Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Letaris

............

Letare a La Patrie dal Friûl
Lustrissim Diretôr,
dopo vê let l’editoriâl dal numar di Mai de Patrie dal Friûl, mi sint scuasit in colpe par sei un che si è metût tal cjâf di voltâ par furlan i scrits di Salusti, un storic roman; jo lu fâs par svagâmi, ma mi cjati a riscj di vignî segnât a dêt come un che al vûl dimostrâ cui sa ce virtût de lenghe furlane. E di dimostrazions di cheste fate no ‘nd è bisugne, sun chest o soi in plen acuardi cun lui. Une lenghe che par mîl agns e à dât espression a ideis e afiets de int de nestre tiere, compagnant nassi, vivi e murî, no à dificoltât a fâ di sisteme di comunicazion in cualsisei contest.
Jo o cjati che nuialtri mi fâs dismenteâ lis preocupazions dal lavôr come il concentrâmi, tal timp libar, par meti jù in bon furlan la storie dal complot di Catiline e chê de vuere cuintri Gjugurte, voltant i tescj latins scrits di Salusti un pâr di mîl agns indaûr; ma no disarès dute la veretât se mi fermàs chi. Mi plasarès che il risultât dal me divertiment al zovàs a fâ sintî l’utilitât di une golaine di classics latins e grecs, voltâts par furlan: dutis lis culturis ocidentâls si fondin sun chei scritôrs, ancje chê furlane. E ducj i furlans a varessin di podê gjoldi un test classic te nestre lenghe.
Ma tornìn al editoriâl, lì che lui si le cjape cu lis intenzions di chei che e an inmaneât il spetacul Odissee, presentât il 20 di Avrîl tal Teatri Gnûf Zuan di Udin. Mi pâr positîf informâlu sun cemût che a è nade la presentazion di chel spetacul.
Tal distinâ  al diretôr artistic pe prose i bêçs disponibii pe stagjon teatrâl 2009-2010, il Consei de Fondazion al à precisât che sessantemîl euros a vevin di sei spindûts pe iniziative Sipari Furlan. Cul diretôr de prose, o vin sintût lis propuestis di cuatri organizazions furlanis: il diretôr al a sielzût, gnenfri svariadis ideis, lis lezions-spetacul su la storie dal teatri furlan (Teatro Club), un spetacul par fruts (ATF) e un par ducj (Nico Pepe), la presentazion di une idee pe stagjon dopo (CSS).
Sicheduncje, a proponi di meti in vore une dramatizazion di Odissee, partint de traduzion dal grec al furlan di Visentin e Carrozzo, al è stât Claudio De Maglio, diretôr de Nico Pepe; a sielzi di realizâ chest progjet, e no altris, al è stât il diretôr pe prose di chel moment, Michele Mirabella. Pugliês ducju doi. Pardebon si puedial pensâ che a vessin tal cjâf di volê dimostrâ alc a proposit de lenghe furlane?
La veretât a è che no erin pronts altris lavôrs adats al palc dal Zuan di Udin, e il Consei de Fondazion nol voleve rimandâ la partence de presentazion sistematiche di un spetacul professionâl par furlan in ogni stagjon teatrâl. Il risultât, naturalmentri, al pues jessi criticât o laudât.
A mi mi pâr che al sedi di ricognossi ai tradutôrs dal poeme di Omêr il merit di vê metût in moviment une operazion culturâl cussì potente che e à rivât a fâ nassi intôr di sé sfloriduris plenis di p    ssis, e discussions che nus fasin cressi. Jo o stimi centant util ancje il so editoriâl, che no mi cjate d’acuardi in dut.
La critiche a è il ledan che al colte l’arbul de culture, obleant a cirî di fâ miei. Al viodarà che te stagjon teatrâl gnove il Zuan di Udin al darà sodisfazion ancje a lis sôs preferencis. E cui sa che un doman ancje jo, come amant dai classics e ultin dai tradutôrs, no cjati cui che mi contente, vierzint une golaine di classics voltâts par furlan.
TARCISIO MIZZAU
President de Fondazion
Teatri Gnûf Zuan di Udin
________________________________________________
Sul spetacul Odissee
Preseât Diretôr,
o ai let cun avonde sorprese cualchi coment sul spetacul Odissee publicât tal ultin numar de «Patrie dal Friûl».
Prin di dut o ai di dî che no ai podût viodi il spetacul teatrâl, ai 20 di Avrîl, duncje no pues permetimi ni di difindilu ni di criticâlu: par altri la mê stesse partecipazion ae iniziative, di là de ocasion dade cu la traduzion dal poeme fate za agns indaûr cun puar Pierluigi Visintin, e je limitade ae recitazion regjistrade di pôcs viers e a une cjacarade une vore plasevule cul regjist Claudio De Maglio, che si è mostrât une vore atent e sensibil.
In ogni câs, ancje se no ai podût viodi Odissee, o ai let la plui part des critichis publicadis tai gjornâi furlans: plui di cualchidune e à condanât ciertis sieltis, ma dome tal editoriâl de Patrie dal Friûl mi è capitât di lei espressions tant che «Cu la scuse di fâ viodi che o sin brâfs, che o tradusìn dal grêc al furlan, o ‘mandìn in onde’ une porcarie». La critiche artistiche e pues ancje jessi garbe, ma o o pensi che un lengaç dal gjenar al ledi a pericul di scualificâ plui cui che lu dopre che no il spetacul che si vûl criticâ.
Lassant di bande la rapresentazion teatrâl, o scuen rispuindi su la traduzion stesse de Odissee par furlan: tal editoriâl de Patrie dal Friûl si cjate scrit che al è dibant dimostrâ simpri che o sin brâfs, e che za pre Checo al veve dimostrât che si podeve voltâ dal grêc al furlan. No capìs daûr di ce informazions che si vedi pensât che la traduzion mê e di Visintin e ves la finalitât di mostrâ che o sin brâfs: o vin voltât la Odissee, e la cjase Editore Kappa Vu e à volût publicâle, parcè che o sin sigûrs de sô bielece, de sô impuartance e dal sô valôr; le vin voltade dal grêc no par dimostrâ che o sin bogns di fâlu (i timps dai esams di maturitât classiche a son lontans…), ma parcè che e je la lenghe dal origjinâl e duncje partî dal grêc e jere la uniche pussibilitât se si voleve fâ une traduzion degne di chest non.
Simpri tal numar passât de «Patrie dal Friûl», Franco Marchetta al ricognòs che jo e Visintin o vevin la libertât di voltâ la Odissee, ma al dîs che o varessin vût di fâlu par gust, di lassâ la traduzion intun scansel o al massim di publicâle par pôcs specialiscj (specialiscj di ce? di grêc omeric, di lenghe furlane, di epiche, di tradutologjie?): dut al contrari o pensi che la publicazion di oparis impuartantis, cence distinzion se a son voltadis par furlan o origjinâls furlanis, e sedi un dovê dai operadôrs culturâi furlans e un dirit dal popul furlan di cumò e dal avignî. Pardabon no rivi a capî ce che si vuadagnarès a vê un Friûl cui scansei plens di oparis leterariis, ma cu lis librariis e lis bibliotechis vueidis.
Salûts di rispiet.
Rispueste dal diretôr a Sandri Carrozzo e Tarcisio Mizzau.
Al à reson Sandri: no si varès mai di fâsi cjapâ dal sintiment, soredut cuant che bisugnarès invezi jessi di esempli. La peraule «porcarie» no lave doprade se no altri par rispiet di cui che al à lavorât tal spetacul. O domandi scuse, ancje se il gno judizi nol cambie. Par chel che al rivuarde lis oparis di traduzion, mi somee o di no jessi stât clâr o che ce che o pensi al è stat capît mâl: o ai la massime stime par chest lavôr che al puarte dignitât al furlan. Tai agns passâts, ae iniziative dai Colonos par la leture coletive de Odissee voltade par furlan, o ai dit di sì subit. O volevi dî che nô no sin brâfs parcè che o tradusìn dal grec al furlan, ma che o voltìn in marilenghe ancje i classics parcè che o sin une lenghe che e fâs il so mistîr di lenghe.
DREE VALCIC

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +