, sunâ e cjantâ, oris e oris, cence sintî distancis, ancje se lui al è un grant mestri. Al vûl dî condividi la ricercje: ducj i doi o amìn la poesie, la potence e la sugjestion de lenghe furlane». Un album rafinât che al met insiemi trê autôrs, di divierse estrazion ma cun ponts in comun che si incuintrin inte essenzialitât, che si fâs incjant.
◆ Il disc “Al centro delle cose”, impreziosît di bielis fotos e di un librut cui tescj, cu lis traduzions, la note introdutive di Floramo e une finâl di Stefano Battaglia dal titul “In nessun dove” – otim disc produsût da Artesuono di Stefano Amerio – daspò de presentazion dai 21 di Avost in Place Libertât a Udin, si podarà comprâlu sul sît artesuono.it e in ducj i digital store principâi come Amazon, Spotify, Deezer, iTunes. Un disc di vê. ❚

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +