Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Memoriis di Vuere: la storie platade dai furlans copâts in vuere e lis storiis che al è plui comut no contâ

............

Ai 4 di Novembar a son stâts 100 agns de fin de Grande Vuere, che e je deventade “Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate”. Come che al diseve pre Toni Beline “si continue a celebrâ la vuere cu la scuse di celebrâ lis vitimis de vuere”. Nô in chest ultin numar dal an o ricuardìn cussì chest inovâl (Redazion).
La storie e je simpri scomude par cualchidun, ma chest nol gjave che si vedi di contâle a cui che al à voie di stâ a scoltâ. Tornant indaûr di cent agns, tal 1915, o fevelìn di chê gnot di Istât cuant che a Vilès a son stadis fusiladis sîs personis, in chê che si ricuarde tant che la tragjedie dai Fassinârs. Tal an dal centenari de Grande Vere, al è il siôr Renzo Gerin di Vilès che, midiant de storie di so pari, nus conte ce che in veretât al è sucedût tal nestri Friûl in timp di vuere e che nol è propit ce che la storie scrite nus fâs crodi.
LA STORIE DI ROME
«Ducj a cognossin la storie di Rome ma la storie di cjase nestre no si le sa» al scomence il siôr Gerin. Di fat, tancj a son i furlans che ancjemò no cognossin la vere storie di ce che la vuere nus à puartât in cjase.
Par contâ miôr l’episodi o vin di visâsi che a son stâts tancj i militârs di lenghe furlane, todescje, slovene e venite, che par no vê vistude la monture taliane ma chê austroongjarese, a son stâts dismenteâts de storie uficiâl e considerâts “nemîs”.
Il siôr Gerin nus conte che in dì di vuê al è ancjemò dificil fa savê i fats in maniere neutrâl. A testemoneance di chest, pôcs a son i libris che a vegnin scrits su lis veris vicendis di vuere e ancjemò mancul a son i articui di cuotidians o “opinions” dai letôrs publicadis sui gjornâi.
Par esempli, la storie nus dîs che il Friûl austriac al è jentrât in vuere ai 28 di Lui dal 1914, ma no si conte che de Contee di Gurize e Gardiscje a son partîts pe vuere tes filis dal Imperi Austroongjarês 30 mil oms. Plui o mancul 70 mil a son stâts i civîi depuartâts, fra di lôr a jerin plevans, mestris, sindics e impleâts, cu la acuse di vê simpatiis “austriacantis”.
«DOMANI ARRIVA I TALIANI»
«Bisugne ricuardâsi che prime ancjemò che la Italie e jentràs in vuere al jere proibît scoltâ la radio e la int e cirive di sintonizâsi su “Radio Londra” par vê cualchi notizie».
«La sere dai 23 Mai dal 1915, zornade de Sense, – al va indenant il siôr Gerin – gno pari Ubaldo che chê volte al veve 17 agns, duncje nol jere arolât come i siei fradis, al tornave a cjase a Vilès. So pari, gno nono, che al scoltave su “Radio Londra” la notizie de jentrade in vuere de Italie, lu à mandât indaûr a Salcan (Solkan, cumò in Slovenie ndr), dulà che al faseve il comès, disint: “scampa via perché domani arriva i taliani”».
«Scjampant dal paîs, sul puint di Segrât gno pari al è stât ferît tal cuel di un ricognidôr talian che, come che o scuvierzarai dopo, al jere il prin svol de vuere partît di Vilès. Gno pari al è stât puartât cu la “briscje” a Doberdò sul Cjars, tal ospedâl militâr austriac».
LA COPARIE
Cuatri dîs dopo, la storie nus conte che cuant che i talians a son rivâts a Vilès a àn fatis sù lis baricadis di fassinis tes cinc viis di ingrès al paîs, metint denant personis dai 14 agns in sù, e la gnot dal 29 di Mai dal 1915 i soldâts talians a àn copadis 6 personis.
Il siôr Gerin, che al è un grant studiôs e letôr di storie, al à l’articul di gjornâl che al conte di cuant che l’onorevul Tuntar, ai 20 di Lui dal 1921, i à domandât al ministri de Vuere Gasparotto l’esit de richieste fate su lis fusilazions di Vilès. Si lei tal toc che la rispueste e je stade: “noi conosciamo il soldato italiano! Combattente nei giorni della guerra, tutore dell’ordine nei giorni della pace, giudice nei tribunali straordinari, egli ha lasciato sempre ovunque un’orma luminosa di amorosa bontà!”.
Cuant che, ae fin da 1917, dopo de zornade clamade dai talians “disfate di Cjaurêt”, e dal imperi “miracul di Cjaurêt”, il siôr Ubaldo e altris furlans e slovens a son stâts mandâts in Tirôl tant che Keiserjägern. Daspò, cu la vitorie de Italie, al è stât fat presonîr e puartât a Verone e, come che nus conte Renzo «une volte tornât a cjase, lui come ducj chei altris combatents dal imperi a son stâts maltratâts dai talians».
«PRIME DE VUERE SI TABAIAVE PAR FURLAN E PAR SLOVEN»
«A la int di culì no i impuartave chê di deventâ talians. Tornâ a cjase al jere deventât dificil, parcè che al jere cambiât l’implant de aministrazion e mi ricuardi di gno pari che al contave che prime de vuere tai uficis si tabaiave par furlan e par sloven e il puarteletaris al veve di cognossi ancje l’ongjarês. La int e veve scugnût abituâsi al cambiament de italianizazion fuarçade» e, cemût che e conte la storie, tantis fameis a àn cambiât il cognon.
O savìn che la storie e je dificile di ricuardâ e di contâ, ma al bastarès cussì pôc par cognossi lis vicendis passadis sucedudis in Friûl e dulà che o vivìn.
VERETÂTS SCUINDUDIS
Come la storie dal siôr Gerin, che di une bande nus conte il ricuart di so pari Ubaldo, prin ferît dal prin bombardîr di vuere e ancje la tragjedie dai fassinârs, a son tantis lis veretâts ancjemò scuindudis che al sarès di contâ, ma che in dì di vuê a pôcs di lôr ur interessin.
Par fortune però, al è ancjemò cualchidun che al à voie di contâ la storie cence pêi su la lenghe. Lucio Fabi, par esempli, al à publicât un libri dal titul “I fucilati di villesse”, dulà che al conte dute la vicende viodude de int di Vilès.
Il libri al è stât publicât e presentât chest an, par memoreâ la vicende, in ocasion di une zornade organizade dal grup di ricercje storiche e di promozion culturâl “I Blaudins” (sorenon de int di Vilès, che al ven de plante Clematis vitalba, che e je tipiche di Vilès).
In cheste ocasion e je ancje state fate sù une lapide in memorie dai fusilâts di Vilès: “vittime innocenti del piombo italiano”. ❚
Moira Pezzetta

L’EDITORIÂL / La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul

Zuan Marc Sartôr
Belle époque. Un student di Gurize al viaze cul tren dilunc la Südbahn (la Ferade Meridionâl, di Viene a Triest). Al torne a cjase dopo agns di studi inte universitât de capitâl imperiâl. Al à frecuentât la preseade facoltât di fisiche, là che si davuelzin lis prestigjosis lezions dal professôr Jožef Štefan, il famôs fisic […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +