Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Avostanis 2023, un viaç a scuvierzi ce che al reste de sacralitât

Moni Ovadia

A son 32 agns che i Colonos a rindin l’Istât furlan un laboratori di sperimentazion creative e di riflession cence confins. Intal curtîl dal vecjo complès colonic di Vilecjaze, “Avostanis” e je deventade une rassegne che no si pues mancjâ par capî ce che si messede inte culture contemporanie no dome di chenti: culì a son passâts di fat nons di nivel cetant alt de culture internazionâl e dutis lis personalitâts plui interessantis de culture furlane.
◆ La edizion 2023 de manifestazion no fâs ecezion. Sot de direzion artistiche di Federico Rossi, il program al è pardabon siôr di apontaments di interès straordenari, che chest an a van a tamesâ il teme dal sacri e de spiritualitât intes sôs plui variis interpretazions. Il titul, come simpri, al è significatîf: “tant che il vint” e je la citazion des peraulis di Giacomo Leopardi inte poesie “L’infinito”, un esempli di cemût che il flât vîf de spiritualitât al pues puartâ i oms, ancje in situazions dal dut margjinâls e solitariis come Recanati intal ’800 (o, intun ciert sens, come il Friûl di vuê), a produsi esemplis di riflessions di caratar universâl.
◆ La stagjon e je realizade cul jutori de Regjon, cul contribût de Fondazione Friuli e cul sostegn di Nonino e Civibank. A colaborâ a son ancje i Comuns di Listize e di San Vît dal Tiliment, la Societât pe Conservazion de Basiliche di Aquilee, la Associazion culturâl Furclap, Glesie furlane e, cun braùre, ancje la Clape di culture Patrie dal Friûl.
◆ Il program, fis di events, al tacarà cul bot ai 2 di Avost cuntun recital di Moni Ovadia ispirât ae encicliche “Laudato si” di Pape Francesc. Il spetacul si clame “Il cjant dal creât” e al previodarà leturis par furlan di Fabiano Fantini. Il test al met dongje la difese dal ambient dal atac dal om, e la difese dal spirt dai atacs di un vivi indiferent o cinic.
Sabide ai 5 di Avost e vignarà screade une mostre impuartante, curade di Angelo Bertani, che e met dongje lis fotografiis di doi mestris come Elio Ciol e Danilo De Marco cuntune instalazion di Debora Vrizzi. Il fîl ros che al lee chestis produzions al è la scuvierte di ce che al è ancjemò “venerabil” inte societât contemporanie, e par chest il titul al è “La sacralitât dal uman”.
Miercus ai 9 di Avost Gian Paolo Gri e Paola Treppo a resonaran sui ogjets votîfs che a deventin un imprest di conession cun Diu, inte conference “Lis mans sui simulacris. Al rivuart dal sacri incorporât”, intune serade che e sarà insiorade dai Cjantôrs de Plêf di Guart.
◆ Sabide ai 12 di Avost la serade, plui che spirituâl, e sarà spiritose cun “Sticeboris”, serade di satire furlane curade di Luca Domenicali e Gianfranco Napolitano, cu la colaborazion di Tommaso Pecile: cuasi 50 agns di ridadis cun Felici ma Furlans, Matarans, Teatro Ingenuo, Teatro Incerto, Catine, Aida Talliente, il Cuartet Madrigaliscj, Napox e Sfera e Frizzi Comini Tonazzi, stiçâts di Adriano Sabotto e Valdi Tessaro, ancje visantsi de memorie di Luciano Lunazzi.
Joibe ai 17 di Avost Marco Rossitti al presentarà il so gnûf film “Custodi”, vincidôr dal “Premio Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO” al Trento Film Festival.
Lunis ai 21 di Avost, lis “Provis viertis di culture furlane”: l’apontament plui adat par cognossi dut ce che al bol inte cite dal “cantîr creatîf dal Friûl”. Ospits a saran Giuliana Musso, Germano Trinità, Nicoletta Tarricani, Maurizio Tondolo, Marco Lupieri, Massimo Somaglino, Serena Fogolini, Giorgia Barbaresco, Elena e Luca Comisso. A presentâ la serade al sarà Giulio Pagotto.
Joibe ai 24 di Avost a rivaran ai Colonos lis Anutis, cuartet vocâl formât di Juliana Azevedo, Caterina De Biaggio, Laura Giavon, Alba Nacinovich, che cun “Miserere” a laran a proponi musichis de tradizion popolâr, di Giovanna Marini e Paola Nicolazzi.
Simpri in teme di sunôrs de tradizion, lunis ai 28 di Avost e sarà presentade “Musica picta”, la ricercje di Alessio Screm, nestri colaboradôr che al è ancje diretôr organizatîf di Avostanis, su la iconografie musicâl tai lûcs sacris dal Friûl. Lu acompagnarà ae spinete Rosangela Flotta.
Joibe ai 31 di Avost la esperience poetiche dal “Eretic Federico” e sarà ricuardade cul documentari in memorie di Federico Tavan, realizât di Paolo Comuzzi a dîs agns de muart dal poete di Andreis.
◆ Ultins apontaments in Setembar. Lunis ai 4 Marta Cuscunà e metarà in sene “The beat of freedom”, un esperiment su la Resistence che le viôt dialogâ dal vîf cun Fabio Babich che al ilustre cui fumuts lis storiis dai partesans.
◆ In code a Avostanis un dopli apontament cul professôr Gabriele Pelizzari, che vinars ai 8 di Setembar, a San Vît dal Tiliment, alì dal Antîc ospedâl di Sante Marie dai Batûts, al fevelarà cul diretôr dal “Messaggero Veneto” Paolo Mosanghini di “Aquilee e il futûr de memorie”. E sabide ai 9 al fasarà dôs visitis vuidadis, une a buinore e chê altre daspò misdì, ae scuvierte dai mosaics de Basiliche patriarcjâl di Aquilee, insiorade dal plui grant mosaic de Europe.
◆ Par ducj i events, la jentrade e je libare, fûr che pal spetacul “Il cjant dal creât”. Bisugne però cjoli la tessare dai Colonos che e coste 10 euros ma e à un valôr cetant plui grant par dut chel che e permet di cognossi. Se al plûf o in câs di variazions, miôr tignî di voli il program inzornât su www.colonos.it

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +