Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

CINE & TEATRI & ART. Lis nevrosis dai “Visin di cjase”

............

E je nassude la prime comedie sureâl par furlan. Un cine che al trate argoments contemporanis e che al cjacare in marilenghe. No la solite sit com sui stereotips dai furlans – che e fevele dai nestris caratarats o des storiis dai emigrants – ma une pelicule che si pues viodi e capî in dut il mont. Si intitule “Visins di cjase” e e je ispirade ae conte di Renzo Brollo “Vicini di casa”, contignude tal romanç “Racconti Bigami” (Cicorivolta edizioni). La trame e jere stade segnalade tal 2008 al “Concors par tescj cinematografics in lenghe furlane” dal Cec di Udin. “Mi fâs une cierte impression viodi il gno scrit deventâ un film – al spieghe il scritôr di Glemone – ancje se o vevi simpri vude la idee di realizâ un curtmetraç cun chest toc naratîf”. La pelicule, realizade de associazion “Upon a dream” dai doi regjiscj Giulio Venier e Marco Londero, e fevele de ossession di un om che al à il vizi di curiosâ te vite dai vicins di cjase. Al scolte lis vôs tra lis parêts e si imagjine robis che no son. Chest al puarte lui, Mauri, e il so compagn di vite che al è ancje il so miedi curant (il film al fevele ancje di omosessualitât) a traslocâ dispès. Tal ultin apartament li che al rive, Mauri al dîs di vê scuviertis robis une vore stranis: di fat, te cjase dongje al vîf un om che al fas il clown e la so femine la domadore. “Par dute la storie il protagonist si inventarà di dut par scuvierzi cui che a son i vicins di cjase”, al va indenant Brollo. La struture narative e je stade un tic cambiade e slargjade a pet de conte dal libri ma il messaç – come che al à domandât il stes scritôr – al è restat chel. “Tantis personis a àn fobiis che dispès a restin in famee, no si olse a mostrâlis o di pandilis. Invezit a van studiadis e superadis”. Il film mostrât, in anteprime, ai 8 di Jugn a Glemone, tal cine teatri Sociâl, a lis 20.45, e che al sarà sottitulât par talian e par inglês, al è stât realizât dut in Friûl e al è stât finanziât dal comun di Glemone, de Comunitât montane, de ARLeF, de Fondazion Crup, di Aita Multicenter, Soravito e cul sostegn dal Cec e de Cineteche dal Friûl. ■
Valentina Pagani

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +