Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT – Un troi pal avignî

............

Par colpe de scuele, dai sorestants, e un pôc ancje di nô furlaniscj, al capite che la vite e lis ideis di une persone de jevadure di Tiziano Tessitori a sedin scognossudis ai plui. Un pinsîr su tancj ponts indevant sui timps.
Federalist ante litteram
Tessitori al veve lis ideis ben claris su la forme di Stât di adotâ e su lis pecjis di evitâ. Sul cuotidian «Libertà» dai 17 di Lui dal 1945 al ve mût di scrivi che «l’accentramento amministrativo, di tipo squisitamente napoleonico, si stese come un manto funereo su tutta la penisola, giustificato dagli uomini di destra e da quelli di sinistra con preoccupazioni di politica unitaria (…). [Lo Stato] deve essere ridotto alle sue funzioni essenziali, così che istituzionalmente e funzionalmente gli enti locali riabbiano la loro vita autonoma». Di bot 65 agns no àn coventât a nuie: o sin inmò chi che o spietìn la riforme federâl dal Stât talian.
I partîts di îr: come chei di vuê
A sintî i oms di partît di vuê – pe plui part ancje oms di partît di îr – al samearès che ducj a fossin dacuardi di fâ sù la Regjon tal ‘48. Ancje chi la realtât che al conte Tessitori e je une altre. «Cuintri de autonomie furlane – al scriveve propit su la «Patrie dal Friûl» dai 12 di Zenâr dal 1947 – a son i comuniscj, i socialiscj, i azioniscj, i monarchics, i liberâi. Parcè mo? A mi no mi interesse cumò di lâ a cirî il parcè che nus son contraris: a mi mi interesse di denunziâju denant de publiche impinion, parcè che lu tegni a mens pes bataiis di doman». I unics partîts che al salvave, tal ’47, a jerin chel Republican e il so: la DC. Di li a pôc, però, al scugnì gambiâ idee ancje su chest.
Regjon Friûl…
Tessitori al à simpri fevelât di «Regione Friuli» e vonde, come che al scriveve tal cuotidian «Libertà» dai 17 di Lui dal 1945: «Possiamo dunque concludere che il Friuli è un’entità regionale e che come tale va considerata dagli studiosi e dai politici.»
…e Udin capitâl «storiche»
Un altri cantin de sô bataie che si vûl spesseâ a taponâ al è chel de capitâl regjonâl. Cussì Tessitori al disè in fase di discussion dal Statût ai 16 di Otubar dal 1962 tal plenum dal Senât: «Se dovessi confrontare la storia di Udine con quella di Trieste, potrei dirvi che, quando Trieste era un villaggio di pescatori e di contadini, Udine era la capitale di una Stato più grande del Ducato di Milano e del Ducato di Savoia.»
Ce che no podè Vignesie e podè Triest
Une des resons che lu sburtarin a tignî dûr su la bataie pe autonomie dal Friûl e jere la preocupazion sul distin che e varès vût la Patrie sot dal Venit. «Se la risposta sarà negativa – al scriveve su «Libertà», in riferiment ae richieste de «Regjon Friûl», ai 24 di Novembar dal 1946 – il Friuli si rassegnerà ad essere, se non l’ultima, una delle province del Veneto, libero di cantar le sue villotte e d’organizzare le sue sagre paesane».
Cjalant il Friûl di vuê, al ven di domandâsi se ce che no à rivât a fâ Vignesie cu la potence dai numars e à rivât a fâlu Triest cu la potence dai aparâts.
William Cisilino

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +