Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Un popul di scoltâ e di no tradî

Dree Valcic

✽✽ No mi plasin lis peraulis che a finissin in “isim”. Mi dan la idee di alc di vecjo, di passât, che nol è  aderent al timp presint. Piês ancjemò cuant che a vuelin rapresentâ un sintiment di masse. Al è clâr duncje che no ai nissune simpatie par un tiermin tant che “populisim”, specie cuant che chel lu doprin personaçs o moviments che, intal so non, a movin e a tegnin sù progjets reazionaris.
✽✽ Atenzion, però, a no colâ inte vuate di cui che, criticant o criminalizant la concezion, al à tant che fin ultin il gjavâ dignitât e sostance ae lidrîs stesse dal “isim”, o ben ae peraule “popul” e al concet che e esprim.
✽✽ Intune societât dulà che lis classis si mostrin simpri plui sfumadis, cuasi pierdint lis lôr carateristichis origjinariis, al devente il popul l’unic protagonist e antagonist des strentis oligarchiis di podê, il baluart de democrazie.
✽✽ Par chest motîf, duncje, al è simpri plui urgjent e cuasi un oblic chel di ricjapâ la idee di popul furlan, intindût tant che insiemi di personis unidis di sintiments comuns. Cence retoriche, ma tant che dibisugne di prospetive.
✽✽ Rinfuarçâ il spirt identitari nol è fenomen di sieradure, ma plasme e linfe de autonomie, la uniche vacine cuintri de globalizazion. Cheste no si à di viodile dome tant che cundizion economiche e finanziarie, ma tant che base struturâl dal pinsîr unic, element di fonde di ogni ditature.
✽✽ Dispès o voi sot de Loze dal Lionel e mi fermi sot de lapide tacade in bande de scjalinade che e puarte in sale Aiace. E je incidude la motivazion de Medaie di aur al Valôr Militâr, assegnade al Friûl e par lui ae citât di Udin pe lote al nazifassisim. E tache cussì: “Fedele alle tradizioni dei padri, anelante a riscattarsi dalla tirannide  e a ritornare alla libertà, il Popolo Friulano, dopo l’8 settembre 1943, sorgeva compatto contro l’oppressore…”
✽✽ Popul Furlan cu la maiuscule, come che a fossin un non e un cognon, une entitât uniche.
✽✽ Che al sedi cussì, lu conte la storie secolâr, ma che al ves cussience di jessilu no simpri al è stât.
✽✽ Forsit chest al è il compit che nus tocje, devant di un nemì eterni che a ’nt discognòs la esistence: fâ vignî sù cheste cussience, masse voltis cidinade, altris straviade, e dispès – magari cussì no – tradide. ❚

Dree Valcic

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +