Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

FRIÛL EUROPE. Catalogne, mobiltazion legjitime cuintri de arogance legâl

............

Un vôt formalmentri ilegâl e sostanzialmentri legjitim, che al palese la volontât di sù par jù doi milions e 300 mil di lôr di meti in vore pardabon il dirit di decidi in maniere pacifiche, libare e democratiche l’avignî politic de Catalogne. Al è chest, in struc, il sens de consultazion popolâr su la indipendence che si à tignude domenie ai 9 di Novembar. Par vie de sospensive dal tribunâl costituzionâl spagnûl nol è stât il referendum uficiâl pe indipendence che a volevin tancj catalans e il guvier “autonomic”, ma salacor – propit par chest – il “9/N” al cjape sù un valôr e un significât ancjemò plui fuarts. Cun di fat al è dificil fâ fente che nol sedi sucedût nuie: par chei tancj che a àn votât – plui di un tierç di chei che a vevin il dirit di fâlu e plui di chei che si vevin esprimûts in cont dal Tratât pe Costituzion europeane intal 2005 o de jentrade inte NATO intal 1986 – e soredut pes cundizions di cheste consultazion, ven a dî cence la disponibilitât des listis eletorâls uficiâls, cul lavôr di passe 40 mil volontaris e in 938 dai 947 comuns catalans.
Fintremai tal ultin il guvier spagnûl al veve fat di dut par impedî ancje cheste forme di votazion e ae fin de consultazion Madrid al à mostrât di calcolâle dome che une iniziative di “rude propagande politiche”. Il so al è stât un ategjament in chel istès di arogance e di pôre: la arogance che e dinee chê volontât di partecipazion democratiche, che si mostre inte Assemblea Nacional Catalana e tal Òmnium Cultural ancjemò prime che dentri dai partîts politics catalaniscj, e la pôre che e diven des carateristichis di cemût che si palese in concret la volontât de int.
Il scuintri tra Madrid e Barcelone al è chel tra cui che al difint la unitât dal stât spagnûl e cui che le met in discussion, in rispueste a une “escalation” inzirlose di centralisim e nazionalisim spagnolist e intun procès che al è tacât za cualchi an indaûr cun passe cinccent consultazions in cont de autodeterminazion fatis a nivel comunâl.
Chê dai 9 di Novembar e je stade une vere e proprie manifestazion civiche a pro de indipendence. Plui in detai, e je la plui grande di chês fatis fin cumò e chê che si pues cuantificâle miôr, su la fonde dal numar di ducj chei che a son jentrâts intune des 6.430 cabinis eletorâls a disposizion e daûr de valutazion dai osservadôrs internazionâi che a àn seguît la consultazion e le àn judicade regolâr.
Cussì il guvier spagnûl si cjate in difese de legalitât di cumò, intant che la rivendicazion catalane di indipendence e fâs indenant une legjitimitât costituente gnove e alternative. ❚
✒ Marco Stolfo

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +