Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

IL FRIÛL VIODÛT DAI SCRITÔRS. Lis furlanis di Pietro Chiari, un model ancje pal gjeni di Mozart

Agnul Floramo

Wolfgang Amadeus Mozart al rive a Vignesie lunis ai 12 di Fevrâr dal 1771. Al à dome cuindis agns. La ultime zornade di Carnevâl al va al teatri Giustiniani, di San Moisè, a viodi il spetacul “Le contadine Furlane. Dramma giocoso per musica”. Il spartît al jere di Antonio Boroni e il librut firmât di Pietro Chiari, un jesuite di Brescia, grant nemì des istituzions, che al supave de dotrine iluministe de sô ete une vene di svindic a favôr dal popul, tant che lis massariis e lis contadinis che al puarte in sene a deventin dispès la vôs di une gnove redenzion sociâl; chest, soredut pes feminis che a scombatin cuintri dal visc di un matrimoni che lis condane a jessi sotanis. Ce che Mozart al viôt e je une comedie in musiche là che l’autôr al cjape le difese dal popul furlan, umiliât dai siôrs di Vignesie.
◆ La sene si vierç cuntune ambientazion di campagne. Dôs cjasis, un prât, cualchi cise. Une lobie, doi puiûi. Dôs paisanis, Togneta e Sandrina, a incrosin lis lôr vitis intun glimuç complicât di amôrs: il fradi di Togneta, Meneghino, al è cjapât par Sandrina; il pari di Sandrina, Fastidio, al volarès gjoldi de bielece di  Togneta. La situazion si compliche cuant che il cont Caligo si met intal cjâf di divertîsi cu lis dôs fantatis. Compliç il Carnevâl, lis mascaradis, il morbin dut popolâr des feminis e la stupiditât dai oms, la storie e cjape une ande une vore legre, là che il mont contadin furlan al rive a scuarnâ la arogance de nobiltât di Vignesie. Par esempli, cuant che il cont Caligo, sot dal puiûl di Sandrina, i dîs che si sint ardi di amôr, jê lu lave cuntun seglot di aghe glaçade: “Acqua fresca a vosustrissima, che il suo fuoco ammorzerà. Lascin star le contadine che bagnar fanno i merlotti; brave, brave cittadine che li fanno anche pelar”. Nol impuarte se il nobil si inrabie: al bastarà menâi une polente par fâlu cuietâ! Chiari al è impietôs ancje tai confronts dai masclis furlans, sostignint che lis feminis a son di sigûr miôr di lôr. Cussì, cuant che Sandrina i dîs a Meneghino che jê no à nissune voie di sposâsi il fantat, i rispuint: “Piangerei più se in vece di Sandrina perdessi una galina, una zucca, una rapa, un gran di fava. Sandrina è una: fralconaccia, una petegola, una stramba, una matta”. Tal sens che e je indipendente. Invezit lui al amet di consolâsi cussì: “A Treviso Pasquetta fornara, a Maroco Lucia lavandara, a Malghera la Catte massera, sulla Brenta l’ostessa di Strà, a Venezia la siora Bettina, Menegazza m’aspetta a Fusina. C’è poi tuta la razza di astrologhe di piazza”. Cun chest, l’autôr nus fâs cognossi la lungje categorie di feminis furlanis che, bandonade la campagne, a levin a vuadagnâsi alc a Vignesie come “cazzere” o “canolare”, cognossudis dome come “Furlane”.
◆ Une umanitât peçotarie e miserabile che Gaetano Zompini (1700-1778) al rapresente in dute la sô miserie realistiche intes stampis “Le arti che vanno per via nella città di Venezia”, une schirie di incisions cuntune scrite che e spieghe il lavôr che al ven rapresentât. Cussì, sot de pignate, si lei: “Mi co sta zerla vegno fin da Role, e pignate furlane vendo”; o ancje “Cazze, sculieri, canole da bote. Aghi, britole, forfe; ma a bon prezzo; vago vendando in fin, che se fa note”.
◆ Sandrina e Tognetta invezit, restant contadinis cence movisi dal Friûl, a proclamin la lôr indipendence midiant di une apartignince paisane aes lôr lidrîs. Cussì Tognetta, par vie che e je cuasi analfabete, e strambalote la letare che il cont i mande in cheste maniere cetant divertente: “Se ballar tu brami c’è una festa di ballo in casa mia” al devente inte sô interpretazion “Se pelar due cani e una testa di gallo in beccaria”; o ancje: “Che entrambe verrò a prendervi di notte” si trasforme in “Oche e gamberi a pranzo e rave cotte”. Cheste e je la sô filosofie di femine che e à miôr restâ di bessole che no deventâ la massarie dal so om: “E cosa vuoi vedere da colei che fugge e che ti scaccia? Che ancor ti sputi in faccia, che ti dica va al diavolo e minacci di farti bastonar! Quando noi donne cominciamo a guardar dall’altro al basso, di zucca abbiam la testa, e il cor di sasso: che vita beata, quel viver d’entrata, quel dire agli amanti, lasciatemi star, mi duole la testa, non voglio nissuno, ed uno per uno vederli pregar”. Disenûf agns dopo, ai 26 di Zenâr dal 1790, Mozart al debute a Viene cun “Così fan tutte”. Provait a lei la trame. Al pâr propit che lis contadinis furlanis a vedin insegnât alc ancje a Wolfgang Amadeus! ❚

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +