Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

LETARE. O sin ca ancje noaltris

............

Benvignût” al gnûf Arcivescul di Gurize

Ecelence Reverendissime, la int di buine volontât e à vût une vore agrât il salût che Lui al à fat ai Slovens di Gurize inta lôr lenghe, ma grant al è stât il displasê par vie che nol è stât dit verbo par furlan!
No je robe di pôc: o sin ca ancje noaltris, Bonsignôr Arcivescul, di une vore di timp, tant che ancje il prin Arcivescul di Gurize al predicjave par furlan, lant ator pe sô arcidiocesi.
O sin ca di une voronone di timp: int che e lavore; int di pâs, che mai e à sbarât un colp come chei che la Italie e ten cont tant che un tesaur e ju jemple di palanchis fin sul colm.
Mai cirût di fâ saltâ par aiar i pâi de energjie eletriche…
I nestris i vuelin ben al popul cence il nazionalisim, fi di chei cu la fassine e il manarin.
Il scriptor graecus de Biblioteche Vaticane, Vittorio Peri, intal sô lavôr “Note sulla formazione dell’identità culturale friulana”, al vise che, intun codiç di chê Biblioteche (II metât dal XIV sec.), al è scrit: “Forum Iulii est provincia per se distinta…quia nec Latinam linguam hic nec Slavicam neque Theotonicam sed ydioma proprium habet, nulli Italico ydiomati consimile…”, duncje a son secui che la robe e je cognussude.
Ma, cun dut chest, la Glesie no i à dadi bade al berli, fat cun rispiet, dai vescui Cocolin, Battisti e Freschi tal 1971.
E pûr, ca di noaltris si veve preât e predicjât par furlan; e nus restin côi e côi di predicjis furlanis, fin che il Fassio no i à dadi la zulugnade di un nazionalisim bols, senza rispiet e violent, che al à stramaçât plui di un nestri vescul: di Triest Luîs Fogâr; e chel di Gurize, Francesco Borgia Sedej, int di une culture stratosferiche, cul tuart di vê volût difindi i dirits dai lôr popui, di chei popui che no jerin inta manie dal Fassio.
O ten cont ancjemò di un librut di preieris, par furlan, de mê trisnone Madalene: li dentri, il vescul di Gurize, il sloven Jusef Walland, al viodeve che i Todescs e i Cragnolins a recitavin lis preieris inte lôr lenghe, e si domandava il parcè che i Furlans no varessin vût di fâ chel stes.
Su chest libri, consumât a fuarce di doprâlu, dì par dì, al à preât il fi di Madalene, Antonino (Tunin) Zecchini (1864-1935).
Lui, biel che al jentrave tai Jesuits, al à scrit che, par predicjâ intun teritori cun plui popui e plui lenghis, come il Litorâl austriac, i plasevin i lengaç de nestre arcidiocesi, ven a stâi, il furlan, il talian, il todesc e il sloven.
Al è deventât diretôr spirituâl dal Centralseminar di Gurize, indulà che al è stât simpri plen di bon sens tra lenghis difarentis e plui culturis.
Dopo, al è doventât ancje Arcivescul, delegât apostolic tai Paîs Baltics (Lituanie, Letonie, Estonie) e nunzi apostolic in Letonie, simpri atent che il nazionalisim nol scuintiàs i dirits dai popui.
Ecelence, che si ricuardi di noaltris, e magari, cuant che al rive, che al zonti le scrite par furlan te curie arcivescovîl; par talian e par sloven e je za; no sarès la rivoluzion: a Udin lu àn za fat di chel dì!
Cun tant rispiet, Lu saludi, Ecelence, e chel al aceti ancje il “benvignût” dai Furlans de sô Arcidiocesi.
Ferruccio Tassin

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +