Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Giovanni Maria Anciuti: di Fors Disore a Milan

Alessio Screm

Enrico Cossio al è ancje diretôr organizatîf di un festival che si dediche ae promozion di une personalitât musicâl furlane une vore interessante tal mont de organologjie, ven a stâi tal ambit dal studi e de costruzion di struments musicâi. Si trate dal fornês Giovanni Maria Anciuti (Fors Disore 1674 – Milan 1744), definît il Stradivari dal oboe, tant che grant mestri inte costruzion di struments a flât, cumò sparniçâts in diviers e innomenâts museus di Europe. Tal so non, si ten apont il festival Anciuti, organizât dal Comun di Fors Disore in colaborazion con Dorelab, une associazion culturâl che si dediche al insegnament, ae difusion e al aprofondiment de pratiche musicâl par struments a dople lenghete. Un altri biel câs – e che al funzione – indulà che un personaç de storie passade al devente testemoni e simbul di une rinassite culturâl e di stimui gnûfs inte divulgazion de art aes gnovis gjenerazions. Parcè che l’Anciuti festival – in plui di clamâ a racuelte i miôrs musiciscj e studiôs di musiche antighe, e in particolâr di struments a flât, cun studis, ricercjis e ricostruzions di struments dai origjinâi dal costrutôr cjargnel – al ten e al clame dongje simpri di plui cetancj zovins che si svicinin o che si perfezionin te pratiche musicâl par ensemble e orchestris a flât, filarmonichis, bandis. E je cetante dibisugne, e in cheste otiche evolutive – come che mi dîs il grant organâr Gustavo Zanin – «Plui o lin tal passât, plui o sin tal futûr». La stesse aventure esistenziâl e artistiche di Giovanni Maria Anciuti nus dismôf in chest sens. Tant che nol è facil ricostruî la sô vite, e di lui a fevelin plui i struments maraveôs che al à costruît, che i pôcs documents cjatâts sul so cont.
◆ Il vêr non al è Joannes Maria, come che si lei intun repert, e la zoventût le à passade tal so paîs di nassite, intun ambient sempliç e di un ciert benstâ, stant che il pari Antonio al veve possediments. Dificil di capî al è di dulà che al à cjapade la passion e la maestrie tal fabricâ struments, e si scrupule che in cualchi maniere il barbe di bande di pari, e il cusin, a vedin alc a ce fâ cun chest mistîr. Dut câs, al è un fat che – daspò di une formazion in buteghe a Vignesie, come che si pues desumi ma cence ciertecis – intun arc di timp che al va dal 1694 al 1699 si è trasferît a Milan, indulà che al è restât par dute la vite e li che al à maridade une cierte Giuliana Vanotti di Giacinto. Di lui si sa pôc altri, se no che al à paiât part dai debits che al veve cun «piferi et flauti», come che si lei intun at notarîl.
◆ Dai siei struments, cetant ricercjâts tal so timp, nus restin dodis flauts di varie grandece, cutuardis obois e un fagot di atribuzion dubie. Al jere specializât tal doprâ materiâi di lus, tant che l’avoli, l’arint e essencis di palissandri. I struments ju marcave cul simbul dal leon alât di Vignesie, e cualchidun al è firmât. Al veve grande maestrie, no dome a nivel tecnic par esecuzions costrutivis plenis di soluzions origjinâls, ma ancje cetant gust pratic e estetic. Si dîs che al è stât lui a modernizâ l’oboe rispiet a chel di fin Sîscent, cu la invenzion dal “profîl lineâr”, e ancje i “cuarps di ricambi” dal strument. Cualchi esemplâr si crôt che lu veti sunât Giuseppe Sammartini, virtuôs e compositôr une vore famôs tal Sietcent, come i esemplârs straordenaris dal Museu Sforzesc di Milan e chel dal Victoria and Albert Museum di Londre.
◆ Anìn alore indaûr, in cheste maniere, par cori tal futûr. ❚

L’EDITORIÂL / Jù lis mans dal Tiliment

Walter Tomada
Traviersis, cassis di espansion, puints e viadots autostradâi, potenziament dal idroeletric: al mancje dome di metisi a sgjavâ cu lis trivelis par cirî gas o petroli! Ma parcè il Tiliment, che tancj studiôs a stimin jessi l’ultin flum salvadi de Europe, isal sot di dutis chestis menacis, invezit di jessi tutelât e protet cemût che […] lei di plui +

(L)Int Autonomiste / Cui aial pôre de “Cuistion furlane”?

Dree Valcic
✽✽ No ven plui nomenade, sparide dai radars dal dibatiment politic e culturâl. Di “Cuistion furlane” no si ’nt fevele plui. Di cent agns incà e esist chê meridionâl, cjare a Gramsci, e su chê miârs e miârs di students a àn fat tesis di lauree, a son stadis fatis ancjetantis cunvignis, ogjet di ogni […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La “bufule meloniane” e la autonomie inte glacere

Walter Tomada
“Si sin indurmidîts furlans, si sin sveâts melonians”: cun chestis peraulis un cjâr amì al à strent intun sproc sintetic il sens des elezions politichis che pardut a àn viodût a vinci fûr par fûr ancje chenti Fratelli d’Italia, il partît di Giorgia Meloni. Di storic i ai rispuindût che 100 agns fa une dì […] lei di plui +

La anteprime / Cors di furlan par gjornaliscj: consegnâts i atestâts

Redazion
Ai 27 di Setembar, te sede di Udin de Regjon Autonome Friûl-Vignesie Julie, a son stâts consegnâts i atestâts ai vincj gjornaliscj che a àn partecipât al prin cors di lenghe furlane inmaneât de ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e dal Ordin regjonâl dai gjornaliscj. La consegne dal document ai professioniscj de comunicazion […] lei di plui +