Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

LA FABRICHE DAI… LIBRIS – “Amôr di Patrie”: lidrîs vivis

............

“Amôr di Patrie” al è un libri che al tire dongje i editoriâi scrits di pre Antoni Beline pal nestri mensîl La Patrie dal Friûl. Chest al è un prin volum che al à dentri chei che a van dal 1979 al 1983. Parcè tornâ a leisi robe cussì “vecje”, al podarès domandâ un?
Parcè che tal câs dai grancj inteletuâi, come che al jere pre Toni, no dome i lôr pinsîrs no scjadin cul timp, ma al contrari a mantegnin la lôr cjame di atualitât e adiriture di profezie.
A partî dal prin editoriâl dal 1979 li che al scriveve: «O sin furlans di lenghe furlane, che a son convints di fâ part de nazion furlane. Che al è come dî che o sin un popul, une etnie, une nazion, che dopo tancj parons, che a àn balinât di chestis bandis dilunc i secui, cumò di cent agns indaûr o sin cjapâts dentri tal tramai dal Stât talian».
Une frase che par nô che si spindìn pal Friûl no dome atuâl, ma e indiche une direzion: concets indevant come dome pinsîrs pardabon onescj e utopiis a san jessi.
Chescj editoriâi a son ce che o pensìn nô che si spindìn pal Friûl: temis simpri inlidrisâts
te storie platade de nestre tiere, ma che a coventin o par lei il presint o par rivolzisi al avignî. Leint pre Toni al ven fûr a clâr che al esist un pinsîr furlanist, particolâr, sclet e la plui part des voltis une vore indevant.
Un esempli: baste pensâ dome al federalisim che al jere tal dibatit autonomist furlan agnorums prin de mode di cumò, cuant che i autonomiscj par cheste lôr idee a jerin considerâts fanatics, insumiadôrs. Come cussì par tantis robis che dopo si son fatis buinis (magari di cualchidun altri) o che si realizaran.
Cuant che al mûr un vecjo e bruse une biblioteche, si dîs.
Imagjinaitsi ce sorte di biblioteche che je lade in fum cun pre Toni.
Chest al è il sens di chest libri, che nus torne indaûr alc dal sô pinsîr.
E al è di lei e, come che al fasè pre Toni cun chel di chei che a vegnirin prime di lui, aprofitâ di chestis lidrîs par fâ menâ gnûfs butui.
Dree Venier

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +