Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Il destin di un scritôr santificât di cui che no lu lei e dal podê che al à combatût dute la vite

Agnul Floramo

La figure di Pier Paolo Pasolini e je stade tant siore e complicade che imagjinâsi une ricognizion dal so pinsîr e de sô opare, di une bande al pues someâ une operazion cetant presuntuose, di chê altre al oblee a metisi devant di une sielte dure, par nuie scontade e une vore pericolose: cuâi temis frontâ, e in ce maniere? Cuâi argoments tocjâ, cuâi invezit lassâ fûr? A risi di fâsi inmagâ di aspiets che a plui di cualchidun i pararan secondaris, di pocje impuartance, e a cualchidun altri scontâts, bielzà cjapâts sù di chei espertons che des catidris a fevelin tant che il predi in glesie, sigûrs di pandi la uniche veretât ametude. Ma nuie pôre! Ce che al met il cûr in pâs al è il fat che il spazi par cheste esplorazion al è chel ben delimitât des undis pontadis che, mês par mês, nus compagnaran di chi fin insom dal an. Duncje no si trate dai cjapitui di une monografie, ma dome di une cerce, di une racuelte di sugjestions, e parcè no ancje di emozions nassudis di une frecuentazion dal dut personâl, arbitrarie, parziâl ma sclete, che no domande nissune marcje di bol di garanzie, ma dome la passion curiose e la buine ande sedi di chel che al scrîf che di chei che lu learan, cun buine gracie de lôr pazience e dal lôr bon acet. Cun di plui, chest 2022 al è ancje “L’an di Pasolini”, santificât fintremai de Assessore ae Culture de Regjon, come che prime i jere tocjât a Leonardo, ae muart dal Patriarcjât di Aquilee e a chel benedet di Dante prime di lui. E si sa, e sarà – come che e je stade par ducj chei altris câs – une ingomeade, ancje cheste volte, là che ducj a varan di frontâ tematichis pasolinianis, cirint di stupî cun tant di “choreis et marculis”, forsit cence nancje tante convinzion, come che al sucêt masse dispès, ma cu la ambizion principâl di meti i dincj parsore de “taule imbandide dal bant regjonâl” (al ven di pensâ che le peraule “bant” e sedi la lidrîs linguistiche di “imbandî”). Po dopo, se a pensâ mâl si fâs pecjât ma par solit si le brinche, il suspiet al ven sù lusint come une faliscje che e va sù pe nape dal cjamin: parcè mai une Regjon orientade politichementri su costelazions ben diferentis di chês di Pasolini, varessie pensât a cheste anade pasoliniane? “Par coerence e onestât culturâl”, al podarès comentâ cualchidun. Pecjât che di coerence e di onestât culturâl si ’nt viôt pocje intal parlament tergjestin, dispès invezit ispirât propit di chês fantasimis che il nestri Autôr al à scombatût par dute la sô vite: la arogance dal potent, il pinsîr unic dal ignorant, la ande fassiste dal nostalgjic revoc nazionalistic, la religjon dal confin, la idolatrie dal mûr. Intal miôr câs pussibil, si son limitâts a cjalâ il calendari, a àn lete la date che e nasave ben tant che inovâl e le àn sielzude, cence vê mai let nuie di Pasolini, cence mai vê sintude une sô interviste, o gjoldût di un so film. Intal piês câs pussibil invezit – chel che magari cussì no o stimi plui dongje de veretât dai fats – a àn metude in pratiche une des azions che propit Pasolini, tant che inteletuâl atent a discuvierzi lis liturgjiis dal podê, al veve plui voltis smascarât: cuant che tu vuelis gjavâ fuarce a un antagonist, al baste proponilu ae santificazion dal altâr. Une specie di “promoveatur ut amoveatur” culturâl. Cuntun risultât dopli: la sô omologazion, la sô trasformazion intun prodot di marcjât, al disarès Pasolini, un alc di consumâ, di snaturâ, di trasformâ intune serade chic di leturis e musichis su invît, cun tant di cjadreis risiervadis pes autoritâts pe sô scree, l’event dut scus che al fas dismenteâ la polpe. Cetant biel che al sarà il Pasolini Jazz, il Pasolini Punk, il Pasolini Pink. E magari cualchi agjenzie regjonâl pe lenghe furlane e proponarà di meti in coinè, finalmentri, la lenghe di Pasolini. Insome, un Pasolini coionât, par coionâ ancjemò une volte di plui il popul furlan, che magari cussì no al larà ubidient a spelâsi lis mans dulinvie des tantis seradis di gale. E ae fin dal an, passût e sglonf, al domandarà ce che ducj o vin domandât di Leonardo, dal Patriarcjât e di Dante: di podêju dismenteâ, che o ’nt vin vude avonde! Benon, cheste rubricute e à la ambizion di jessi pasolinianementri bastiancontrarie, eretiche e malusade. Par gjavâsi il gust e condividi la sodisfazion. Si fevelarà di Mît, di Paisaç, di Lenghe, di Inteletuâl, di Lengaçs, di Popul, di Societât di Masse, di Perifariis, di Eresie, di Eros, di Muart. Simpri tignint devant dai voi la opare di un grant autôr. Intal verbum di Pasolini, come se lui al podès contânus alc di ce che purtrop o sin deventâts. ❚

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Lis grandis contradizions di un pensadôr disorganic

Par no someâ un autôr di tancj santuts di glesie, come che a ’nd è ancje masse, magari cussì no, ogni cjant al sarà comentât di un discjant che al metarà in evidence lis contradizions dal om Pier Pauli. Cence nuie gjavâ a Pasolini, ben si intint! Inteletuâl cuintri. Vôs libare, indipendente. Pensadôr dis-organic, cussience malade, voli clop e pûr visionari, inteligjence ruspiose e malgradide. Va ben. Dut vêr. E pûr, cun tancj elements di incongruence, clocje che e jes fûr dal côr ancje parcè che e je stonade, si metin adun par intessi la trame de sô poetiche. E o soi convint tal profont che cheste e sedi propit une carateristiche che lu fâs interessant, cetant atuâl, propit pai timps di plastiche che o sin clamâts a vivi tant che protagoniscj e testemonis in dì di vuê di ce che al cor e che si volte devant dai nestris voi, dal moment che un “classic” al è bon di fevelâ no dome pai siei timps, ma soredut pai nestris. Une volte, cualchi an indaûr, mi à tocjât di sostignî intun dibatit public, inte Biblioteche Vuarneriane, suaze che e pararès jessi ben pôc pasoliniane, la opinion eretiche – e par chest a lui amie – che Pasolini al è stât om di grandissime contradizion. Mi par di vê doprât il tiermin “incongruence” e “discontinuitât”. Mi visi ben la muse dai relatôrs spaventâts, disorientâts, dal dut impreparâts, e ancje chê di un public interdet, glaçât, che no si spietave une man ledrose, un pataf molât a plene muse, tant che une sclopetade, amâr come che al pues jessi un rivoc che al lasse in bocje un savôr trist e malât. No mi soi mai pintît di chê jessude, e anzit, di in chê volte o ai tacât a amâ ancjemò di plui profondementri, se al è pussibil, la capacitât straordenarie che Pasolini al veve di analizâ lis contradizions dal mont, tacant des sôs, dal moment che dome chel che al vîf su la sô piel il sintiment dal “straniament” al è bon di investigâlu fin tes sôs lidrîs. Se mi visi ben, o vevi tacât cul ricuardâ che une cjamese di sede di chel inteletuâl antiborghês che al cjapave a vuiscjadis la societât rufiane di chei agns disint di stâ de bande dai contadins e dai proletaris e valeve plui di cualchi mesade di un operari di une fabriche, e che inte culture ancestrâl che lui stes al cjantave e che e supave la sô vene imagjinarie intal marum dal riviel, nissun al varès mai olsât meti tai pîts scarpis di un damarin di citât come chês che al veve lui, dal moment che dome chel che al va discolç su la tiere nere al à cognizion di rivoluzion. ◆ L’ospit dai salots de “Roma bene”, il frecuentadôr di chê buine societât che une volte fûr clap al blasfemave, al jere il stes inteletuâl che al condanave la mode, la ipocrisie, il privileç dai pôcs. Ce isal di plui borghês che paiâ a ore l’amôr di un “fantat di borgade” confermant il podê dai bêçs parsore de soference di une umanitât minôr? E pûr, ce che al dîs e al scrîf Pasolini al è biel e just “a pressindi”, mi disè un dai relatôrs. E je vere. Ma chi o varès voie di “no pressindi”. Come che Pasolini nus à insegnât a fâ. ❚

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +