Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

LA FABRICHE DAI… LIBRIS. Riflessions di un predi cjargnel

............

Ai 29 di Setembar dal 1974 pre Antoni al finive di bati a machine 33 sfueis: sul devant di chest pacut di cjartis, a mût di cuviertine, al veve scrit a man «Per chi vuol sentire… Riflessioni Pastorali di un Curato di montagna… dopo cena». Po il test lu à voltât par furlan.
Di chê volte a son passâts 35 agns! Come timp, al podarès someâ îr. In veretât al è gambiât il mont, la societât, la vite, la glesie.
Pe nestre glesie il 1975 al jere stât l’an de straordenarie assemblee dai predis. Il predessam al jere ancjemò numerôs e vitâl a rispiet di cumò che la situazion e je precipitade. I predis in chescj agns a son calâts in maniere esponenziâl, che un slac di paîs ormai a son cence cheste figure che par secui e jere presint e determinant fin tai paisuts plui fûr di man. Su la sente di Ermacure a son passâts 3 vescui e su la sente di Pieri 4 papis.
Di sigûr cumò al è un altri mont!
Distès o crôt che chestis Riflessions no àn pierdût il lôr valôr tant in certis analisis che al faseve, che tai tentatîfs di soluzion che al proponeve. Tentatîfs di soluzion, parcè che tune situazion balarine come chê che o vivìn si pues dome provâ, tentâ progjets cun libertât e inteligjence. No si pues pretindi di vê recipis preconfezionadis e validis par dut.
In chê volte pre Antoni al veve a pene 33 agns e al faseve il plevan a Rualp e Val di 6 agns: zovin di etât e zovin di esperience. Ma e jere za dute la anime, dute la fede, dute la passion di chest profete che al veve in cualchi maniere segnât ormai il so percors, la strade che al veve di fâ. Al cjalave za indenant, al veve scuvierte une altre volte la sô vocazion: par ce troi che il Signôr lu clamave, ce segnâl che al varès vût di jessi pal so popul.
E pre Antoni nol à molât un lamp. Par dute la sô vite al à corût pal stes troi, ancje se il percors si faseve intrigât e dûr, se lis intemperiis de salût o dai podês e des gjerarchiis lu sfidavin e lu tormentavin: lui nol à mai molât. Come ducj i profetis al è stât fedêl a se stes ancje se i costave salât, parcè che al à savût restâ fedêl a Diu e al so popul.
Lis Riflessions di un predi cjargnel, a son stadis scritis che il vescul Alfredo Battisti al jere di pôc rivât in Diocesi. A son proponudis cumò che un gnûf vescul al è rivât di pôc a Udin, bons. Andrea Bruno Mazzocato. Stant che il test jere nassût par talian e voltât dal autôr stes ancje par furlan, al è publicât in dutis dôs lis versions. Cussì o sin contents che ancje il gnûf vescul al vedi mût di lei chestis pagjinis e di cognossi, almancul un freghenin, un predi, fi dal Friûl e de Glesie di Aquilee, che al à lassât e al lassarà a dilunc il segn de sô presince te storie de nestre glesie e dal nestri popul.
Roman Michelot

Int di Cjargne / Magjie a Cjarsovalas

Marta Vezzi
Un dai lûcs dai Pagans in Cjargne Cjarsovalas, il paisut dai Pagans, al è sore Val e Rualp, frazions dal Comun di Darte, a 1.350 metris sul nivel dal mâr. “Al è un dai lûcs indulà che o puarti di plui la int – e conte Fides Banelli, mestre in pension che a fâs ancje […] lei di plui +

L’Editoriâl / Cuant vignaraie la “adunade” dai furlans?

Walter Tomada
Tropis vitis aial il Friûl? Al sarès biel se a’ndi ves siet, come i gjats: o cetantis di plui, come i protagoniscj di tancj videozûcs che ur plasin ai nestris fantats. Magari cussì no, dut câs, un popul nol è mai bon di vivi dôs voltis: se i tocje disparî, al sarà par simpri. Se […] lei di plui +

Festival di Poesie Alpine / Autôrs di Ladinie, Grisons e Friûl a confront

Gabriele Zanello
Tal incuintri di Bressanon ancje lis vôs di Gigi Maieron, Nelvia Di Monte, Gianluca Franco, Francesco Indrigo, Luigina Lorenzini e Antonella Sbuelz Tra lis comunitâts furlane, ladine e rumance a esistin relazions identitariis e culturâls une vore antighis, che massime tai agns Setante e Otante a àn vût un moment di gnove sfloridure ancje sul […] lei di plui +