Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

CJARGNE VIVE. Il laboratori di restaur a Cedarcjis

............

Te frazion di Darte si cjate un laboratori impuartant di restaur. Achì, di plui di trente agns, si puartin oparis ridusudis mâl che, in gracie de passion e de professionalitât di Luciana Simonetti e di Francesco Candoni (mari e fi), a tornin a cjapâ vite. «La plui grande sodisfazion e je che cui che nus à comissionât un lavôr cuasi simpri al è sodisfat dal risultât e cuasi simpri al torne».
Dopo il taramot dal ’76, la Regjon e à metût in pîts une scuele di restaur par preparâ tecnics che a podessin recuperâ lis tantis oparis ruvinadis. I cors a duravin cuatri agns e ancje Luciana Simonetti e à decidût di partecipâ e si è cussì specializade tal ram de sculture di len. Tal 1980 si è metude in propri vierzint il laboratori e tal 2002, dopo jessisi laureât in conservazion dai bens culturâi, si è zontât il fi Francesco Candoni che al à començât cussì il so percors lavoratîf. «Al è un mistîr cetant biel», e conte Luciana. «Dificoltâts – tai prins agns dopo il taramot – no ‘nd jere parcè che si jere ducj pronts a fâ, a volê cambiâ. Nô o vin lavorât un grum e ben parcè che e jere une disponibilitât economiche grandonone di bande dal Stât e de Regjon, e in plui o vevin la agjevolazion che fin tai agns ’90 – no paiavin la IVA. Al jere biel lavorâ parcè che tu jeris convint di fâ une robe biele e uniche».
«Jo – al dîs Francesco – mi rint cont che i timps a son cambiâts, e e regne la precarietât. Ma o soi otimist. Intant o lin indenant a lavorâ simpri tant. Tal timp e je cambiade la maniere di lavorâ parcè che la disponibilitât economiche dai Comuns (il 90% dal nestri faturât al è public) no je plui chê dai agns passâts. Al è cambiât il mût di lavorâ ancje sot l’aspiet pratic: in plui di fâ il lavôr di restaur, cumò o vin di documentâ la storie di dutis lis oparis. Ogni nestri lavôr al è controlât dai funzionaris de sorintendence ai bens culturâi. O vin di rindi cont des proceduris di lavôr e viodi che al sedi dut coret, cuntun rapuart tecnic. E je une forme par confrontâsi e une garanzie di atenzion.
Ma al è fondamentâl che ancje lis istituzions si rindin cont dal patrimoni che o vin, e soredut de sô difese. Un minim di manutenzion ordinarie periodiche e evitarès grancj dams e duncje a saressin mancul coscj elevâts intal timp: a varessin di garantî une tutele minime ma costant. Biel al è ancje lâ a presentâ il lavôr che al è stât fat a la int dal puest: une maniere par pandi e par fâ cognossi la storie e la culture». ■
Marta Vezzi

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +