Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

IL FRIÛL VIODÛT DAI SCRITÔRS. Il voli di Boccaccio al è il prin a rindi justizie ai furlans

Agnul Floramo
DIANORE TAL ZARDIN FLORÎT INTE OPARE DI JOHN WILLIAM WATERHOUSE ENCHANTED GARDEN
DIANORE TAL ZARDIN FLORÎT INTE OPARE DI JOHN WILLIAM WATERHOUSE “ENCHANTED GARDEN”

Bisugne spietâ sâr Giovanni Boccaccio par vê cualchi sodisfazion come Furlans dopo il mâl acet che nus àn dât Dante e il Sacchetti, come che o vin viodût tai mês passâts. Jenfri lis pagjinis dal so “Decameron” nus trate propit ben, lant a sgarfâ fûr chei aspiets de nestre anime che salacor i someavin plui interessants e curiôs ancje di contâ. Ma si sa, l’inteletuâl di Certalt al è stât cun dute probabilitât l’autôr de leterature taliane che al à vût plui disincjant, un che nol veve pôre di pandi il so pinsîr, chê vision dal mont e dal om là che no contin ni il gjenar ni i bêçs, e nancje il grât di istruzion, o la divignince, ma dome il bon cûr, la elegance intal imbastî i pinsîrs e il savê vivi dreçant il pas su la esperience, il bon sens, il gust di cognossi ce che ancjemò no si sa e, parcè no, ancje la sodisfazion di coionâ i safarons, i prepotents o i stupits.
◆ Une des contis plui bielis di dute la racuelte e je ambientade propit in Friûl. Intai ultins agns e je stade ben studiade e ancje metude intune lûs juste, ricuardade intai intervents di studiôs impuartants e justementri pandude. Nol è studiôs furlan che si dismentei di fevelâ di jê cuant che si à di presentâ la Ete di Mieç in tiere Patriarcjine. O scuen ameti che cuant che o jeri student jo nissun mal veve dit che  dongje di chel berghelot di Andreuccio da Perugia o di chel gnognul di Calandrino e jere ancje une storie ambientade bande Udin, là che si fevelave dal Friûl e dai siei abitants. E cuntune cierte rabie o scuen ameti che a son ancjemò pôcs i professôrs di leterature taliane che le fasin lei ai lôr arlêfs. Pecjât! Parcè che e je pardabon intrigante. E tache cussì: “In Frioli, paese, quantunque freddo, lieto di belle montagne, di piú fiumi e di chiare fontane, è una terra chiamata Udine, nella quale fu giá una bella e nobile donna chiamata madonna Dianora, e moglie d’un gran ricco uomo nominato Gilberto, assai piacevole e di buona aria”. E za in chest esordi o vin doi elements di une cierte impuartance, un peât al paisaç e chel altri al caratar dai personaçs. Il Friûl al ven presentât tant che une tiere frede – e chest al sarà util ae trame, come che o viodarìn – ma biele, insiorade des monts e di une campagne fecondade de aghe dai flums e des risultivis. I doi protagoniscj a son om e femine: jê, biele e nobile, ma come che o viodarìn no tant pal sanc, ma pal cûr; lui, simpatic e sclet. Si vuelin un gran ben ducj i doi, e mai e mai altri al podarès nassi un alc che al imberdei il lôr amôr. La femine, magari cussì no, e ven tormentade di un cavalîr impuartant, “Ansaldo Gradense, uomo d’alto affare, e per armi e per cortesia conosciuto per tutto”. Fin cumò si à pensât che Gradense al vignìs di Grau. Ma intai manuscrits plui antîcs dal  “Decameron” la peraule e je une altre, “Grandense”, e se e fos vere la intuizion di Giusto Fontanini (1666-1736), cheste atribuzion lu fasarès imparintâ cu la famee dai Savorgnans. No ai ancjemò rivât a capî parcè – o soi daûr a studiâlu su cjartatis a pene vignudis fûr in Vuarneriane! – ma i conts a tornaressin ducj, dal moment che al è plui probabil che al fos a Udin un nobil dai Savorgnans, pluitost che un sioron che al vignive di Grau.
◆ Ma lin indenant. Dianora no vûl savê nuie di lui, dal moment che e je oneste e cjapade dal amôr pal so om. E cussì, stufe di cheste solfe, seneose di parâsi fûr dai pîts il pretendent, le sbare gruesse: si abandonarà a lui dome se in Zenâr, che al è plen Invier, al fasarà nassi un zardin plen di rosis come se al fos il mês di Mai. Disgraciade! Jê no sa che Ansaldo, pûr di vêle, al domandarà a di un Erbolat, pront a paiâlu “per grandissima quantità di moneta”. E cussì, intune gnot, cuant che pardut al jere dome che glace e frêt, al florì un spetacul di prât cun rosis e pomis di ogni sorte. A chest pont la storie e cjape une ande che nissun si spiete. Disperade, Dianora e confesse dut al so om che, di bon furlan, ancje se cetant displasût e stranît, al racomande ae femine che la peraule dade e ven prin di dut. E duncje e scuen dâsi a Ansaldo, come imprometût. Ma lui, considerant la situazion, e laudant Gilberto par chel galantom che al jere, al lasse libare Dianora di ogni promesse. E ae fin, adiriture l’Erbolat si lasse cjapâ dal bon cûr e nol fâs paiâ nuie al comitent dal magheç.
◆ Biele storie, no mo? E conte di une Tiere là che la peraule e conte plui di ogni altri dovê; là che la stagjon e pues ancje jessi frede e crude, ma no mancje mai di pandi bielece e maravee; un lûc là che la magjie plui grande e reste chel bon acet tra i umans. ❚

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +