Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

IL FRIÛL VIODÛT DAI SCRITÔRS. La laude di Pietro Nelli ae lenghe furlane

Agnul Floramo

Le definìs sclete e vere,
lontane dai bombons di Vignesie

Us confessi dute la mê ignorance, ma ae etât venerande di cincuantecinc agns no vevi mai let nuie, ma propite nuie, di Pietro Nelli. Al coreve il 1547 cuant che, cul nom de plume di Andrea Bergamo, al fasè vignî fûr a stampe un librut dut di gjoldi, che al à dentri vincjesîs cjapitui scrits in rime e di argoment satiric: “Il sicondo libro delle satire alla charlona”. Il contignût al è ispirât ae grande tradizion burlescje dal ‘500, e al cjol vie il podê dai sorestants, stiçant lis boris cuintri i politics, la Glesie, i studiâts e i siorons. Al ven fûr un cuadri colorât e di vivarositât straordenarie, che al à il gust di chel vinat dât fûr su lis taulatis di len di une ostarie pluitost che il dolçut di un licôr supât tal salot di une cort rafinade. I contignûts a son rabiôs ma il garp al ven simpri miscliçât cul dolç de ridade, mantignint il plasê di smorseâ cence vê pôre di rispietâ ce che ai nestris timps o clamaressin “coretece politiche”. L’autôr nol fâs part di nissune cubie leterarie, nol è un poete laureât, nol à duncje bisugne di bussâ lis mans a nissun cardinâl in curie e nancje a di nissun senatôr. Cun di plui, al publiche intune buteghe tipografiche di Vignesie, chê di Trine di Monferrato: nol è un editôr cul blason, duncje nol cjape il “contribût de regjon”: plui puar, sigûr, de famee Manuzio, par intindisi, ma ancje cetant plui libar di fâ jessî dut ce che al considere interessant. A lei i titui dai cjapitui si pie il morbin: “Lodi delle corna”, “Malvagia” (tal sens di Malvasie, il vin!); “Lodi della scortesia”, “La bellezza e utilità d’un gran naso”. E ancjemò: “Gobba”, “Fagioli”, “Monna”. Juste par une cerce: “Vada a Roma chi vuol veder preteste o teste preti […] come al resto del mondo il vanto tolle Chiozza del produr grossi ravanelli, e il terren padovan grosse cipolle, Travisio trippe, Brescia buon coltelli. E il Friul rape e carote”. Ah! Mi ven sù la fote. Si scomence ben a identificâ il miôr de Patrie cu la miserie: râf e carote, la plui umile e puare produzion de cumiere! E come che dispès al capite, o voi indenant a mangjâ lis pagjinis di cheste Cinccentine, inviant plui di cualchi maledizion al so autôr. Ma cuant che o rivi al cjapitul su la lenghe, o capìs il sens profont di une afermazion che sul principi mi pareve une ofese e invezit si trasforme intune laude. La satire in cuistion e je la IX. Dedicade a messer Benedetto Barbarico. E si intitule, propit, “Lenghe”. E tache cussì: “Il mio padron, vostro compar, m’ha fatto hoggi signore un presente papale che un’Edipo faria divenir matto: m’ha mandata una lingua secca in sale, lunga un braccio”. E cheste e je la ocasion de scriture: une lengate di vidiel fate vê tant che regâl. Une buine ocasion par zuiâ cu lis metaforis. Al va indevant: “La lingua dunque è un membro de migliori […] dice il volgo la lingua esser senz’osso, ma bene esser sì dura e groppolosa che bene spesso fa rompere ‘l dosso […] Una lingua ben concia e saporita fa che vi pare haver zucchero in bocca e ne leccate labbia e le dita”.  Duncje al ricognòs a di une lenghe une potence incredibile: e somee mole, cence vues, ma a savê doprâle ben tu puedis rompi il cuel al to aversari. Al insist: “Di qui la differenza al mondo è nata varia di lingue e varia di paesi”. E al passe in rassegne lis lenghis che lui al à cerçât, simpri zuiant cu la ambiguitât “lenghe che si mangje e lenghe che si fevele”. E tra chês altris al rive a chê furlane: “Lingua furlana è bocon signorile, ma assai se ne battezzan per furlane fatte poco lontan dal campanile”. E al zonte, in note: “Meglio haveria detto fatte in beccaria di san Marco”. E chi, a pene che o lei, o fâs un salt che cuasi o coli de sente: la laude e je pe lenghe furlane. E la condane par chei che le tain cu la curtisse in becjarie. Esplicitant, chei di Sant Marc, ven a stâi Vignesie. Ma al va indevant: “Ma dà vanto al Friul d’un tal contento, lingue furlane, anchor che fosser nate cento miglia di qua dal Tagliamento, o fosser pur delle vacche impastate ne pestrini in Venezia, assai più degne che le furlane, con rape ingrassate”. Mi pâr il plui biel compliment fat ae nestre lenghe, definide sclete, e vere, forsit parcè che tirade sù cul garp dal râf, lontane dai bombons di Vignesie. E par chest destinade a fâsi ricognossi ancje lontan dal Tiliment. Come a dî che popul e lenghe si somein. E che je plui dignitât intune scudiele di broade, gustade di libars, che no intun plat di arint ma lecât cu la lenghe di un sotan. ❚

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +