Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

COGNONS DAL FRIÛL

............

Midiant de storie dai cognons furlans, si fâs ancje la storie dal nestri Friûl. Chest mês us proponìn i cinc cognons plui frecuents sul elenc telefonic a Udin.
(gjavâts fûr di «I cognomi del Friuli» di Enos Costantini e Giovanni Fantini ed. La Bassa/LithoStampa. O ringraciìn i autôrs pe disponbilitât e pe colaborazion).
RIZZI
Riz al vûl dî un riç di cjavei, ma ancje “riçot” (tal Lunari di Orsaria dal 2001 Rizzi al è Riç te version furlane e ancje cu la version feminine Riça). Il cognon, duncje, al ven di un sorenon. 1498, 21 marzo m.° Giac. Rizzi marangone a Udine.
ROSSI
Cognon fra i plui difondûts in Italie, tant di deventâ paradigmatic: il signor Rossi talian al è tant che il mister Smith dai inglês o il monsieur Dupont dai francês. Al ven di une carateristiche fisiche di persone: il  colôr dai cjavei o la ciere de muse. 1301, Jaconusius Rossi a Glemone. A Udin: 1598, 29 marzo patti dotali tra Euridice Rossi del dott. Flaminio e il dott. Berardo Guliota di Udine.
DEGANO
Di dean che al vûl dî “signôr”, “membri anzian di nomine” (a Glemone intal 1334: Nicolus de Bergagna, nostri dean), ma ancje “vuide di une comunitât”, chel che vuê al sarès il sindic. A Udin: 1456, Antonio Decani q. Paolo notaio di Udine.
FERUGLIO
Cognon cetant antîc (1382, 12 agosto Nicolò detto Feruglus peliparius cameraro confrat. dei Battuti di Udine), furlanon, ma di divignince pôc clare. Tantis lis ipotesis: une e dîs che al vegni fûr de peraule piemontese frui (clostri), deventât un sorenon par une persone ruspie; o al podarès vignî de peraule ocitane ferroul o ferrouil, che al vûl dî simpri clostri. O pûr dal latin ferrum (fier), cul sufis diminutîf -eolus/-iolus: se al fos cussì, il significât al sarès il mistîr di fari, ancje chi un sorenon par dî di une persone ruspie. La ultime pussibilitât e je che al sedi un diminutîf dal non di persone Fer, che pal esempli al à dât il cognon Ferro a Mortean.
ZILLI
Zili al jere une variante di Egjidi (tal 1431 a Nimis Egidio ossia Zilio q. Vitore). Il dopli “l” al è parcè che une volte si lave a doprâ tantis letaris doplis ancje li che no coventavin. ❚

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +