Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Culture furlane, alte ma platade

............

Sul numar di Otubar 2013 da La Patrie dal Friûl, o vevi scrit un articul su ce che la gnove stagjon teatrâl nus vares risiervât di spetacui in marilenghe. No vevi podût fâ di mancul di rimarcjâ sei la scjarsetât di propuestis, sei la mancjance di ideis gnovis. O vevin a pene viodût L’ùali di Diu, l’impuartant lavôr di Miklos Hubay, voltât cun grande atenzion e amôr di Carlo Tolazzi te variante pesarine dal furlan, e puartade sul palc cu la regjie di Massimo Somaglino. Une opare che si mostrave tan che un ciul di dolôr su lis lenghis che a murin e un pont di incuintri fra ducj i monts che a lavorin su la sorevivence di une cualsisei culture. Cu la bocje buine o vin dât un cuc al calendari de gnove stagjon par scuvierzi che al sares tornât L’Ort di Stefano Montello (lavôr plui che interessant, ma viodût che al sarà doi agns), dopo ve ca Predis dal Teatro Incerto, e ancjemò Frico e suprissata cun Moretti, Bove e Lìmardi. E vonde (al mancul, se no mi soi istupidît dal dut leint i catalics…).
Epûr o resti convint che la creativitât dai nestris ambients culturâi e sedi une vore alte, ma platade e scjafoiade in cualchi mût intune sorte di rassegnazion che ti fâs cressi lis telis di rai tal çurviel. La cuistion e sarà ancje te scjarsetât di bêçs ae culture, ma sino propit sigûrs che il probleme al sedi chel? Nol è che par câs il probleme al sedi la mancjance di une serie selezion di tescj e di autôrs, la mancjance di un confront e di ativitâts di scambi di esperiencis cun realtâts paralelis o plui indenant des nestris, la mancjance, soredut, di un dibatit e di une vision di dulà ch’e sta lant la nestre societât e, daûr di chê, la necessitât di meti adun un progjet gjenerâl che al fissi un percors, che al mostri la strade di tignî daûr.
O crôt che se Federico Rossi, dal alt de sô presidence dal Mittelfest, al rivàs adore a imbastî un dibatit sul rapuart fra lenghe e societât furlane, al puartarès un contribût di elaborazion e di cognossince che nol podarès fâ di mancul di riverberâsi su ducj chei che si interessin di culture (autôrs, atôrs, operadôrs culturâi, produtôrs, opinion leader…) dismovint une gnove passion su ce che e varà di jessi la lenghe te societât furlane dal doman. ❚
Franco Marchetta

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +