Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

LA FABRICHE DAI… LIBRIS. Il valôr de ospitalitât

............

Tropis voltis vino sintût lis storiis di S. Pieri e dal Signôr che a lavin a tor pal Friûl ae ricercje di un puest dulà podêsi fermâ. La tradizion furlane e je plene di chestis contis, ma leint S. Pieri e il Signôr e altris contis di bon acet, il biel libri di Alessandra Kersevan (ed. Kappa VU), si scuvierç che al è un fîl ros che al cor te leterature mondiâl dulà che si cjatin storiis une vore dongje aes nestris.
I valôrs di fonde a son la tolerance, il bon acet, la vierzidure e la ospitalitât viers cui che no si cognòs. Valôrs che a àn simpri fat part dal Friûl e de sô int e che, in chescj dîs, al sarès forsit il câs di tornâ a scuvierzi.
S. Pieri e il Signôr al è nassût come libri didatic pes scuelis mediis, di fat al è pardabon siôr di informazions e di sponts di riflession, ma in realtât al è adat ai letôrs di cualsisei etât. Alessandra Kersevan nus puarte par man dilunc di un percors ideâl tal timp e tal spazi, lant simpri daûr dal troi dal acet. Si passe cussì des storiis di chenti de Percude, di Zanier e Gortani, a chês di Omêr, de Bibie e de tradizion arabe, dome pa fâ cualchi esempli. Ogni cjapitul si vierç cuntune storie principâl, seguide di spiegazions, citazions e aprofondiments, ricetis e riferiments ae situazion atuâl in teme di migrazions. Autôrs dal passât dongje di chei contemporanis, gjenars leteraris difarents che si incrosin intun percors fat di contis e poesiis, di liendis e mîts dal mont antîc grêc e roman, di chel arap e cristian.
Plui storiis contadis in plui lenghis. No dome furlan, ma ancje talian, par rifleti juste apont sul teme de traduzion. Di une bande Calvino che al volte la conte La ospitalitât di Gortani, di chê altre la autore che e volte Lis mil e une gnot par furlan, a son dome doi esemplis di chei che si cjatin.
Cheste opare e je in divignî, parcè che cui che le lei le pues insiorâ cun storiis sôs sul teme dal viaç e dai viandants che a cirin jutori. Si podarès fevelâ di libri cence fin, che al pues jessi inzornât cun continuitât dal moment che la storie de leterature e je plene di contis su lis migrazions. La int si è simpri spostade, messedade, scambiade opinions e manieris di viodi e interpretâ la vite, cheste e je la fuarce de societât. Un libri par rifleti e scuvierzi tropis che a son lis robis che nus lein aes culturis difarentis e di trop lontan che e rive la tradizion dal bon acet.
FEDERICA ANGELI

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +