Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Il scritôr plui “pop” de Ete di Mieç

Agnul Floramo

Giovanni Boccaccio al nas a Certalt, su lis culinis parsore di Florence, intal 1313, e al murarà propit in chel stes borc intal 1375. Nol è sbaliât pensâlu tant che il plui grant scritôr in prose dal secul XIV, tant che i studiôs lu metin a paragon di Geoffrey Chaucer, l’autôr des “Contis di Canterbury”. La sô opare plui famose e reste il “Decameron”, là che l’Autôr al imagjine che vie pe Peste Nere, intal an dal Signôr 1348, une legre compagnie di siet fantatis e di trê fantats e bandoni la Citât par scjampâ dal infet, lant a stâ intune vile spierdude intal cûr de campagne toscane. Un “locus amoenus” là che, par passâ il timp, si inventin un biel zûc. Ogni dì al vignarà elet un Re o une Regjine cul compit di imponi un argoment che al sarà tratât di ognidun di lôr cuntune conte. Dîs contis par dîs zornadis: cent in dut. La societât de Ete di Mieç si pant culì in ducj i siei colôrs: predis, rufians, brigants, savints, muinis, marcjadants, feminis seneosis di gjoldi il plasê dal cuarp e di liberâsi de stupiditât dai lôr oms. E ancjemò students e cogos, fraris e badessis. Ogni volte la morâl e je simpri la stesse: il timp, il mont, la vite a spietin al Om, che cu la sô inteligjence, il so biel fâ e l’inzen al rive adore a distrigâsi di ogni gredei. Pier Paolo Pasolini al sarà tant cjapât e inmagât di cheste opare che le trasformarà intun film là che propit lui al decît di dâi la muse al Autôr, firmant une des impresis cinematografichis plui bielis dal Nûfcent. Boccaccio, un dai prins comentadôrs di Dante – al sarà lui a clamâ “Divina” la sô Comedie – al ven considerât dai studiôs un grant precursôr di chê Ete che e passe ae Storie tant che Umanisim. E di fat, la sô passion pe lenghe latine e pe culture dal Mont Antîc lu metarà sul troi de ricercje di chei manuscrits che par secui a jerin restâts sepulîts intal scûr des bibliotechis dai benedetins, pandint la sapience di oratôrs e filosofs che a cjantavin la grandece dal Uman tant che il cûr di dut il mont. Al scrîf cetant, Boccaccio: il “Filocolo”, il “Filostrato”, la “Teseida”, “L’elegia di Madonna Fiammetta”, il “Corbaccio” e tantis altris oparis, ducj spielis di chê vision rinovade che lu rint cussì tant interessant.
◆ Il so “Zibaldone”, une racuelte monumentâl di sugjestions, aponts, progjets e visions, al è considerât une miniere là che no si finìs mai di gjavâ fûr cualchi intuizion par capî miôr la profonditât de sô culture e il grant apetit dal so inzen. Une su dutis: studiant sui libris di mitografie, al veve cjatade une vôs strane, il Demogorgon, intepretât tant che la mari di dutis lis divinitâts dal mont pagan, une specie di demoni potent e spaventôs. In realtât e je dome la coruzion di Demiurc, il diu artesan di Platon. Di chel erôr e ven fûr une tradizion che, passant pal Faustus di Marlowe e rive fintremai ai Gormiti, chei pipinots che cualchi an fa ogni frut al voleve vê tant che zugatui. E cun cheste intuizion, Boccaccio si vuadagne il titul di scritôr plui POP de Ete di Mieç. ❚

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +