Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

La situazion avilente de politiche furlane: il pont sul Parlament. O sin dal gjat!

............

Puare Patrie! Cumò che a son stadis prontadis lis listis pes elezions politichis dai 24 e 25 di Fevrâr, ognidun dai eletôrs furlans al pues viodi cetant imberdeade che e je la situazion de nestre rapresentance politiche. O sin dongje di une situazion che e je prossime al vueit e se il nestri gjornâl al à dispès denunciât la mancjance di une fuarte politiche furlaniste, cumò – magari cussì no – nus tocje ancje fevelâ di cemût che la sielte pes elezions politichis e riscje di escludi parfin la possibilitât di puartâ in Parlament candidâts in cualchi maniere furlans. Il Friûl al continue a jessi ritignût tiere di concuiste par paracadutâts e racomandâts di ogni sorte. E ancje il Pd – che pur al à fatis lis primariis che a son un grant veicul di promozion democratiche – ae fin al à strissinât trê triestins (Francesco Russo sburtât di Enrico Letta, Ettore Rosato elet a furie di popul alabardât e Tamara Blazina in cuote slovene) in posizion sigure par jentra tai palaçs romans. Invezit a ben viodi la uniche furlane sigure de elezion e sarà Gianna Malisani, la assessore aes voris publichis dal Comun di Udin che in câs di sconfite de coalizion di centriçampe e deventarà la uniche referente dal Friûl in Parlament. Il gurizan Giorgio Brandolin e il pordenonês Giorgio Zanin no àn mai cjapadis di fat posizions autonomistis. E chest intant che la sindiche di Pontebe Isabella De Monte (la plui votade des primariis) e Carlo Pegorer no àn sigurece di jessi elets.
Se il Pd no nus da masse sodisfazion a noaltris furlans, il Pdl se pussibil al è ancjemò piês. E sarà ancjemò plui grivie la situazion tal partît di Berlusconi, dulà che il “visitor” piemontês Bernabò Bocca, president talian de Federalberghi, al è stat paracadutât tal unic puest sigûr al Senât. Ae Cjamare invezit, ancje se no si cole tal forest, al è Triest che al comande i zûcs cun Sandra Savino, mai passade fin cumò pe prove des urnis, ma dut câs pronte a rapresentâ no tant Renzo Tondo, ma pluitost chel Giulio Camber che al è ancjemò in vore par podê jessi elet pe setime legjislature. Une furlane e je: Manuela Di Centa, la campione cjargnele che tantis sodisfazions nus à dât tal sport, e je però al secont mandât e intal prin nol semee – fin a prove contrarie – che e vedi batût masse i pugns pal Friûl e pe sô autonomie.
Intai altris moviments lis robis no van di sigûr miôr. A part “l’imortâl” Angelo Compagnon, che intal Udc al è daûr dal “visitor” Galletti ma pues stâi che al vegni elet, al è emblematic il câs dal neurolic Gian Luigi Gigli che al à vût il prin puest inte liste di Monti. Ma ancje se il miedi al vîf a Udin (dulà che la sô presince politiche si è limitade al câs Eluana e ae candidature aes elezions europeanis cul Udc che cumò al à lassât par “Scelta Civica”) si è triscj ma no si fale se si dîs che la sô nomine e je stade ordenade drete drete di Rome plui pai siei bogns uficis in Vatican (al è membri dal Pontifici Consei Pastorâl pe Sanitât) che pe sô rapresentativitât in Friûl. Dal rest al Senât la liste Monti no cjale tant al Friûl ma pluitost a Alessandro Maran, storic nemì dal furlan che al è stât preferît a Roberto Molinaro, assessôr regjonâl che al varès par sigûr tignût di plui in pîts i interès dai furlans.
Un vêr paradòs al è ancje ce che al sucêt in cjase de Leghe. Chel che secont i principis fondatîfs al veve di jessi il partît dai teritoris, che al garantive sieltis federâls e rapresentance dal grim plui operôs e dinamic de coletivitât, al à vuê come unic elet sigûr un triestin, Massimiliano Fedriga, ven a stâi un rapresentant de provincie dal Friûl-VJ che e puarte mancul consens al moviment di Maroni. Ni Fulvio Follegot, che al è prin al Senât, ni soredut Mario Pittoni, secont te liste pe Cjamare, a son sigûrs di lâ indevant inte lôr cariere parlamentâr. Il câs di Pittoni, che tant si à dât di fâ pe Universitât dal Friûl e ancje pe scuele, al è indicatîf di cemût che i partîts, al timp dal “Porcellum”, a considerin il leam cul teritori: ven a stâi mancul di nuie.
Altris doi elets potenziâi a son la architete Serena Pellegrino di Udin, candidade cun Sel subite daûr di Nichi Vendola, e Walter Rizzetto di Tresesin, candidât cul Moviment di Beppe Grillo dulà che al è a la posizion di cjâfliste pe Cjamare. Ancje il Moviment a 5 stelis, a ben viodi, al à sielt i siei rapresentants sul teritori cence tigni però in nissun cont lis cuistions de identitât. E ancje se al cjaparà un grum di vôts di bande dai citadins plui stracs di une politiche che e somee no coventâ a nuie, chest partît al à forsit pierdude une storiche ocasion di peâsi in maniere serie ae specificitât di ogni puest dulà che al à metût lidrîs.
A ben cjalâ chestis elezions a mostrin ben trop che i “forescj” a san dal Friûl. Al è esemplâr il câs di Oscar Giannino, il leader di Fermare il Declino, un dai moviments plui vivarôs tes lôr propuestis e che a àn vût plui sucès mediatic. Il gjornalist “prestât ae politiche” al à dit al Palamostre cualchi zornade indaûr che si voleve presentâ ancje come president in Region intes elezions che si davuelzaran in Avrîl. Biele idee, pecjât che nol sepi che nol pues fâlu parcè che tes normis eletorâls e je la regule che par jessi president tu âs prin di dut di jessi resident. E a mancul che Giannino no nus vedi platât alc, dut al pues jessi ma no che al vedi residence in Friûl. Par intant dut câs bisugne dîi grazie par vê metût a cjâf de liste al Senât un furlan, Luciano Mauro.
Tancj dut câs a son i furlans presints tes listis ma plui che altri par onôr di firme. Viodût che noaltris no poìn nissun partît e che o cirìn di rispietâ la “par condicio”, o fasìn un belanç dai candidâts plui cognossûts. Tachìn de drete plui estreme dulà che la leç no scrite ma aplicade cun rigôr teutonic e je simpri compagne: al comande Triest. I cjâfliste di Forza Nuova Denis Conte e Giorgio Cembalo a son triestins, come chel di La Destra al Senât – l’ex vicesindic di Triest Paris Lippi che al passe devant dal segretari regjonâl Valerio Toneatto (furlan). Ae Cjamare daspò Francesco Storace e chel altri roman Livio Proietti o cjatìn Ernesto Pezzetta. Te Fiamma Tricolore il cjâfliste nol à nancje triestin: al è istrian, parcè che il vignetist dal Giornale Alfio Krancic al è di divignince di Fiume. Si fâs fature a cjatâ furlans in Fratelli d’Italia, Grande Sud (ancje se cualchidun al dîs che Valeria Grillo e varès presentade la liste culì di nô) e Mir. Inte estreme çampe Kristian Franzil nol è eleibil in Rivoluzione Civile, ma la sô vere aspirazion e sarès tornâ in Regjon. Un altri che al sta fasint dome alenament par Avrîl al è Enrico Bertossi che si è candidât cul Centro Democratico di Bruno Tabacci.
Di chescj, nissun al à la realistiche possibilitât di jessi elet. Dal rest, inutil lamentâsi. Nancje il vescul al è stât masse origjinâl in teme. Ducj si sin sintûts braurôs dal so apel ai furlans a lâ a votâ, ma lâts a cjase o vin scuviert che i vescui di dute Italie a jerin dome lâts daûr a ce che ur diseve il Gardinâl Bertone e in simultanee a vevin dât il stes messaç. Ancje la glesie di un timp, autonomiste e “eretiche” trop che al coventave, e je dome un ricuart pai furlans che no àn voie di stâ masse daûr ae politiche fate a Rome, ma che a volaressin viodi difindi la lôr int.
E chest propit intant che Renzo Tondo al fevele di volê frontâ cuntun spirt une vore autonomist e fondât su la specialitât la campagne per elezions regjonâls di Avrîl. Une campagne lì che la corse e sarà almancul a cuatri. Al governadôr cjargnel e ae candidade dal Pd Debora Serracchiani si son di fat za zontâts il triestin Franco Bandelli e il candidât dal Movimento 5 Stelle Saverio Galluccio che dal so leam cul Friûl nol mostre di vê fat une bandiere. E a chescj cuatri candidâts si stâ par zonta un cuint. La jessude di Gianfranco Moretton di chel Pd che no lu à volût candidâ e je dome l’antipast di une gare che ancje in Regjon e viodarà cori i sostenitôrs di Mario Monti. Cuntun voli a Rome e un a Triest: ma nissun al Friûl.
***
La ultime gnove e je che la uniche di Udin oltri ae Malisani che e sarà elete a la Cjamare par sigûr e je Sara Papinutto, la femine di Diego Volpe Pasini, paracadutade in Emilie Romagne te liste de Leghe parcè che Maroni le à inseride intun puest blindât pûr di eliminâ la liste çuvuite “Prima il Nord” dai creatîfs Volpe Pasini e Vittorio Sgarbi.

✒ Walter Tomada

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +