Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

(L)INT FURLANE. Cjalìn indenant cun sperance

............

✽✽ Si siere un an plen di significât pal Friûl. Al sarès dibant sotlineâlu se no valès invezit propit la pene di rimarcâlu: lis elezions de Vierte a àn segnât un moment impuartant pe lungje bataie autonomiste.
✽✽ Dopo tancj agns, la presince di doi conseîrs regjonâi dal Pat pe Autonomie al vûl dî che, ancje dal pont di viste istituzionâl, alc al è cambiât, alc si è movût. Un segnâl: al è ancjemò tant di fâ, ma dopo tantis provis, masse faliments, ancjetantis sperancis delududis, al è rivât un messaç positîf di unitât. Visìnsi: une unitât nassude e “protete” de stature morâl e politiche di une figure di riferiment tant che chê di Sergio Cecotti, bon di catalizâ ator de sô candidature il favôr, e il vôt, di tancj eletôrs che doman a varan di jessi riconcuistâts e ampliâts midiant no plui dal carisme di un leader, ma di une scuadre, di un progjet crodibil e vincidôr.
✽✽ Il consens, no dome chel tal moment dal vôt, si oten partint des esigjencis di un popul, rivant a trasformâ “il sium di une robe” inte sô realizazion. Un procès lunc e dificil, une sfide intun mont che al cambie plui svelt di ce che o crodìn, e che dal so indicadôr “di progrès” o sin simpri mancul cierts.
✽✽ La tentazion duncje di cjalâ bande il passât e je fuarte, come se in chel si podès cjatâ confuart e rispuestis al presint, dispès in mût acritic e velât dome de aparence. Al reste un nestri dovê difindi lis tradizions, come che o sin braurôs di chei valôrs trasmetûts, di chel “salt, onest,  lavoradôr”, ma savint che al va interpretât sbrumât de retoriche e dal paternalisim. O volìn che e sedi la constatazion semplice di un mût di jessi, di une diversitât ancje morâl, di une dote che o puartìn intal grant cjalderon de umanitât. Altri che “sotans”. Dopo secui di domini di altris, di campagnis di continui discognossiment culturâl e storic, di emargjinazion economiche e sociâl, pûr in ogni câs o sin ancjemò ca a celebrâ inte nestre amade marilenghe une vitorie e une resistence che e continue.
✽✽ Une lenghe che vuê si esprim in ducj i cjamps dal savê, inte vite cuotidiane, inte informazion, ancje midiant dai sistemis modernis di comunicazion. Al podarès someâ un fat naturâl, ma invezit – intes cundizions di cumò di atac aes minorancis, al diviers, dulà che al domine il predomini italic di brute memorie – al è il risultât de volontât di fier di un popul di no pierdi la proprie anime. Se Diu al volarà, o larìn indenant su cheste strade. ❚
Dree Valcic

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +